Indie-eye – REC
Notizie in breve
The Beatles in streaming: più famosi di Gesù dal 24 dicembre?
The Beatles, illustri assenti dalle piattaforme streaming e on...
Sagra della Zuppa: tra concerti di qualità e cibo verace
Prosegue la sagra della Zuppa di Massarella, tra concerti...
Cayucas – Dancing at the blue lagoon: la recensione
Tra disimpegno estivo e la malinconia che accompagna la...
Unknown Mortal Orchestra – Multi-love: la recensione
Finalmente gli Unknown Mortal Orchesta cominciano a fare sul...
Rickie Lee Jones – The other side of desire: la recensione
Rickie Lee Jones, stanziata adesso a New Orleans, torna...
Low – One And Sixes: il nuovo album e il nuovo singolo
I Low tornano a settembre con un nuovo album,...
Marylin Manson, unica data italiana all’Alcatraz di Milano
Marilyn Manson presenterà i brani del suo recente "The...
Death Grips – on GP, il videoclip
Death Grips, il video di On GP
Dragonspring 2015, in free download la migliore musica della stagione a cura di David Drago
DRAGONSPRING 2015, musica di qualità in free download
Ariel Pink dal vivo a Milano e Bologna, 6 e 7 marzo 2015
Ariel Pink dal vivo Elita Design Festival Warm Up...
Manchester Orchestra, l’hard rock di Atlanta al circolo Magnolia: unica data italiana
L'hard rock dei Manchester Orchestra da Atlanta arriva in...
Sziget Festival: aperte le selezioni ufficiali per partecipare
Anche quest’anno il Sziget Festival di Budapest e l’Home...
Tre allegri ragazzi morti, i concerti unplugged
Tre allegri ragazzi morti; le date del nuovo tour...
Sig. Solo & The Superstars: Sexsation, l’album in streaming
Sig. Solo & The Superstars: Sexsation, l'album in streaming
Cesare Basile, Tu Prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più: l’anteprima
Cesare Basile, anteprima streaming di 3 brani su Spotify...
Caparezza dal vivo a Firenze al Mandela Forum
Caparezza, dal vivo a firenze il prossimo 6 marzo...
Acid Baby Jesus – Selected Recording
Uscirà il 18 novembre il secondo album dei greci...
Rossonoha, il primo Ep esce il 5 novembre
Primo Ep di Massimiliano Renzi come RossoNoha, prodotto da...
Mdou Moctar il cantautore Tuareg arriva in Italia a Novembre
Direttamente dal Niger, per la prima volta in Italia...
Amore Disperato, il nuovo festival del The KeepOn Experience
Il 17 Ottobre “The KeepOn Experience” approda presso il...
Francesco Guaiana – unsaid songs è il nuovo album
"Unsaid Songs" è il nuovo lavoro discografico del compositore...
Royal Bravada – Black Bones: il nuovo video
Black Bones, nuovo video dei Royal Bravada
Clan Bastardo – Ancora Brucia: il video e l’album
Ancora Brucia, nuovo video e nuovo album per i...
Giuseppe Capuana, il sangue di giuda: l’album e il video
Il sangue di giuda è il primo estratto che...
Francobeat – Radici è il nuovo album
Radici è il nuovo album di Francobeat
El raton pubblica il video di Paper Street tratto da Rattopsy
Esce oggi Paper Street, secondo singolo estratto da Rattopsy,...
Athene Noctua – Others
Others, nuovo album degli Athene Noctua
Universal Sex Arena – The Last Detroit’s Urbanist: il video tratto da Romancitysm
Universal Sex Arena presentano il primo video tratto dal...
Nicola barghi – Elettroshock: il disco è misteriosamente scomparso
Nicola Barghi e la scomparsa di 'Elettroshock': uscito nei...
Guido Maria Grillo al Circolo Pantagruel
Guido Maria Grillo chiude il 19 ottobre la ricca...
Franc Cinelli torna ad esibirsi in italia: le date del tour
Shot of Life è il primo singolo estratto dal...
Fuoricampo, il terzo album dei TheGiornalisti: ecco le date del tour
Esce oggi Fuoricampo, il terzo LP dei Thegiornalisti, Fine...
España Circo Este, Bucatesta tour giunge alla fine: il video dei saluti
Dopo 113 concerti e 80.000 Km percorsi in appena...
Clara & Ilaria vincono il Premio Franco Reitano
Il vincitore della seconda edizione del Concorso Musicale “Premio...
Retrolove – Il costo del rischio
"Il Costo del Rischio" l'album dei Retrolove
EELS, parte da Fiesole il tour di Mark Oliver Everett
Giovedì 17 luglio al Teatro Romano di Fiesole EELS...
The Rural Alberta Advantage – Mended With Gold è il terzo album in uscita a settembre
The Rural Alberta Advantage, ascolta lo streaming di "Terrified"...
Allah-Las – Worship the Sun: la recensione
La recensione in anteprima del nuovo album degli Allah-Las,...
Atari Teenage Riot: Reset, ascolta il nuovo singolo
In free download il nuovo singolo degli Atari Teenage...
Sharon Van Etten tre date a dicembre 2014
La cantante polistrumentista del New Jersey arriva in italia...
Festival delle Colline 2014: il programma completo
Torna puntuale come un orologio il festival delle Colline...
Simian Ghost il video di Never Really Knew diretto da Dan Huiting
Il nuovo video degli svedesi Simian Ghost ha un...
Rasty Kilo – Molotov: il primo disco solista esce oggi
Oggi esce il primo disco solista ufficiale di Rasty...
The Gentlemen’s Agreement – Apocalypse Town: la recensione
Apocalypse Town dei The Gentlemen's Agreement è stato finanziato...
Il bric – Nuovo Ordine Mondiale: la recensione
Nuovo Ordine Mondiale è un album esplicitamente bilanciato tra...
Boogaloo Summer Fest 2014 a Milano
Torna il Boogaloo Summer Fest giovedi 19 giugno al...
Ones & Zeros di Saro Cosentino: la versione reloaded
Esce il 18 giugno in una nuova veste un...
Federico Braschi & JD Foster – Richmond Ep: la recensione
Un Ponte fra Sant'Arcangelo di Romagna e Tucson: ecco...
Lucca Summer Festival 2014: il teaser di Carlo Virzì e il programma
Lucca Summer Festival 2014 ecco il teaser di Carlo...
The National – la foto galleria @ NOS Primavera Sound – 2014
The National al NOS Primavera Sound di Porto
Festa della Musica di Chianciano Terme – XV edizione: dal 23 al 27 luglio
Puntuale come un orologio, torna uno degli appuntamenti estivi...
NOS Primavera Sound 2014, il live report completo
Indie-Eye è stato al NOS Primavera Sound di Porto,...
Haim – la foto galleria @ NOS Primavera Sound – 2014
Ecco la foto Galleria realizzata da Giulia Bertuzzi in...
Sky Ferreira – la foto galleria @ NOS Primavera Sound – 2014
Ecco la foto Galleria realizzata da Giulia Bertuzzi in...
St. Vincent – la foto galleria @ NOS Primavera Sound – 2014
Ecco la foto Galleria realizzata da Giulia Bertuzzi in...
Giardini di Mirò – Rapsodia satanica è il nuovo album
Ispirati dall'omonimo film di Nino Oxilia, tornano i Giardini...
15 Minutes of Shame, Scrambled Eggs è il nuovo album
15 Minutes of Shame nascono nel 2011, dopo un...
Sophie Ellis Bextor: love is a camera, il nuovo video girato a Firenze
Il nuovo video di Sophie Ellis Bextor è interamente...
Luluc – Passerby: la recensione
Splendida seconda prova questa dei Luluc; Passerby esce a...
Go-Koala, il nuovo album è: ​Electric Skulls Radio
​Esce l'11 giugno 2014 “Electric Skulls Radio” il nuovo...
alt-J – This Is All Yours, il nuovo album esce a settembre
Esce il 22 settembre il nuovo album degli alt-j
The Emerald Leaves – il debutto
Tra psichedelia e Kraut ecco il debutto degli Italiani...
Pantera, Far Beyond Driven: rinati con occhi di serpente
Una serie di deluxe edition a catena che riguardano...
Bob Mould – I don’t know you Anymore: il nuovo video
Nuovo singolo per Bob Mould, i don't know you...
Pamela Anderson nel nuovo teaser di Morrissey: Earth Is The Loneliest Planet
Pamela Anderson nel nuovo teaser di Morrissey
Joan As Police Woman, il video di Witness diretto da Ben Reed
Bellissimo video di Joan As police Woman, Ben Reed...
Psychic Rites – Singularity: il video gore di Mike Wilson
Gore grottesco e sopra le righe quello del nuovo...
The rise and fall of the Clash, il documentario di Danny Garcia tra mito ed entropia
Danny Garcia si sta imponendo come una voce del...
The Pussywarmers and Réka – I Saw Them Leaving: la recensione
I Pussywarmers cambiano etichetta e collaborano con Réka, musicista...
Lilith Festival 2014: la musica è donna
Lilith, festival di musica d'Autrice arriva alla quarta edizione
Enrico Bosio, Zita è il suo nuovo romanzo
Enrico Bosio pubblica Zita, il suo primo romanzo
Nosilenz, 14ma edizione con Carla Bozulich e Pink Mountaintops a ingresso gratuito
La 14° edizione del Nosilenz si terrà nei giorni...
Beat Full Festival 2014, tutti i concerti dal 31 luglio al 1 agosto
Beat Full Festival, arriva dal 31 luglio al 3...
Beverly – Honey do – il video diretto da Hanly Banks
Bellissimo video della documentarista Hanly Banks realizzato per Beverly:...
Tori Amos – Trouble’s Lament, il nuovo video
Nuovo video per Tori Amos
Brother si scrive BRTHR: l’arte di Alex Lee e Kyle Wightman
La recentissima uscita del nuovo video di Ben Khan...
Accade Ex-CSI in tour, ecco le prime date
Angela Baraldi, Gianni Maroccolo, Giorgio Canali, Massimo Zamboni, Francesco...
Anna Calvi, David Byrne – Strange Weather: il video di Alan Del Rio Ortiz
Anna Calvi e David Byrne insieme per un EP,...
Pink Mountaintops – Get Back: la recensione
Get Back è un album dedicato al rock'n'roll, è...
Betti Barsantini – Le parole: il video di Manuela Di Pisa
Il video dei Betti Barsantini, le parole, diretto da...
Subsonica, un tour e un nuovo album a settembre
Samuel, Max Casacci, Boosta, Ninja e Vicio hanno riacceso...
Gulp – Season sun: la recensione
I Gulp sono la nuova band di Guto Pryce,...
Me First and the Gimmie Gimmies – Are We Not Men? We Are Diva!: la recensione
Rivisitazione punk di classici 70, 80 pop, colonne sonore,...
Einar Stray diventa Einar Stray Orchestra, “Politricks” è il nuovo album
Torna il norvegese Einar Stray con Politricks, ecco il...
TO•T•EM Festival 2014: storia e musica nella suggestiva Rocca di Staggia
Elli De Mon, Celluloid Jam, Gatti Mezzi, Capibara, God...
Giancarlo Onorato e Cristiano Godano – Ex Live: la recensione
Ex Live è il gradito accompagnamento musicale per Ex-Semi...
Fedora Saura – il video di Tenete buoni quei cani
Fedora Saura, il nuovo album si chiama "la via...
L’amo – Stupida: il video di Emilio Costa
Emilio costa gira il nuovo video per L'amo: Stupida
Luna Green – Swedish Strawberries: il video
Luna green e il nuovo video, Swedish Strawberries
The Black Keys – Turn Blue: la recensione
El Camino è un capitolo chiuso. Almeno per ora....
Ben Kitnick – tra estasi e dolore: l’intervista al regista di Heaven dei “Pure X”
Ben Kitnick ha 21 anni ma ha le idee...
R.E.M. Complete Studio Albums e Complete Rarities – Il vero epilogo di una band leggendaria
Operazione mastodontica che racchiude tutte le rarità e le...
Jenny Lewis – The Voyager: il nuovo album esce a Luglio
Jenny Lewis torna con un nuovo album, il più...
Musica per cefalopodi e colombi selvatici, l’esordio dei Band Bunker Club
Il disco d'esordio per la formazione astigiana è un...
Femina Ridens: il nuovo album nel 2015, co-producilo anche tu!
Il secondo album di Francesca Messina aka Femina Ridens...
Majakovich – il primo disco era meglio: la recensione
Dopo una lunga gestazione, i Majakovich danno alle stampe...
WhoMadeWho – Dreams: la recensione
I danesi WhoMadeWho in passato hanno fuso la vocazione...
Saluti da Saturno – Shaloma Locomotiva
Saluti da Saturno omaggia Endrigo, Paoli e la romagna...
k-conjog – Dasein
Nuovo ep per Fabrizio Somma aka K-Conjog
Area765 – Altro da Fare
Esce il prossimo 22 maggio il secondo album della...
Fujiya & Miyagi – Artificial Sweeteners: la recensione
Marshmallow in acido, il quinto album di Fujiya &...
Numbers And Letters: Tell me è il nuovo video a basso costo di Peter Szewczyk
Nuovo video diretto dal geniale Peter Szewczyk, Tell me...
Black Bananas – Physical Emotions: il video di M. Wartella
Il notevole M. Wartella, animatore della serie MAD, dirige...
Garbage – Girls talk: il video di Sophie Muller
Girls talk è un brano dei Garbage pubblicato per...
La Luz: tra surf e divertimento – l’intervista
La Luz sono quattro ragazze e vengono da Seattle,...
Dilaila – Tutorial: la recensione
Tra il pop femminile dell’Italia che non c’è più...
Sisyphus – take me: il video di Ryan Dickie
Il nuovo video di Sisyphus intitolato "take me" diretto...
Cara Dillon – Shotgun Down the Avalanche: il video di Matthew Lawes
Matthew Lawes dirige il nuovo video di Cara Dillon:...
Tara Jane O’Neil – Wordless in Woods: il video di Makino Takashi
Il filmaker sperimentale Makino Takashi dirige il nuovo video...
Royal Bravada, l’omonimo disco d’esordio: la recensione
Dopo l'EP del 2011, i ragazzi di Monza danno...
Wye Oak – Glory: il video di Michael Patrick O’Leary e Ashley North Compton
Il fotografo Michael Patrick O'Leary e l'illustratrice Ashley North...
Emily King – Distance: il video di Paul Jung
Paul Jung, giovane e promettentissimo fotografo di moda, dirige...
Kwabs – Pray for love: il video di Emil Nava
Bellissimo video di Emil Nava per Kwabs: Pray for...
Hercules & Love Affair + John Grant – I try to talk to you: il video di David Wilson
Il geniale David Wilson dirige il nuovo video di...
Cocoanut Groove – How to build a maze: la recensione
Cocoanut Groove, eredi improbabili della ondata hippie californiana
Gazpacho – Demon: la recensione
Prog folk anemico da Oslo, i Gazpacho con Demon
Arto Lindsay – Encyclopedia of Arto: la foto-intervista
Arto Lindsay ci racconta la sua Encyclopedia of Arto,...
Alpines – No other lover: il video di Jason Baker
Nuovo video per il visual artist Jason Baker; "No...
Toy – as we are: il video di Julian Hand
As we are è il nuovo video dei Toy...
Nick Waterhouse – Holly: la recensione
Secondo album per Nick Waterhouse, già produttore per Allah-Las;...
Hundreds – Aftermath: la recensione
Nuovo album per gli Hundreds, Aftermath trasforma l'elettronica del...
David Lynch – The Big Dream: il video diretto da Moby
Nuovo video per David Lynch diretto da Moby: The...
Brooke Candy – Opulence: il video di Steven Klein
Nuovo video estremo per Steven Klein, "Opulence" girato per...
Wu Ming Contingent – Bioscop: la recensione
Dalla carta al vinile (o al CD), due dei...
The Baseball Project – 3rd: la recensione
The Baseball Project, supergruppo costituito per regalarci un nuovo...
Tiësto ft. Matthew Koma – Wasted: il video diretto da Tabitha Denholm
Tabitha Denholm realizza il nuovo video per Tiësto: Wasted
Elbow – My Sad Captain: il video di Mark Thomas
Nuovo video per gli Elbow realizzato da Mark Thomas...
Vuvuvultures – Song Bot è il nuovo video Bdsm ed estremo di Mario Benedetti
Nuovo video per i britannici Vuvuvultures; Song Bot è...
Skint and Golden, l’America di Fabrizio Cammarata e Paolo Fuschi
Fabrizio Cammarata dopo l'esperienza con i Second Grace torna...
The Manges – All Is Well: la recensione
I Manges tornano con All Is Well, ed è...
Silent Lions, ecco il video di Runnin’ Me Down
Video lancio per il duo Heavy soul dei Silent...
Russian Red – John Michael: il video di Alex Bergman
Nuovo video diretto da Alex Bergman per la bella...
Ed Naevi – Cool old school: il video di Motion Fighters
Cool old school il nuovo video di Ed Naevi...
Nick Mulvey – Meet me There: il video di James Morgan
Nuovo video per il fotografo e reporter James Morgan...
Tobacco – Streaker: il nuovo video di Eric Warheim
Torna il geniale Eric Warheim, visto recentemente nel film...
Tune-Yards – Water Fountain: il video di Joel Kefali
Nuovo video per tune-yards diretto da Joel Kefali
The Darcys – Hunting: il video di Grandson and Son
Nuovo video per il geniale regista canadese Grandson and...
Veruca Salt – The Museum of Broken Relationships: il nuovo video diretto da Gary Kordan
Tornano le Veruca Salt dopo alcuni brani rilasciati per...
Little Hurricane – Sheep In Wolves Clothes: il video di Jordan Albertsen
Sheep In Wolves Clothes è il video degli Little...
Pharrell Williams – Marylin Monroe: il video di Luis Cerveró
Nuovo video per lo spagnolo Luis Cerveró; Marylin Monroe...
Neneh Cherry, everything: il video diretto da Jean Baptiste Mondino
Con la regia di Jean-Baptiste Mondino e la fotografia...
Neneh Cherry in Italia a Giugno 2014
Neneh Cherry in Italia a giugno porta sul palco...
Tokyo Police Club – Forcefield: la recensione
A metà tra le proprie origini alt-rock e la...
Greys – If Anything: la recensione
Dopo tre Ep ecco l'atteso debutto full lenght per...
Agnes Obel, a maggio tre date in Italia
Agnes Obel, tre date a Maggio in italia
Sabina – Viva l’amour: il video di oliver clegg
Sabina Sciubba completamente nuda nel video di "Viva l'amour"...
Goldhouse – Feel good: il video di Chris Grieder
Nuovo video per il giovane e geniale Chris Grieder,...
Junkfood – The Cold Summer Of The Dead: la recensione
La catabasi sonora dei Junkfood, quando la tromba dà...
Mazzy Star – i’m less here, il nuovo video
Nuovo video a sorpresa per i Mazzy Star, realizzato...
3 Fingers Guitar – Rinuncia all’eredità: la vera urgenza del cantautorato
3 Fingers Guitar nel suo "Rinuncia all'eredità" dimostra cosa...
Equateur – The Lava: il video di Kadavre Exquis
Nuovo video per l'animatore Kadavre Exquis: "The lava" per...
Gemma Ray / Alan Vega: Death Disc in streaming
Splendida collaborazione a sorpresa tra Gemma Ray e Alan...
Bestial Mouths – Ceased: il video di Katie Rose
Nuovo video estremo per Katie Rose; è il rituale...
Thug Entrancer – Death After Life VI: il video di Sabrina Rattè
Nuovo lavoro per la videomaker sperimentale Sabrina Rattè; "Death...
Mega Emotion – Luck dragon: il video di Hattie Ladd
Luck Dragon è il video di Hattie Ladd girato...
Sky Ferreira si difende dalle accuse di razzismo: il video di “i blame myself”
Nuovo video diretto da Grant Singer per Sky Ferreira:...
Slint – unica data in italia a Giugno
Gli Slint dal vivo in italia per un'unica data...
Lo stato sociale – c’eravamo tanto sbagliati: il video di Gugliemo Trautvetter
Il talentuoso staff di Studio Croma realizza il nuovo...
tUnEyArDs data unica in Italia a luglio
tUnEyArDs torna in italia per una data unica per...
Aucan – Riot: il video di Mustafa Sabbagh
Il noto artista crossmediale Mustafa Sabbagh dirige il nuovo...
Evil Voices di The Faint: il video diretto da Nik Fackler
Nik Fackler oltre ad aver diretto un film di...
Bang di Jon Waltz: il video di John Merizalde
Nuovo video di John Merizalde per Jon Waltz: Bang
Heartsrevolution – Ride or die: il video di Kate Moross
La talentuosa illustratrice londinese Kate Moross realizza il video...
Evj Jane – Closer – il video di Strawberry Jacuzzi
Video di Strawberry Jacuzzi per il duo di Vancouver...
OvO il nuovo ep in streaming su soundcloud: Averno/oblio
Nuovo ep per gli OvO in streaming gratuito
Marissa Nadler – Drive: il video di Naomi Yang
Naomi Yang dirige il nuovo video per Marissa Nadler:...
Peace – Money: il video di Ninian Doff
Il nuovo, disturbante video di Ninian Doff realizzato per...
Linda Perhacs – “The Soul Of All Natural Things”: al cuore di tutte le cose
Il miracolo epifanico di Parallelograms non si ripeterà mai...
Giuliano Dottori: L’arte della Guerra e i miei dischi preferiti per il Record Store Day 2014
Giuliano Dottori, la nostalgia per gli anni d'oro della...
Factory Floor – how you say: il video di Dan Tombs
Nuovo esperimento visual per Dan Tombs, il videoclip di...
Morning Parade – Alienation: il video di Christopher Mills
Nuovo bellissimo video di Christopher Mills per Morning Parade
Pink Mountaintops – North Hollywood Microwaves: il video di Annie Hardy
North Hollywood Microwaves, il nuovo video dei Pink Mountaintops
Jacques Greene – No Excuse: il video di Trusst
Il nuovo video di Jacques Greene, No Excuse, è...
Gloryhole, il video oltraggioso degli Steel Panther
Gloryhole, tra membri finti, buchi del piacere, grandi bevute...
Record Store Day 2014: Vinile, questione di tempo
Il processo di ascolto di un disco possiede ancora...
Les Claypool’s Duo De Twang – Four Foot Shack: la recensione
Raccolta di cover originale, riconoscibile, anarchica e scanzonata allo...
Mashrou’ Leila, dal libano a Firenze per un concerto esplosivo
Oxfam Italia, Middle East Now Festival e Music Pool/Network...
Band Bunker Club: Il giorno che tutto cambierà – il video in esclusiva
Band Bunker Club, in attesa dell'album d'esordio previsto per...
We Love Surf – Up and Rising: la recensione
Il preview dell'estate firmato Andrea Marcori, dieci beach ballads...
Pure X: Heaven, il video di Ben Kitnick
Bellissimo video di Ben Kitnick per Pure X; il...
Roladex – Anthem for the Micro Age: la recensione
Roladex, Anthem for the Micro Age è il loro...
Barbara Cavaleri, So rare: la recensione
Terza uscita discografica per Barbara Cavaleri, So Rare mostra...
Reckless Jane, l’inedito di Nick Drake nel nuovo album di Beverley Martyn
Spunta fuori un inedito di Nick Drake nel nuovo...
Record Store Day 2014: Si vive anche senza vinile
Il 19 aprile prossimo ricorre il Record Store Day,...
Piers Faccini, l’eterna sfida del songwriting: la foto-intervista
Piers Faccini ci ha raccontato la genesi del suo...
Elli De Mon: l’anima e il serpente
Esordio sorprendente quello della "onegirlband" Elli De Mon; abbandonato...
Stevie Wonder: una data unica ed esclusiva a Lucca
Stevie Wonder al Lucca Summer Festival
Suzanne Vega: due date in Italia a Luglio
A Luglio Suzanne Vega torna in italia a Pistoia...
Inutili – Music to watch the clouds on a sunny day
Da Teramo torna il progetto "inutili" con un nuovo...
Thot – the city that disappears
Grégoire Fray è un nome di tutto rispetto nella...
Deison & Mingle – Everything collapse[d]
Esce il 21 aprile 2014 la collaborazione tra Cristiano...
Jim O’Rourke – Good Times: il video dell’artista Boris Hoppek
"Good Times" di Jim O'Rourke riacquista vita grazie ad...
Kyle – Space animals: la recensione
Terza release e secondo full lenght per i Kyle;...
Roenik – i’m still here, il video di John Boisen
Roenik distrugge un piano verticale a colpi d'accetta nel...
The Pains of Being pure at Heart – simple and sure, il video di Allie Avital Tsypin
Nuovo video per Allie Avital Tsypin, "simple and sure"...
Fanfarlo – Cello song: il video di Ewan Jones Morris
Ewan Jones Morris, motiongrapher di talento, dirige il nuovo...
Odonis Odonis – Order in the court: il video di Lee Stringle sui dipinti di Hieronymus Bosch
Hieronymus Bosch animato da Lee Stringle in questo ferocissimo...
Boy oh Boy! di Diplo e GTA – il video partecipativo è online
È online il video di Boy oh Boy! di...
Moon Taxi – The New Black: il video di WATTS
Tripp e Jenna Watt realizzano il nuovo video per...
The Julie Ruin – Just my kind: il video di Adam Horovitz
Adam Horovitz, parte dei Beastie Boys e marito della...
Driftwood, il viaggio nello spazio dei King Of The Opera
Il ritorno dei King Of The Opera con una...
In Primavera: seconda prova di forza dei Foxhound
In Primavera, seconda uscita per i torinesi Foxhound
Zedd – Find you: l’arte di Jodeb
Jonathan Desbiens aka Jodeb è sicuramente uno dei registi...
Thee oh sees – The lens: il video di animazione di Alex Theodoropulos
L'illustratore Alex Theodoropulos realizza il nuovo video per Thee...
Elliphant – Revolusion: il video di Stylewar
Nuovo video per il collettivo Stylewar; "Revolusion" è il...
SXSW 2014 Music video – speciale: Joel Compass – Back to me, di Ian & Cooper
Il geniale "Back to me" diretto da Ian &...
Kylie Minogue – Sexercise: Will Davidson omaggia Adrian Lyne con un video supersexy
Will Davidson gira Sexercise, l'ultimo video hot per Kylie...
Johnny Cash – She used to love me a lot: il video di John Hillcoat
Il regista australiano John Hillcoat dirige il video per...
Crossing Borders dei Booka Shade: lo sguardo panoramico di Ryan Staake
Il geniale Ryan Staake lavora per il duo di...
Neneh Cherry – Out of the black: il video di Dario Vigorito
Nuovo video per Neneh Cherry, un omaggio di Dario...
††† (Crosses) – The Epilogue: il video di Raul Gonzo
Nuovo video per la band di Chino Moreno, il...
S. Carey – Crown the pines: il video di Kron
Nuovo video per S. Carey tratto dal suo imminente...
Moby – Saints: il nuovo video diretto da Brad Hasse
Saints è il nuovissimo video di Moby pubblicato da...
Trophy Scars – Holy vacants
"Holy Vacants" è il quarto album dei Trophy Scars,...
Delaney Davidson – Swim down low
Esce il 4 aprile per Outside Inside Records  con...
Hydras Dream – The Little Match Girl
La collaborazione tra la musicista Svedese Anna Von Hausswolff...
Il re tarantola – il nostro tabacco sa d’amore
Torna “Il re tarantola” a tre anni dal debutto...
Punk, grunge e psichedelia: l’intervista ai Go!Zilla
Più di duecento concerti negli ultimi due anni, palchi...
Vandemars – secret of gravity
Nuovo album per i Vandemars in uscita il prossimo...
Prizeday – Apps will grow like feathers
Atteso debutto per i Prizeday
Progetto Panico – Vivere stanca
Nuovo album per "Progetto Panico" prodotto da Karim Qqru...
Füsch! – Mont CC 9.0 Third Act
Terzo capitolo della trilogia Füsch! con un omaggio a...
Peter Piek – Cut out the dying stuff
Terzo album per il musicista / pittore Peter Piek
The Tablets – s/t
Debutto per la band di Liz Godoy ad aprile,...
TEEN – The Way and Color
Secondo Album per TEEN
Fujiya & Miyagi – Artificial Sweeteners
Esce a maggio il nuovo album di Fujiya...
Mashroù Leila a Firenze l’11 aprile
Mashroù Leila arrivano dal Libano a Firenze per un...
EMA, tre date a maggio in Italia: Future’s Void Tour
EMA torna in italia per tre date
A place to bury strangers: a luglio in italia
Due date a luglio per A place to bury...
The Undertones, a maggio in italia
Tornano a Maggio i mitici The Undertones
Nino Bruno – Posidonia, i fondali della metropoli: la recensione
Posidonia, i fondali della metropoli è la splendida colonna...
S. Carey – Range of light: la recensione
Range of light è il secondo album solista di...
Reptile Youth – Rivers That Run For A Sea That Is Gone: la recensione
Dalla Danimarca con amore dieci tracce confezionate su misura...
Banks – Brain: il video di Barnaby Roper è “puro sesso”
Nuovo video per la magnifica Banks diretto da Barnaby...
Brothers and Sisters of the Eternal Son: il folk cristologico di Damien Jurado
Che Damien Jurado non abbia mai fatto mistero delle...
Nada – L’ultima Festa: il video di Giacomo Favilla
Giacomo Favilla è fotografo e videomaker; oltre che una...
Moostroo: l’inquietante post-punk di provincia
I Moostroo cantano i mostri della provincia bergamasca, sostenuti...
School of Language – Old Fears: la recensione
Torna David Brewis dei Field Music con il suo...
Dum Dum Girls – are you ok: il video diretto da Brewer, scritto da Bret Easton Ellis
Bret Easton Ellis scrive la sceneggiatura per un video...
Lucius – Turn it Around: il video di Mimi Cave
Optical Art, Nouvelle Vague, performing arts, danza, movimento; questo...
Chelsea wolfe: Lone, il secondo teaser trailer di Mark Pellington
Secondo teaser trailer per "lone" il film di Mark...
Banks – Brain è il nuovo video, ecco il teaser
L'11 marzo esce il nuovo video di Banks; Brain....
Control Unit – Bloody Language: il video di Silvia Kastel
Tornano Ninni Morgia e Silvia Kastel con il progetto...
Lykke Li – Love Me Like I’m Not Made Of Stone: il video di Tarik Saleh
Love Me Like I'm Not Made Of Stone, nuovo...
Laibach – The Whistleblowers: il video di Morten Traavik
“The Whistleblowers” è il primo estratto dal nuovo album...
Summer Camp – Crazy: il video di Ozzie Pullin
Ozzie Pullin dirige il nuovo video per Summer Camp,...
Linda Perhacs – Prisms of Glass: il video di Jessica Hundley
Jessica Hundley dirige il primo video tratto da "The...
Farao – The Hours: il video di Hallvar Witzø ed Erik Brøndbo
Video lancio per Farao, The Hours è il video...
Nick Pride & The Pimptones – Rejuiced Phat Shake: una splendida festa
Nick Pride & The Pimptones tornano con il loro...
Fanfarlo – Let’s Go Extinct: la recensione
Nonostante l'accoglienza tiepida, i Fanfarlo consegnano la migliore fra...
Owen Pallet – The Riverbed: il video di Eva Michon
Eva Michon dirige il nuovo video di Owen Pallet,...
Rufus Wainwright – Me and Liza, lyrics video di Hector Santizo
Nuovo lyrics video per Rufus Wainwright, "me and liza"
Le luci della centrale elettrica – i destini generali: il video d’animazione di Michele Bernardi
"i destini generali" è il nuovo singolo di Vasco...
unePassante + Tribuna Ludu dal vivo: La Notte del Paguro al Glue
Primo Marzo, unePassante + Tribuna Ludu dal vivo al...
Angra tra metal e Brasile tribale; dal vivo a Trezzo sull’Adda il 19 Giugno
Gli Angra dal vivo al Live Club di...
Oneohtrix Point Never il 29 e 30 aprile in Italia
Oneohtrix Point Never 29 e 30 aprile arriva in...
OvO live al circolo arcipelago di Cremona: 1 marzo 2014
Domani 1 marzo 2014, OvO - live al Circolo...
Damon Albarn con Everyday Robots: in Italia a Luglio 2014 per due date esclusive
Damon Albarn a luglio in Italia per due date...
Lykke Li – I never learn, il video
Nuovo video per la cantante svedese Lykke li
L’intervista a “I Quartieri” – alla scoperta del wake pop
Tornano dopo tre anni I Quartieri con una nuova...
Hospitality – Trouble: la recensione
Seconda prova per il trio di NY, Trouble è...
Aventine di Agnes Obel: il video diretto da Alex Brüel Flagstad
Alex Brüel Flagstad dopo Riverside, The Curse e la...
Hers di Tommy Kruise: il video di Martin Pariseau
Nuovo video per Tommy Kruise diretto dal canadese Martin...
“Circus” anticipa il nuovo album degli Hundreds: Aftermath
Circus è il nuovo brano degli Hundreds, ascoltalo in...
Xiu Xiu, Stupid in the dark: il video di Amir Shoucri
Il disturbante video di Amir Shoucri diretto per gli...
Angel olsen – Hi-five – il video diretto da Zia Anger
Bellissimo video di Zia Anger diretto per Angel Olsen,...
Hobocombo Da oggi “Moondog Mask” in distribuzione europea
Da oggi, venerdì 31 gennaio, è in distribuzione in...
Goodnight Civilization, il nuovo alzum degli ZU esce ad aprile
Gli Zu annunciano il loro ritorno sulla scena musicale...
The killers and me di New Bums: il video di Willem Jones
Nuovo video per New Bums, il duo formato da...
Micah P. Hinson and The Nothing ecco l’artwork del nuovo album
Ecco la copertina del nuovo Micah P. Hinson and...
X-tribe – contest per band emergenti, aprono oggi le iscrizioni
Aprono oggi ufficialmente le iscrizioni alla nuova edizione di...
“In primavera” è il nuovo album dei Foxhound
In primavera è il nuovo album dei Torinesi Foxhound
James Pants, Venerdi 24 presso Arci Biko
Venerdì 24 gennaio James Pants, produttore musicale e polistrumentista,...
Slaves – Girl fight: Chris Hugall dirige il primo videoclip per instagram
Il londinese Chris Hugall realizza il primo videoclip girato...
I Break Horses – “you burn” e il montaggio creativo di David Dean Burkhart
"You Burn" è il nuovo video diretto dal geniale...
Chantelle Harlow, affetta da vitiligine, nel video estremo di JMSN : The one
Nuovo video per JMSN, come per i precedenti, diretto...
Bruce Springsteen al Padiglione Expo 2015: la falsa notizia de La Repubblica
La Repubblica arriva prima di tutti ad annunciare tre...
John Grant: un secolo di storia LGBT nel video di Glacier
John Grant racconta 100 anni di storia LGBT con...
Debora Petrina al Tender di Firenze, sabato 18 Gennaio
Debora Petrina in concerto al Tender Club di Firenze...
Nada, il nuovo album si intitola “Occupo Poco Spazio”
Nada Malanima torna con "Occupo poco spazio", nuovo album...
Wild Beasts – Wonderlust: il video di NYSU
Wonderlust, il video di NYSU per Wild Beasts
Reggie B – Hypnotized: il video di Mikael Colombu
Nuovo bellissimo video diretto da Mikael Colombu in 2d/Jankivision...
Aprite le orecchie Ospita i Diaframma domenica 12 Gennaio a Pisa
I Diaframma a Pisa nella rassegna "aprite le orecchie"
Black Forest Ghetto, aiuta il loro funk interstellare a imboccare la giusta galassia
Contagiosi e funk fino al midollo i londinesi Black...
Pixies – il video di Blue Eyed Hexe diretto da Mount Emult
Nuovo video per i Pixies diretto dall'animatore Matthew Newman...
Califone – il video di “Movie Music Kills a Kiss” diretto da Tim Rutili
Movie Music Kills a Kiss è il nuovo video...
Yugo in Incognito – Uomini senza gomiti è dissacrante e divertente
Simpatici, divertenti e satirici, ecco Yugo in Incognito
Ke$ha si auto dirige nel video di Dirty Love
Ke$ha dirige il video per "Dirty Love", brano contenuto...
I migliori videoclip del 2013 per i lettori di indie-eye: ecco il vincitore del contest
Ecco la top ten dei migliori videoclip del 2013...
I milgiori album del 2013 per i lettori di indie-eye: il vincitore del contest
I Migliori album del 2013 scelti dai lettori di...
Debora Petrina – il video di Princess realizzato da Roberto Battista
Il video di "Princess" realizzato da Roberto Battista per...
Beyoncé – Haunted di Jonas Åkerlund
Haunted il video di di Jonas Åkerlund per "The...
Beyoncè – Ghost di Pierre Debusschere
Ghost il video di Pierre Debusschere per "The...
Beyoncè – Pretty Hurts di Melina Matsoukas
Pretty Hurts il video di Melina Matsoukas per "The...
Calibro 35 – l’intervista: Ennio Morricone è la più grande rockstar vivente
Calibro 35, una conversazione con una delle band Italiane...
Collider di John Hopkins: Il corpo ritmico nello splendido video di Tom Haines
Bellissimo video girato da Tom Haines per "Collider" di...
Beyoncé – The Visual Album: si guarda, si ascolta, video come esperienza
Il visual album di Beyoncé si guarda e si...
DUB FX – Theory of Harmony: il tour italiano 2014
Dub Fx, virtuoso del beat boxing, nome di punta...
Ezra Furman, I Wanna Destroy Myself – il video incendiario di John hutelmyer
I Wanna Destroy Myself è il brano incendiario tratto...
Cibo Matto: ritornano con Hotel Valentine, il nuovo album
Torna una cult band degli anni '90, le Cibo...
Milfshake, il primo album dei Great Midori, la band esordiente più anziana della storia del Rock
Aiuta i Great Midori a produrre il loro primo...
MArteLabel, l’etichetta discografica 3.0: multidisciplinare, attiva, virale
MArteLabel non è semplicemente un'etichetta, ma anche una rete...
Funky Mama: Ep di debutto per l’omonima formazione italiana
Una miscela fra suoni afro, jazz e funky: ecco...
Rock Contest 2013, vincono The Whip Hand, premio Ernesto De Pascale a Luca Guidi
La finalissima del Rock Contest 2013 di Sabato 7...
The Whip Hand, il video di Like Water diretto da Benny Bruno
Il video ufficiale di Like Water, girato da Benny...
Nick Cave & The Bad Seeds – Higgs Boson Blues: il video diretto da Iain Forsyth & Jane Pollard
Nuovo video per Nick Cave & The Bad Seeds,...
Daft Punk – Instant Crush: il video diretto da Warren Fu
Nuovo video di Warren Fu per i Daft Punk
Lana del Ray, Tropico: ecco il video integrale di Anthony Mandler
Eccolo Tropico, l'atteso cortometraggio scritto da Lana Del Ray...
The Rentals, tornano con un terzo album dopo una pausa di 15 anni
The Rentals, una band culto della seconda metà dei...
Mrzyk & Moriceau: G.I. Jane (Fill me up) il video porno erotico per Jackson & his computer band
Mrzyk & Moriceau, i notevolissimi illustratori Francesi, autori anche...
We Are From L.A. e il videoclip di 24 ore per Pharrell Williams: Happy
Uno degli sforzi creativi migliori dell'anno è il video...
Cloud Control dal vivo in Italia a Marzo
La psichedelia vintage dei Cloud Control dal vivo in...
Caminanti, Basile dal vivo con una line-up d’eccezione
Caminanti è un progetto live formatosi intorno alle canzoni...
Mike Donovan all’Ex Fila Venerdi 6 Dicembre: da non perdere
Mike Donovan porta i brani del suo recente "Wot"...
Rihanna – What now è uno dei video più interessanti dell’anno
Il video di "What now" diretto da Jeff...
Sabato 7 Dicembre: Band da tutta Italia alla finale del Rock Contest 2013.
Ecco la finale del Rock Contest: Mauro Ermanno Giovanardi...
Tom Odell, I Know: il video di Magnus Hardner
Magnus Hardner, uno dei più noti autori di videoclip...
The Barry Horns, il video di Only you diretto da Lucy Ann Watkins
The Barry Horns con la loro cover di Only...
New Bums, ovvero Ben Chasny e Donovan Quinn, ascolta un nuovo brano in streaming
Donovan Quinn e Ben Chasny sono i New Bums,...
AC Angry – Black Denim: una folle corsa alimentata a birra
Con Black Denim i Tedeschi AC Angry sfoderano un...
Sky Ferreira e i video di Grant Singer: Night Time, My Time
Sky Ferreira e Grant Singer giocano al cinema
Jolanda Moletta diventa She Owl: il suono della natura
She Owl non è il primo lavoro di Jolanda...
Colapesce e Gino Paoli: in ginocchio da te
Colapesce, Gino Paoli, Cesare Basile e la S.I.A.E.
DE$iGNATED Remixano “Stoopid” di “Wave Racer”
DE$iGNATED in streaming
Neutral Milk Hotel, il 4 e il 5 Giugno dal vivo in Italia
I Neutral Milk Hotel tornano dopo 15 anni, due...
Un Dicembre di Concerti al Glue di Firenze: Ali, Ariadineve, Iosonouncane
Ali, Ariadineve, Iosonouncane, questi gli artisti di dicembre al...
“Classic” terzo singolo e video di Jangy Leeon tratto da “Lionel Collection”
Nuovo video per l'mc milanese Jangy Leeon
Week end al Tender di Firenze con Spectral Park, Rock Contest, Dimartino
Al tender da Giovedi a Sabato ti aspettano Spectral...
Celeb Car Crash – anteprima e release date di “Drinking in L.A.”
Drinking in L.A, brano in streaming dei Celeb Car...
“Hit on the Beat” è il nuovo singolo di Innesto
Venerdì 29 novembre esce per la rotazione radiofonica “Hit...
Piers Faccini, prima di Between Dogs And Wolves, un brano in free download
Piers Faccini regala un secondo estratto dal suo imminente...
The Answer, i “nuovi Led Zeppellin” al Viper di Firenze , 27-11-2013
Il 27 novembre arrivano a Firenze i devastanti The...
“Zu Den Gleisen”, il primo singolo di PsychOut Department aka Andrea Giannessi e Francesco Viani
Andrea Giannessi e Francesco Viani provano a rilanciare PsychOut...
Glasvegas a Roncade e a Milano: Vinci quattro biglietti con il contest di Indie-eye
Glasvegas. due date a Roncade e a Milano, vinci...
Stearica al Rimusicazioni Film Festival rimusicano Boese e Wegener
Venerdì 6 Dicembre gli stearica tornano a rimusicare "Der...
Banda Improvvisa, Venerdi 29 Novembre al Teatro Bucci di San Giovanni Valdarno
Banda Improvvisa con "storie di toscana", recital in occasione...
Bombino, nuovi live per gennaio 2014
Oltre al tour di Febbraio, tre date per il...
Luca Maris, “e tu mi basti” è il nuovo videoclip
Nuovo singolo e nuovo Videoclip per Luca Maris
The Yellow – LOL-a-bye: reality pop
Album d'esordio per i Baresi The Yellow, LOL-a-bye esce...
Marco Parente e Ryland Bouchard, il loro progetto su Music Raiser
Marco Parente si affida a Music Raiser per supportare...
Massimo Volume, il 16 Novembre dal vivo a Firenze
Massimo Volume dal Vivo a Firenze il 16 novembre
Arcade Fire – Reflektor: Il riflesso di un riflesso è un riflesso?
Orfeo, Euridice, Springsteen e gli LCD Soundsystem alla corte...
The Miracle Foundation raccontato da Jules Not Jude: l’intervista
Li avevamo incontrati in occasione dell'uscita di Tuesday, oggi...
The Miracle Foundation, il pop internazionale dei Jules not Jude
Ultima uscita per i Jules not Jude - The...
Dopodomani, il nuovo corso elettrico de Il Garage Ermetico
Seconda prova per la nuova incarnazione de Il Garage...
Dent May – Warm Blanket: superpop
Il giovane cantautore americano abbandona definitivamente l’ukulele, strumento che...
Pivi, premio italiano videoclip indipendenti, tutti i premi
I Vincitori del PIVI, il premio Italiano videoclip Indipendenti...
Rock Contest 2013, verso la finale
Domani giovedì 14 Novembre è di scena la sesta...
Non si esce vivi night; Appino dal Vivo al Lumiere di Pisa
Non si esce vivi night, il 21 novembre Appino...
The Bird Catcher, il nuovo video di Cam Archer per Mick Turner: una grande Karen Black
Cam Archer realizza il nuovo video per Mick Turner...
Carla Bozulich il 23 novembre al brancaleone di Roma
Il 23 novembre Carla Bozulich e la sua band/lab...
Samaris, elettronica e voce nel segno dell’eleganza: la foto-intervista
L'elettronica vocale degli islandesi Samaris è l'ultima scoperta di...
Italian Textile Sonata; a prato un concerto per Macchine Tessili
Il primo concerto al mondo realizzato per Macchine Tessili,...
Indie-eye su mixcloud
Nuovo canale mixcloud per indie-eye, inauguriamo con un ospite...
Nasce Indie-eye clip, il canale dedicato ai video in esclusiva su indie-eye musica
Ecco il canale di indie-eye dedicato ai videoclip in...
Brunori SAS, terzo album: ecco il primo teaser
Work in progress per il terzo lavoro di Brunori...
Godzillamarket Party @ Tunnel, Milano: non solo Ministri
Godzillamarket ha celebrato la sua attività con una festa...
GO!ZILLA live al Tender Club di Firenze
I Go!Zilla dal vivo, esplosivo punk'n'roll psichedelico da Firenze
Howe Gelb: The Coincidentalist esce il 4 Novembre
Il nuovo album solista di Howe Gelb esce il...
I Serpenti escono in Inglese con Cyclone
I Serpenti firmano per la pubblicazione internazionale del loro...
T-Rumors: il concorso per i musicisti emergenti con premi importanti
Il nuovo bando di T-Rumors scade il prossimo 10...
Mariam the Believer, Blood Donation esce il 7 ottobre per Moshi Moshi Records
Blood Donation di Mariam The Believer esce anche su...
Muchacho De Lujo, il nuovo Phosphorescent in versione Deluxe
Muchacho De Lujo , un set live nella versione...
Tricky di nuovo in italia: tre date a dicembre 2013
Grinding Halt porta nuovamente Tricky in Italia il prossimo...
Steve Vai, stasera a Firenze la partenza del tour
Steve Vai aggiunge nuove date e inaugura a Firenze
Lisa Stansfield, due date in Italia: un grande ritorno
Due appuntamenti da non perdere, Lisa Stansfield a Roma...
Coldplay: Atlas – il video di Mario Hugo e Micah Lidberg
Atlas è il bellissimo video "cinetico" dei Coldplay
CAVE, il video di Shikaakwa diretto da Nick Ciontea
Nuovo video per Nick Ciontea il mago dei video...
Nicodemo, Viola è il nuovo album
Viola, nuovo lavoro per Nicodemo a tre anni di...
“Aftershock” è il nuovo Motörhead
Il nuovo Motörhead esce il 22 Ottobre 2013 e...
Massimo Volume, Aspettando i Barbari esce il 1 ottobre
Il Nuovo Massimo VOlume esce il 1 Ottobre per...
Paolo Cattaneo, la luce nelle nuvole esce ad ottobre
Nuovo album per Paolo Cattaneo in uscita l'11 Ottobre
Premio Buscaglione, concorso per cantautori post-contemporanei
Il 15 settembre riparte il Premio Buscaglione, iscrizioni gratuite...
Foxygen il video di We Are the 21st Century Ambassadors of Peace & Magic
Il debutto dei Foxygen è ccompagnato da un video...
Artusi Remix, donpasta in tour
Artusi Remix, donpasta e la cucina italiana nel nuovo...
Odatto, il nuovo album a Ottobre
I parmensi Odatto con un nuovo album il primo...
Elton John: esce oggi The Diving Board, il nuovo album
Esce oggi il nuovo album di Elton John
Lory Muratti: Scintilla album nei negozi e e-book gratuito
Lory Muratti, Scintilla è un vecchio e-book e il...
Giacomo Toni, “della liquidezza dela terra”: la colonna sonora
Giacomo Toni cura la colonna sonora per una mostra
Alvin Curran, Paolo Tofani e Mauro Tespio inaugurano POPTraits
“POPTraits" nuova collana di musica contemporanea di Cramps Records
Back to the middle, il nuovo video dei Deerhunter
Olivier Groulx dirige il nuovo video per i Deerhunter...
Morrisey blocca la pubblicazione della sua autobiografia
Morrisey e i dissapori con la Penguin Books
Robbie Williams, Swing Both Ways è puro swing
Robbie Williams torna a tempo di Swing
Mercury Prize 2013, ecco le nomination
Le nomination per il Mercury Priza 2013
Bill Callahan, unica data Italiana a Febbraio
Bill Callahan presenta i brani del suo nuovo Dream...
Iceage, esplosivo post punk dalla Danimarca, due date in italia
Il post punk dei Danesi Iceage dal vivo
Imany, la nuova stella del soul a Firenze il 5 dicembre
Il soul di Imany sbarca anche a Firenze il...
The 1975 il 3 e il 4 marzo in italia
The 1974 in italia per due date a Marzo,...
The Vickers entrano nella scuderia Black Candy Records
Black Candy Records annuncia l'entrata nel proprio roster dei...
Rock Contest, bando prorogato al 27 settembre
Prorogato il bando per partecipare alla 25a edizione del...
Virginiana Miller, venga il regno è il nuovo album, segui lo Showcase Feltrinelli
Venga il regno, il nuovo album dei Virginiana Miller...
Nirvana, In Utero versione deluxe, Steve Albini definisce i giornalisti: parassiti
Steve Albini dice la sua sulla lavorazione di "in...
Basia Bulat, Tall Tall shadow è il nuovo album
Basia Bulat, Tall Tall shadow è il nuovo album,...
Rivelata la tracklist di Kiss Land, nuovo album di The Weeknd
Rivelata la tracklist ufficiale per il nuovo album di...
Scopri la copertina del tuo disco preferito nel nuovo video dei Superchunk
Nuovo album e nuovo video per i Superchunk
Buon successo per Musica W Festival XIX Edizione
A pochi giorni dalla chiusura di Musica W Festival...
Miniboone, il video di I Could, I Could
I Could, I Could anticipa il full lenght dei...
Il disordine delle cose, il terzo album
Il terzo album della band piemontese sarà registrato allo...
Giöbia, tre date in italia tra agosto e settembre
Tour europeo per gli psichedelici Giöbia con tre date...
Rory Culkin si impicca in ‘I Am What I Am’ degli Spiritualized
Nuovo, bellissimo video diretto da Ag-Rojas per gli Spiritualized
System of a Down, unica data italiana
Unica data italiana per i System of a Down...
Pelican Bay, il singolo dei Banana Beach in streaming
Banana Beach è un quintetto pop da Stoccolma, Pelican...
The Fratellis: a dicembre, unica data a Milano
Otto dicembre Milano, Magazzini Generali toranano The Fratellis per...
Padre etilista e figlio transgender nel video di Night Beds: Ramona
Nuovo bellissimo video per Night Beds diretto da Abraham...
Florencio Cruz al White Full Moon Party di Puro Beach
il sassofonista argentino Florencio Cruz, con il suo apprezzato...
Georges Vert, interrupter Jones in streaming
Interrupter Jones, nuovo brano in streaming tratto dal bell'album...
Viola, Sheepwolf esce il 3 Settembre
Precipitazioni sarà il prossimo video di Viola in uscita...
The Slytest, la nuova Rock N Roll Heaven è tra gli Stones e i Wilco
Gli Svedesi The Slytest anticipano la pubblicazione del primo...
Franc Cinelli presenta a Palermo il nuovo album
In attesa di una serie di date italiane in...
Mei 2.0: i finalisti del contest superstage
Venti band si sfidano per il vincere il Mei...
La notte della taranta 2013
Annunciato il cast del "pre-Concertone", con cui comincerà la...
La band del brasiliano dal vivo al Festival delle Colline
Festa di chiusura Festival delle Colline 2013, dedicata a...
Justin Timberlake, Take Back The Night è il nuovo video
Justin TImberlake pubblica il nuovo singolo Take Back the...
Blur all’ippodromo del Galoppo di Milano: un concerto non proprio memorabile
I Blur all'ippodromo del Galoppo di Milano, non tutto...
Musica W Festival, 2013 – XIX Edizione
Ci siamo quasi, il 14 agosto si accendono le...
I vincitori della Targa Giovani MEI 2.0
Ecco la Top Ten dei Migliori Artisti Live Indipendenti...
Wayne Coyne, the sun is sick, il primo libro a fumetti
pubblicherà il suo primo libro a fumetti intitolato "The...
Iacampo, prosegue il valetudo tour
Prosegue a grande richiesta il tour di presentazione live...
Arezzo Wave incontra Alterazioni
Arezzo Wave incontra Alterazioni, il festival amiatino delle arti...
Petrina in tour senza sosta
Prosegue senza sosta il tour estivo di PETRINA
Zerbino, nuovo video per Pagliaccio
Esce su Youtube il nuovo video di Pagliaccio, Zerbino....
Esce Hey il nuovo ep dei Le Gros Ballon
Uscirà il 20 settembre per CasaMedusa “Hey!”, il nuovo...
3° Festival della musica d’autore italiana
Tre giorni di musica con Le Orme, La storia...
Intreccio di ciglia, tra cantautorato pop e poesia, a Firenze 13-6-2013
Intreccio di ciglia è una raccolta di 10 brani...
L’importanza di chiamarsi Michele, disco d’esordio di Federico Cimini
È uscito il 28 maggio 2013 L'importanza di chiamarsi...
The Sunny Ep, quattro nuove versioni della mitica “sunny” nel nuovo ep di Tiziano Lamberti
Tiziano lamberti, produttore, compositore e Dj di fama non...
Sostieni la Festa della Musica di Chianciano Terme
La Festa Della Musica di Chianciano Terme è...
A Famous Local Singer, il nuovo album di Bobo Rondelli
Nuovo album per Bobo Rondelli in uscita a fine...
Beatrice Antolini, VIVID il nuovo album esce il 14 maggio
Il nuovo album di Beatrice Antolini si intitola VIVID...
Spiral 69, Ghost in My eyes è il nuovo album
A due anni da No Paint on the Wall,...
Arezzo Wave riscopre il lato Cheap in val di chiana
Arezzo Wave all'insegna del risparmio, la nuova edizione
Indie-eye si rifà l’orlo
Indie-eye cambia faccia
Daft Punk e Giorgio Moroder per Random Access Memories, la video intervista
Random Access memories è l'imminente quarto album dei Daft...
Lucca Summer Festival 2013, tra gli ospiti, Marcus Miller e Pino Daniele
Lucca Summer Festival, 16ma edizione
Marzia Stano in Arte UNA, l’album solista della cantante dei Jolaurlo
“Una Nessuna Centomila” European Tour, UNA presenta in anteprima...
Collettivo Ginsberg al Magnolia il 10 aprile per Rock’n’roll the dice
Mercoledì 10 aprile al Circolo Magnolia il Collettivo Ginsberg...
Mojo Station Blues Festival, la nona edizione a Roma
Torna dal 31 maggio al 2 giugno a Roma,...
Femina Ridens dal vivo presso la Citè giovedi 4 aprile
Giovedì 4 aprile presso la Libreria bistrot la Citè...
Pierpaolo Capovilla legge Pier Paolo Pasolini a San Govanni Valdarno, 23 Marzo
Pierpaolo Capovilla, il cantante di Teatro degli Orrori, presenta...
Aiuta gli Ulan Bator a produrre il loro nuovo album “En France/En Transe” con il crowdfunding
amaury_cambuzatLa...
The Next Day, l’ultimo David Bowie in streaming integrale e gratuito.
Su iTunes, The next Day l'ultimo album di David...
Verlaine Il nuovo album “…e ti proteggerò dal jazz” in uscita il 19 marzo
A tre anni di distanza da "Rivoluzioni a pochissimi...
Ofeliadorme a Marzo con Bloodroot
Nuovo album per gli Ofeliadorme intitolato Bloodroot, ospiti Angela...
Tegan and Sara, Heartthrob esce a fine mese su Warner Bros
Esce il 29 di gennaio il nuovo album di...
Marazzita, Mi gioco i sogni a carte, per la Fame dischi
"Mi gioco i sogni a carte” secondo EP del...
King of The opera, Venerdi 4 Gennaio al Glue di Firenze
King of The Opera, la nuova creatura di Alberto...
Piet Mondrian dal vivo al Tender Club, Giovedi 3 Gennaio
Giovedì 3 gennaio 2013 alle ore 22 presso il...
Mimes of Wine, quasi 7000 visite la video intervista su Youtube
Si avvicina alle 7.000 visite su Youtube la video...
Al Glue di Firenze raddoppiano i concerti a partire dal gennaio 2013
l Glue di Firenze arricchisce la programmazione a partire...
Amaury Cambuzat dal vivo a Teramo il 25 novembre
Il prossimo 25 novembre Amaury Cambuzat in concerto a...

Reality non è solo il titolo di uno degli ultimi lavori di David Bowie, ma è anche un film di 28 minuti realizzato solamente per l'edizione statunitense DualDisc inizialmente pubblicata dalla Sony BMG nel 2003. Lo ha diretto Steven Lippman, un talentuoso regista stanziato a Brooklyn ed è virtualmente inedito in italia. Reality, il film è un'esperienza visiva molto forte, sopratutto a pochi mesi dalla scomparsa di David Bowie. Ne abbiamo parlato insieme a Steven Lippman con una lunga e dettagliatissima intervista per indie-eye, realizzata da Michele Faggi 

Di

Share Button

Alla fine del 2003 la Sony BMG pubblicava un’edizione speciale di Reality, l’album di David Bowie uscito lo stesso anno. La Reality Tour Edition veniva limitata solamente alla distribuzione attraverso il tour promozionale per poi essere estesa alla vendita alle sole aree di Seattle e di Boston ed infine a tutti gli Stati Uniti alla fine del 2004. Il contenuto del DualDisc, un formato Ibrido sperimentato in quegli anni, oltre all’album di Bowie in versione 5.1, conteneva un film esclusivo di circa 30 minuti intitolato “Reality”, come l’album e inclusivo di alcune clip relative ai brani Never Get Old, The Loneliest Guy, Bring Me The Disco King and New Killer Star. Il progetto differiva completamente dai tradizionali EPK, configurandosi come una long-form del tutto diversa da quelle già sperimentate da Bowie nella sua carriera, tra cui il concept di Love You Till Tuesday ideato inizialmente per la ZDF e la clip estesa di Jazzin’ For Blue Jean diretta da Julien Temple.

Reality, il film viene affidato a Steven “Flip” Lippman, autore di talento stanziato a New York, che in quegli anni aveva già lavorato con il Kronos Quartet e con Laurie Anderson per “Life on a string”.

Chi ha avuto modo di vedere il film di Lippman, sostanzialmente inedito per il mercato italiano, conosce già l’impostazione concettuale del progetto, la cui origine deriva da una serie di domande poste a David Bowie, le cui risposte vengono messe in circolo attraverso un processo di decostruzione molto preciso e teso a creare un disorientamento di tipo percettivo.

Filmato in un teatro di posa ed in esterni, “Reality, il film” si dipana tra una “doppia” intervista e una relazione altrettanto palindroma tra luce ed oscurità.

Le suggestioni che il film innesca sono molteplici e ci consegnano una delle esperienze visive più potenti nella carriera di David Bowie, con una parte pre-conclusiva dedicata a Bring me the disco king, segmento che sembra elaborare un lungo percorso di relazione con i corpi e con la morte che Tanja Stark ha approfonditamente analizzato secondo i principi di nessi acausali della sincronicità, con suo saggio contenuto nel volume Enchanting David Bowie.

Visto adesso, il film di Steven Lippman, acquisisce un valore molto forte, proprio per questo preferiamo non svelarvi interamente il contenuto, invitandovi a guardarlo sul profilo vimeo ufficiale del regista americano.

Gli interessi di Bowie per alcuni aspetti antropologici, spirituali e linguistici  non così distanti da quelli per Derrida o altre forme di disseminazione che abbiamo analizzato con questo articolo, sembrano trovare un’interpretazione molto suggestiva attraverso la creatività di Steven Lippman, con un lavoro che è interamente ideato da lui e che ci ha ricordato moltissimo l’Inland Empire Lynchiano, ma realizzato tre anni prima.

Una delle risposte di Bowie nell’intervista creativa concertata da Lippman e che ci piace segnalare, si riferisce al romanzo di  Peter Ackroyd intitolato Hawksmoor, titolo comparso anche nella lista dei cento libri preferiti dall’artista inglese pubblicata dalla stampa anglofona e che mette insieme storia e fantasia, basandosi sulle sei chiese commissionate all’architetto inglese Nicholas Hawksmoor e terminate nel 1733. Il fatto che la psicogeografia di queste chiese (a cui Ackroyd ne aggiunge una di fantasia) disegni una vera e propria “Blackstar” sulla mappa di Londra rientra in una suggestione possibile alla quale non vogliamo dare alcun significato esclusivo, proprio per la natura del tutto inclusiva del progetto sviluppato da Lippman

A questo proposito abbiamo rintracciato e contattato Steven Lippman per fargli alcune domande sulla lavorazione di Reality, il film e sul suo rapporto creativo con David Bowie. Ne è venuta fuori un’intervista ricchissima, che vi proponiamo in lingua italiana e in lingua inglese, per approfondire la genesi di questo importante capitolo nella carriera di David Bowie e per conoscere da vicino il metodo di un regista dal grande talento come Steven Lippman.

Guarda Reality, il film, sul profilo vimeo di Steven Lippman

David Bowie - Reality, il film. Di Steven Lippman

David Bowie – Reality, il film. Di Steven Lippman

L’idea principale che sta alla base del film realizzato per Reality è molto differente da qualsiasi altro progetto promozionale. Prima di tutto non è un EPK tradizionale, ma si tratta di un concetto complessivo che interagisce con musica e immagini per costruire qualcosa di più stratificato. Come è nata l’idea, come ha cominciato a collaborare con David Bowie e come ha sviluppato questa idea con lui, prima ancora di cominciare a filmare?

Reality film non è un EPK e non è mai stato pensato come uno strumento promozionale. Tra l’altro, esiste una versione breve in forma EPK che è stata desunta dallo stesso materiale. Le risposte sono molto dirette e in un certo senso orientate alla promozione dell’album.

Il “Reality film” è stato creato in un certo modo perché mi é stata data l’opportunità di lavorare su materiale che potesse essere inserito in modo esclusivo nell’edizione DualDisc del CD di Bowie. “Reality” è stato uno dei primi DualDisc in assoluto, un formato introdotto proprio negli Stati Uniti. Nello specifico, per chi non avesse familiarità, era un formato che conteneva informazioni CD e DVD su un solo supporto. Il lato DVD poteva contenere solamente 40 minuti di materiale. In questo senso mi era stato chiesto di creare un contenuto di minimo 30 minuti, per sfruttarne al massimo le potenzialità. La richiesta iniziale era quindi generica, ma mi ha consentito di immaginarmi la cosa come se avessi una tela vuota su cui lavorare.

Il manager di Bowie era informato riguardo al lavoro che avevo fatto con Laurie Anderson (n.d.r  il video di Life on a String) , per questo mi contattò per sapere se avevo qualcosa da far vedere a Bowie. In quel momento non sapevo quale sarebbe stata la strada da intraprendere né ero a conoscenza dei dettagli del progetto. Sapevo solo che Bowie stava per guardare il mio materiale, che era piuttosto soddisfacente. Quando ho appreso che avrebbe voluto lavorare con me, mi sembrava impossibile. Naturalmente ero molto eccitato all’idea.

L’idea per il film è mia, ma ispirata dai brani di Reality e dalla mia ammirazione di lungo corso per la sua musica. Bowie era e rimane uno dei miei grandi eroi culturali. Mi ha dato totale libertà nella scelta dei brani per creare il concept. Mi sono incontrato con lui alcune volte dopo la fine della lavorazione di Reality, l’album, ma in generale si è trattato di incontri per ascoltare la musica e per conoscerci meglio. Non abbiamo mai discusso il significato delle canzoni.

Ho scritto il film in forma di prosa. Circa due o tre pagine in tutto. Non era una vera e propria sceneggiatura, ma una linea appena tematica e descrittiva. Bowie l’ha letta e mi ha incoraggiato molto, apprezzando il lavoro. Abbiamo cambiato solamente due cose prima di girare, ed erano del tutto minori. Per esser chiari, sono sicuro che se non avesse apprezzato quello che avevo scritto, sarei certamente venuto a saperlo. Nel suo approccio non c’era mai niente di passivo. Era sempre molto coinvolto ed eccitato su tutte le possibilità creative. Dal momento che ha apprezzato quello che gli proponevo, voleva solamente incoraggiare il processo.

Per “Reality Film” sono stati scelti formati differenti. È un mix tra digitale e pellicola? La grana di alcune immagini sembra suggerire l’utilizzo del 16mm o dell’8mm. Come mai questa scelta, e può raccontarci il processo di realizzazione anche in questo senso?

Il 35mm è stato utilizzato solamente per le sequenze girate nella foresta (n.d.r. il segmento che riguarda “Bring me the disco king”) Abbiamo recuperato una vecchia Mitchell a manovella, come quelle utilizzate durante il periodo del muto. Questo ci ha consentito di ottenere una velocità irregolare e un’apertura variabile, che si può vedere nelle immagini.

L’intervista e “Never Get Old”, oltre a “The Loneliest Guy” e parte di “Bring me the Disco King” sono stati girati in Super 16mm, anche se ci sono alcuni inserti in Super 8 durante l’intervista. Stessa cosa per quanto riguarda gli alberi e le immagini di New York quando attacca “New Killer Star”. L’immagine che riproduce il volto di Bowie dal monitor televisivo è stata invece girata in Mini-DV e montata lo stesso giorno delle riprese sul set. In questo modo l’abbiamo riprodotta attraverso il monitor, ri-fotografandola in Super 16mm. Devo sottolineare che l’intero film è stato girato in due giorni complessivi. Gli interni il primo giorno, mentre le immagini della foresta e quelle urbane, il secondo giorno.

David Bowie - Reality, il film. Di Steven Lippman

David Bowie – Reality, il film. Di Steven Lippman

Nel film, la luce e l’oscurità hanno un ruolo importante. In particolare lo sguardo del pubblico viene condotto fuori dalla fruizione consueta di una performance, mentre la luce rivela solamente alcuni dettagli. David Bowie è fuori fuoco nella prima canzone; è nell’oscurità nella seconda e si copre il volto dalla fonte luminosa, mentre nel terzo entra in un mondo “altro” ed esterno, diverso dalla realtà performativa. Alla fine, quando sentiamo “New Killer Star”, ci vengono mostrati solamente alcuni alberi e un paesaggio urbano. Questo distacco progressivo da diversi livelli di realtà è peculiare nella ricerca di David Bowie, sia sulle immagini che sul linguaggio. Come ha discusso gli aspetti narrativi e come ha interagico con lui nel processo creativo? C’era una sceneggiatura, uno storyboard, alcuni disegni. Bowie ha in qualche modo condiviso alcuni aspetti concettuali con lei?

Eravamo d’accordo su un punto: non doveva esserci alcun storyboard. È il modo in cui preferisco lavorare. Ho un approccio molto specifico con l’illuminazione, e tutti gli aspetti di pre-produzione, incluso le location, ma preferisco lasciare le cose aperte per scoprire aspetti dell’immagine che non avrei mai potuto programmare.

Riguardo la progressione dei temi, ci fu uno sforzo cosciente in fase di montaggio, affinché si potesse creare l’idea di Bowie in un mondo chiuso che diventa sempre più frammentato e caotico per poi arrivare nella foresta esterna, prima che scompaia dal film, almeno in termini visivi. Molte cose sono emerse proprio in fase di montaggio, certi motivi, ma ho cercato di essere fedele al concetto e ai temi iniziali.

Riguardo alla sequenza in cui Bowie si nasconde dalla luce, si tratta di un tema sviluppato sul set per errore mentre stavamo girando “The Loneliest Guy”, ma sviluppa l’idea della luce per un interrogatorio. Ho pensato a come ci si può sentire quando si viene colpiti dai flash dei paparazzi, oppure ad un sospettato che viene interrogato in una stazione di polizia davanti ad una luce incandescente, oppure un criminale braccato dai riflettori di un elicottero, o forse, come quelle emesse dagli stessi in una missione di soccorso. Le associazioni sono moltissime, e tutte quante applicabili. Questa cosa è visibile per la prima volta in “The Loneliest Guy” e poi nella sequenza dove i rami della foresta sono bianchi (n.d.r. perché illuminati da un fascio di luce che attraversa misteriosamente la foresta dove Bowie si trova) per emergere infine oltraggiosamente con “Bring Me the Disco King”.

L’idea del film, o comunque la prima fonte di ispirazione, viene da un mio pensiero su cosa possa significare essere David Bowie e avere tutte quelle numerose identità pubbliche, e come lo stesso pubblico guarda le celebrità per ottenere delle risposte. Ho pensato a questo prima di ascoltare la musica di “Reality”. Non voglio applicare un senso ulteriore al film, perché credo che lo spettatore possa trovarci molte cose differenti, tutte quante generalmente valide. Questo è per me il punto fondamentale. Per esempio, ho sempre pensato che il film fosse divertente in modo oscuro, mentre altri lo trovano spaventoso e disturbante.

Ecco, l’idea dell’intervista per esempio, mi è sembrata molto forte, è una traccia del riflesso e del distacco da due immagini mediate, su livelli differenti. Il Bowie che si vede attraverso il monitor, e il Bowie intervistato. E la posizione dell’intervistatore e dell’intervistato sembra capovolta. Può raccontarci qualcosa su questo e sull’idea delle voci sovrimpresse, che a un certo punto confondono e rendono ardua la comprensione delle parole?

L’intenzione era quella di decostruire una conversazione avuta con David Bowie e basata su domande che spaziavano da argomenti di un certo spessore ad altri più assurdi, senza fare alcuna distinzione tra essi. Alcune di queste domande erano “I palazzi e le costruzioni hanno una personalità?” “Credi nel soprannaturale?” ma anche “Ketchup o mostarda?”. Il fine ultimo era di non ottenere, deliberatamente, alcun senso e di connettere le risposte alle domande sbagliate. Confonde e sconvolge e in qualche modo ne vuoi uscire. In questo senso Bowie nel film fugge da se stesso. La post produzione sonora 5.1 è davvero pazzesca ed è stata curata da Hector Castillo a partire dal sound design creato da Mary Ellen Porto e si può sentire correttamente solo sul DualDisc. È un lavoro che evidenzia, tra le altre cose, la lotta di potere tra il Bowie intervistato e quello sullo schermo televisivo. C’è proprio una battaglia per ottenere una posizione ingaggiata davanti ai canali audio. Vince il Bowie nel monitor. C’è un frammento, proprio alla fine della sequenza, dove puoi sentire il Bowie nel monitor mentre dice “questo è terribilmente triste”

Può sembrare insensibile, ma penso che sia sempre ridicolo guardare alle celebrità per cercare risposte profonde sulla vita. Questo non significa che non abbiano qualcosa di valido da aggiungere su questioni di interesse collettivo, oppure che i migliori non possano essere fonte di ispirazione attraverso il loro talento, sto solo dicendo che la loro fama non assegna a quelle idee un valore ulteriore. Credo che il concetto del film possa essere percepito diversamente oggi nell’era di Twitter, ma forse presagisce tutto il rumore odierno intorno ai social media.

Come avevo detto prima, ho filmato mentre facevo delle domande a David Bowie, inquadrato come una “testa parlante”, e poi montato come un loop connesso al monitor televisivo. Quando abbiamo filmato la conversazione attraverso il 16mm, gli ho posto le stesse domande e Bowie ha semplicemente improvvisato le risposte. Durante il montaggio, appariva come se stesse ponendo quelle domande a se stesso, ma ero io a fargliele sul set.

David Bowie - Reality, il film. Di Steven Lippman

David Bowie – Reality, il film. Di Steven Lippman

La mirrorball è un oggetto centrale. Ricorda naturalmente l’era Disco ma sembra anche un dispositivo che ci porta in un’altra dimensione. Fa pensare alle luci nel teatro di Inland Empire (realizzato qualche anno dopo) ma in un modo rovesciato, perché durante “Bring me the disco king” la mirrorball è l’unico oggetto artificiale in un set naturale. Un’idea molto bella. La domanda è: perché la mirrorball? Può raccontarci qualcosa sulla sua genesi? Con Bowie avete condiviso alcune idee su arte, cinema o altri riferimenti?

L’idea è semplice come l’indicazione che arriva dalla parola “Disco”. La mirrorball ha anche una qualità da sala da ballo che si connette con il segmento di “The Loneliest Guy”, che ho immaginato come una torch song moderna, come quelle che Billie Holiday e Frank Sinatra avrebbero cantato in un periodo differente.

Quando ho cominciato a pensare al film, ho avuto questa visione di Bowie in una foresta. Non cera nessun altro contesto tranne il fatto di averlo sempre visto in setting molto stilizzati o artificiali e che sarebbe stato interessante vederlo in un ambiente naturale. Poi ho ascoltato “Bring me the Disco King” e ho pensato: come sarebbe se mettessimo una mirrorball al centro di una foresta, trasformando la natura in un palcoscenico? Davvero, è stato un pensiero istintivo. La mirrorball ha una qualità misteriosa e minacciosa nella sequenza di “Disco King”. Durante il montaggio, la immaginavo, scherzosamente, come il monolite di 2001. Ma non era l’intenzione quando ho filmato. Le persone mi chiedono “che cosa significa” e la risposta è: “ha davvero importanza?”

La traccia scritta ha molti riferimenti con differenti filmakers, evoca stili e atmosfera, ma in via definitiva era solo un modo di comunicare le idee iniziali a Bowie così che potesse  sentirle risuonare, senza che fossero semplici parole. Era molto colto dal punto di vista cinematografico, quindi era un buon modo per procedere con le idee. In altro modo, credo a livello subcosciente, non c’erano riferimenti diretti ad altri film quando abbiamo cominciato a girare. I rami bianchi provengono da “Dracula: Pages From a Virgin’s Diary” di Guy Maddin, che avevo visto di recente in quel periodo, ma non c’era niente di specifico tranne l’idea di partire da qualcosa di semplice e rappresentativo come rami bianchi ed evocare qualcosa di più esteso con l’illuminazione, il Super 8mm e David Bowie.

Dove avete girato? Vediamo palazzi, la sezione in studio, e c’è una foresta. Può dirci qulcosa sulle location?

Abbiamo girato tutt’intorno New York. La foresta e gli alberi erano intorno ad un fiume nel New Jersey, 45 minuti di guida. Non ricordo il nome esatto del posto. Tuttavia, la parte in interni e tutte le immagini esterne intorno, riguardano Manhattan. Anche l’immagine in cui Bowie si confonde tra i rami bianchi è stata girata in un teatro di posa.

“Bring me the disco king” sembra una sorta di uscita dalla realtà del palco, anche se questo nei segmenti precedenti non è così chiaro come luogo performativo ed è piuttosto stilizzato. La foresta sembra rappresentare una realtà differente e si apre alla rappresentazione molto esplicita di un doppio, come se fosse la separazione tra Bowie e il suo personaggio. In un certo senso, e soprattutto in questi giorni, è un’immagine commovente e molto potente, anche per le parole pronunciate da David Bowie verso la fine del segmento: “Questo è il suono della morte, questo è il suono che si può sentire quando sei morto: porte che si aprono”. Da dove arriva tutto questo? E in termini strettamente tecnici, sembra che si sia usato lo stop-motion. Come mai questa scelta?

La tecnica consiste nella velocità variabile e l’apertura della cinepresa 35mm a manovella. Si è poi girato simultaneamente con un’immagine più chiara in 16mm, per poi tagliare avanti e indietro tra i due diversi tipi di immagine con facilità.

Il doppio era un’estensione dello sdoppiamento di Bowie che intervista se stesso. È difficile applicare un significato ulteriore alla rappresentazione della morte all’interno della foresta, soprattutto adesso. La cosa migliore da dire, per quanto mi riguarda è che il tutto è stato ideato nel 2003 e che qualsiasi analogia può essere adesso compresa solamente nell’ordine delle coincidenze.

Il dialogo sulla morte viene dalle reazioni di Bowie ai rumori che provenivano dallo studio tutte le volte che gli chiedevo del soprannaturale. E abbiamo riso molto sull’assurdità di questo sincronismo. Quando il rumore cigolante di un porta nello studio, aperta senza una ragione precisa, ha interrotto le riprese, Bowie ha pronunciato quella frase sul suono della morte, in modo totalmente scherzoso. L’ho usata nel montaggio, applicandola ad un contesto differente. In quei giorni l’approccio era quello dell’umorismo nero. E penso ancora che sia così, anche se capisco perfettamente che in questo momento per alcune persone assuma un diverso significato. Non ne sono affatto immune.

David Bowie - Reality, il film. Di Steven Lippman

David Bowie – Reality, il film. Di Steven Lippman

Che tipo di illuminazioni e sorgenti luminose avete usato durante le riprese di “Bring me the disco king”?

Abbiamo girato principalmente con luci naturali, ad eccezione di una sola, potentissima, sorgente chiamata Xenon che rifletteva direttamente sulla mirrorball. Quel giorno c’era una leggera pioggia e anche una foschia nebbiosa che tagliava l’aria sotto la copertura degli alberi. I riflessi che provenivano dalla mirrorball si rovesciavano quindi sui rami creando quello che sembrava come sangue bianco attraverso un sistema venoso. Abbiamo scoperto questo effetto sperimentando al volo e sul posto. Non c’era niente di preparato in questo senso. Il primo obiettivo era quello di ottenere un riflesso di luce sulla mirrorball appesa nella foresta e guardare cosa sarebbe accaduto. Fortunatamente il risultato era più di quello che ci aspettavamo. Lo stesso con il fascio di luce che attraversa la foresta. Con il mio direttore della fotografia, Teodoro Maniaci, abbiamo visto l’effetto spettacolare che generava casualmente puntando dritto tra gli alberi. Per questo abbiamo sistemato un tratto di binario lungo otto piedi in modo da muovere i bracci con la luce issata, avanti e indietro, mentre ci muovevamo sempre avanti e indietro, sui binari.

Per ogni ripresa avremmo potuto cambiare angolatura per offrire una prospettiva differente, ma in realtà erano solamente gli stessi otto piedi che attraversavano gli alberi in modo ripetuto. Abbiamo girato usando sia il 16mm che la macchina a manovella a 35mm.

Tutto quello che vedi è stato fatto in fase di ripresa oppure sovrapponendo durante il montaggio, come in “Never get Old” oppure nello split screen chiuso nella foresta dove vedi i due Bowie insieme. Il solo effetto generato in post-produzione si riferiva alla rimozione della corda appesa ad un ramo d’albero e che teneva la mirrorball sospesa.

Alla fine di “Bring me the disco King”, prima che parta “New Killer Star”, vediamo alcuni frammenti riassuntivi dai precedenti segmenti, come un Deja-vu? È corretto?

Si. Vengono nuovamente tracciati all’indietro gli elementi dai quali siamo partiti nella preparazione dell’intervista. Credo che sia molto meno legato al Deja-vu e più vicino ad un momentaneo ritorno alla normalità.

All’inizio del film, David Bowie parla di un romanzo scritto da Peter Ackroyd e intitolato “Hawksmoor”. Avete parlato insieme di quel testo, ed era in qualche modo legato alla relazione tra luce e oscurità che attraversa tutto il film?

Non ha un significato specifico. L’intervista è stata completamente improvvisata, e si è basata su quelle domande di cui ti dicevo prima. Bowie non ha né preparato, ne sceneggiato le domande prima. Ho inserito quel riferimento all’inizio semplicemente perché offre un senso di formalità e convince lo spettatore che si tratti di un’intervista convenzionale. Velocemente questa sensazione precipita e viene vanificata.

Il film è per me un importante “oggetto” d’arte. Stabilisce un dialogo con l’album di David Bowie, ma allo stesso tempo funziona in modo autonomo. Perché avete scelto di farne un oggetto esclusivo, pubblicandolo all’interno del solo DualDisc destinato al mercato statunitense?

Il fatto fosse esclusivo era una scelta dettata da necessità di mercato. La compagnia discografica stava cercando di creare una certa aspettativa sul formato, per questo l’idea era quella di offrire un incentivo alle persone per giustificarne l’acquisto. Il film non si può vedere altrove. Ed è bene ricordare che tutto questo è accaduto prima dell’esplosione di Youtube e dei video in streaming.

David Bowie - Reality, il film. Di Steven Lippman

David Bowie – Reality, il film. Di Steven Lippman

Il film è stato incluso anche nella programmazione del Woodstock Film Festival. Come fu accolto? Può raccontarci qualcosa?

Quello di essere invitati ad un festival con il proprio lavoro è sempre un onore e la reazione è stata molto positiva, ma questo è accaduto quasi due anni dopo l’uscita del DualDisc. E non ci fu una grande promozione intorno alla proiezione. Durante gli anni è stato proiettato pochissime volte, e principalmente in connessione con altri lavori che ho fatto. È stato mostrato nel 2013 come parte delle rassegne intitolate “Bowie on Film” che la Film Society del Lincoln Center ha proposto a NYC. C’era molto materiale in quelle occasioni ed è stato molto eccitante farne parte. Così come è stato eccitante veder proiettato il mio lavoro su un grande schermo, esperienza che ho raramente avuto il privilegio di provare.

Non vorrei chiederle un’interpretazione profonda del film; naturalmente se volesse condividerla ne saremmo lieti, ma credo che come in molti lavori dove David Bowie è coinvolto, il significato possa essere aperto e si diriga in mille direzioni. Che ne pensa?

Direi che hai già risposto alla domanda

Ultima Domanda. Ha un ricordo personale su David Bowie da condividere, per quanto riguarda la relazione lavorativa con lui durante la realizzazione del Reality Film?

Oltre al suo talento, posso dire che era molto divertente, gentile e intelligente oltre ogni limite. Il suo potere come star, durante le riprese era davvero un campo di forza. Era necessario indietreggiare, perché l’energia era davvero molto forte. Ma tra le riprese, era semplicemente un uomo accessibile e molto caloroso. Per esempio, conosceva i nomi di tutti quanti sul set, e faceva sentire tutti molto importanti per il loro ruolo. Non c’è mai stato un momento in cui non fosse eccitato da quello che stavamo creando. Si è fidato di me e di tutti i miei collaboratori in modo incondizionato. Anche quando stavamo montando, ha solo voluto vedere il film quando eravamo pronti a mostrarglielo. Dopo averglielo mostrato per la prima volta, non ha mai chiesto alcun cambiamento. Il film che è possibile guardare oggi è la prima e l’unica versione definitiva.
Steven Lippman – Biografia

Steven Lippman è un regista di film, videoclip e documentari. Ha lavorato per David Bowie, Laurie Anderson, Rosanne Cash, Joe Henry, Dolly Parton, Jorge Drexler, Carly Simon, Rumer, Trixie Whitley, Esperanza Spalding, Bonnie Raitt, Madeleine Peyroux, Bette Midler, Kronos Quartet, Youssou N’Dour e molti altri.
I suoi lavori sono stati presentati nel contesto di svariati festival di cinema, tra cui Cannes, Londra, Berlino, San Paolo, Nashville, Tribeca, Denver e molti altri.
Gli sono state dedicate retrospettive specifiche al Music Doc Fest di Malmo in Svezia, al Sound Unseen Film Festival di Minneapolis a all’IN-Edit di Barcellona.

Immagini e contributi visuali dei suoi film sono stati mostrati nei concerti di David Bowie, Rosanne Cash e Dolly Parton.

Lippman ha diretto anche un documentario sulla lunga distanza intitolato Behind the Lid, performance immersiva basata sulla sperimentazione performativa di Lee Nagrin e su quella del maestro di pupazzi Basil Twist. Il film è stato presentato al BAM come parte della serie “Puppets on Film” della BAM/Henson Foundation.

Lippman sta al momento lavorando ad un nuovo documentario intitolato Stay All Night. Una meditazione abbagliante sulla relazione tra Judy Garland e il suo pubblico, sulla natura della memoria e sulla città di New York in un’era di cambiamento sociale osservata attraverso la soggettiva prismatica del leggendario concerto della Garland al Carnegie Hall, che ebbe luogo il 23 aprile del 1961.

Lippman vive a Brookyn, New York, e lavora in tutto il mondo.

Per una selezione delle sue opere, Steven Lippman, profilo vimeo ufficiale

——————————

Steven Lippman – Interview – English Version

The first question is about the main idea behind “Reality” film. It’s very different from other promotional projects. It’s not a traditional EPK, but a whole concept that interacts with songs and images to create another meaning. How was the idea born, how did you come to work with Bowie, and did you develop the concept with him?

The film is not an EPK at all, and was never intended as a promotional tool. In fact, there is a separate short EPK that was created from the same material. The answers there are straight-forward and geared towards the promotion of the album.

The “Reality” film was created because I was given the task of creating material that would be exclusive to the DualDisc edition. “Reality” was one of the first DualDiscs available. The format was only introduced in the U.S. In case people are unfamiliar, this was a format that had CD and DVD on the same disc. The DVD side could only contain up to 40 minutes of video. I was told I had to create content that would be a minimum of 30 minutes to have value. So the initial request was very generic. But it also allowed me to look at it like a blank canvas.

Bowie’s manager was aware of a film I had done with Laurie Anderson, so he contacted me asking me if I had anything to send over for Bowie to look at. At that time, I had no idea what the mission was or any details about the project. I just knew that Bowie was going to look at my work, which was satisfying enough. Once I heard that he wanted to work with me, it seemed unreal. And of course, very exciting.

The idea for the film came from me, but inspired by the new music and years of admiring Bowie. He was and remains one of my great cultural heroes. He gave me total freedom to choose the songs and create the concept. I met with Bowie a few times while he was finishing the album, but it was generally just to listen to the new music and to get to know one another. We never discussed the meanings of the songs.

I wrote the film in prose form. Maybe 2 or 3 pages total. It wasn’t a script, but just thematic and descriptive outline. He read it and gave me very supportive praise. There was only two things we changed before shooting and they were minor. To be clear, I’m sure if he didn’t like what I wrote, then I would have known about it. There was nothing lazy in his approach. He was always engaged and excited about all creative possibilities. Since he liked what I was offering, he only wanted to encourage and support the process.

There seems to be different formats used to create the piece; is it a mix between digital and film? The grain of some images looks like 16mm or 8mm film. Can you tell us what formats you used, and why, and in which particular images?

The 35mm is only used for some shots in the forest sequence. We ran it through an old Mitchell hand-cranked camera, like ones used during the silent movie era. This created an irregular speed and fluctuating aperture, which you can see in the imagery.

The interview and “Never Get Old,” “The Loneliest Guy” and parts of the “Bring Me The Disco King” sequences are shot in Super 16mm, though there are some Super 8mm inserts in the interview. The sequences with Bowie in the white branches leading into “Disco King” is all Super 8mm. Same with the trees and all the New York City imagery in “New Killer Star.” The image on the TV screen was shot in Mini-DV, shot and edited that same day on set. We then fed it through the monitor, re-photographing it in Super 16mm.

I should note that we shot the entire film in 2 days. The interiors were Day 1, and the forest and city imagery was Day 2.

Light and darkness play an important role in the film. David Bowie is blurred or out of focus in the first song; he is in darkness in the second and he covers his face from light, and in the third he enters an exterior world, different from stage-reality; while “New Killer Star” shows us only trees and cityscapes. This progressive detachment from different levels of reality is different from images and language associated with David Bowie. Did you discuss the narrative with David Bowie? And how did you interact with Bowie in the creative process? Was there a screenplay, storyboard, drawnings? Did he share some conceptual ideas with you?

We both agreed there would be no storyboards. That is just my preference for how I work. I am very specific about the lighting, production design and locations when preparing, but prefer to leave things open for discovering images you could never plan.

As far as the progressive themes, there was a conscious effort in the edit to create a sense of Bowie in an interior world which becomes more and more fragmented and chaotic, then progresses into the exterior forest before he disappears from the film altogether, at least visually. A lot emerged in the edit, certain motifs, but it stayed true to the initial concept and themes.

Regarding Bowie shielding himself from the light, this was a motif that developed on-set by accident when shooting “Loneliest Guy,” but it sparked the idea of an interrogating light. I thought of what it feels like to be swarmed by paparazzi light bulbs, or a suspect being questioned at the police station under a hot light, or a criminal being hunted down by the searching lights of a helicopter, or perhaps, a rescue mission. There’s a lot of associations, all of which can be applicable. It appears first in “The Loneliest Guy,” and then in the white branches sequence, and then outrageously takes over in the “Disco King”

The idea of the film, or at least how it started, came from me thinking about what it must be like to be David Bowie, and have all these different public identities, and how the public looks to celebrities for answers. I thought of this before I heard any of the “Reality” music. I don’t want to apply further meaning to the film because I do believe that viewers can find different things in it, all of which are generally valid. This is, for me, also part of the point of the film. For instance, I’ve always thought the film was darkly funny, while others find it scary and disturbing.

The interview idea is really mindblowing, with its reflection and detachment from two mediated images on different levels: the televised Bowie and the real Bowie. The position of interviewer and interviewed seems reversed. Can you tell us something about this idea and the superimposed voices that. at a certain point, blur the meaning and comprehension of the words?

The intention was to deconstruct a conversation with Bowie based on questions that ranged from the profound to the absurd and make no distinction between them. Some of the questions were “Do buildings have personalities?’ “Do you believe in the supernatural?” and “Ketchup or mustard?” The ultimate goal was to have it all deliberately make no sense; to have answers connected to the wrong questions. It starts to be so confusing and overwhelming that you just want to escape. In this case, Bowie escaping from himself. There’s a really mind-blowing 5.1. mix by Hector Castillo from Mary Ellen Porto’s sound design heard only on the DualDisc. It emphasizes, among other elements, the power struggle between the interview Bowie and the TV monitor Bowie. There’s a fight for placement in the front speaker channels. TV monitor Bowie wins. There’s a fragment just at the end of the sequence when you hear TV monitor Bowie say “That’s so terribly sad.”

It may sound callous, but I always think it’s ridiculous that we look to celebrities for the answer to life’s deeper meanings. It’s not to say that some don’t have worthy things to add to the public dialogue, or the best of them don’t inspire through their talent, but just because they are famous doesn’t, in my mind, give them any extra validity. I imagine the film’s concept might have been very different in today’s age of Twitter, but perhaps it foreshadows all that social media noise.

As mentioned earlier, I filmed him asking the questions, framed as a talking head, and then edited that as a loop and we fed it onto the monitor. When we filmed the conversation in the main 16mm frame, I asked him the same questions and he just improvised answers. When we edited, it sounds like he’s asking himself questions. On-set, I was asking the questions.

The Mirrorball is a central object. It references the Disco era of course, but it also seems a device that bring us in another dimension. It reminds me of the theatre lights in David Lynch’s “Inland Empire,” but in a reversed way, because during “Bring Me the Disco King” the mirrorball is the only artificial object in a natural setting. This is a really great idea!! The question is: why the mirroball? Can you tell us something about this idea and how you came up with it?

The idea was as simple as its the ultimate evocation of the word “disco.” The mirroball also has a theatrical dancehall quality that fit “The Loneliest Guy” sequence, which I thought of as a modern torch song, the kind Billie Holiday or Frank Sinatra might have sung in another time.

When I first started thinking of the film, I had this vision of Bowie in a forest. There was no other context other than thinking I’d always seen him in very stylized artificial settings, and that it would be interesting to see him somewhere natural. Then I heard “Bring Me The Disco King” and thought, what would happen if we put a mirrorball in the middle of a forest, turning nature into a stage? Really, it was just an instinctive thought. The mirrorball does have an eerie and menacing quality in the “Disco King” sequence. During the edit, I kept thinking of it, jokingly, like the monolith in “2001.” But that wasn’t the intention when I filmed it. People will ask “what does it mean” and the answer becomes “does it really matter?”

The written outline had references to different filmmakers, to evoke style and mood, but ultimately it was just a way of communicating the initial ideas to Bowie that felt resonant, and not just simple words. He was very cine-literate, so it was a good way to get my ideas across. Other than, I suppose, subconsciously, there were no direct references to other films once we started shooting. The white branches was inspired by Guy Maddin’s “Dracula: Pages From A Virgin’s Diary,” which I had recently seen, but there was nothing specific other than the idea that you could take something simple and representational like white branches and evoke something larger with lighting, Super 8mm and David Bowie.

Where did you shoot the film? We see some buildings, there’s a studio section (the first two songs and the interview section) and there’s a forest (“Bring Me the Disco King,” and the trees when we first hear “New Killer Star.”) Can you tell us something about the locations and how you choose them?

It was all shot in and around New York City. The forest and trees were just across the river in New Jersey, only about a 45-minute drive away. I don’t recall the exact name of the place. Otherwise, the soundstage and all the exterior city imagery is Manhattan. Also, Bowie in the white branches was shot on the soundstage.

“Bring Me the Disco King” seems a sort of exit from stage-reality, even if in the previous songs, the stage is stylized and not so clear as a venue. The forest is a different reality and it pushes toward a strong representation of a doppelganger, a separation between Bowie and his “persona.” In some way, especially now, this is a very powerful and moving image, and the words David Bowie says at the end: “That’s the sound of death, that’s what it sounds like when you’re dead: doors opening.” How you came up with this idea? And what technique did you use? It looks like stop-motion.

The technique was the fluctuating speed and aperture of the hand-cranked 35mm camera. We would shoot with it simultaneous with the cleaner 16mm image, and I could cut back and forth between them with ease.

The doppelgänger was an extension of the idea of having Bowie interview himself. It’s difficult to place further meaning into the death imagery in the forest, especially now. The best I can say is that the intention was created in 2003, so any resonance it has now is understandable but coincidental.

The dialogue about death was Bowie reacting to strange noises that kept occurring in the studio every time I asked him about the supernatural. We laughed at the absurdity of the timing. After a door at the far end of the studio creaked open for no apparent reason, interrupting the take, he said that line about the sound of death, completely as a joke. I used it in the edit, giving it a completely different context. I thought of it then as dark humor. I still do, though I certainly understand how people think it has different meaning now. I’m not immune to it either.

What kind of lighting did you use during the filming of “Bring Me the Disco King?”

We shot in mostly natural light, except for a a very powerful single light called a Xenon which we shined directly onto the mirrorball. There was a light rain that day, and there was a misty fog hovering in the air under the cover of the trees. The reflections from the mirrorball spilled onto the branches and created what looked like white blood pulsing through veins. We discovered this all experimenting on the spot. It wasn’t planned. The primary goal was shine a light on the mirrorball hanging in the forest, and let’s see what happens. Luckily, a lot did. Same with the light beam traveling through the forest. This was after Bowie was wrapped from the shoot, and we were moving the light to strike it, and my DP Teodoro Maniaci and I saw the spectacular effect it had when randomly beaming straight into the trees. So we set up maybe an 8 foot long piece of track, and had the grips move the light back and forth, while we tracked back and forth. Each take we’d change the angle to give it a different perspective, but it was really just the same 8 foot long stretch of trees over and over. We shot it using both the 16mm and hand-cranked 35m camera.

Everything you see in the film is done in-camera, or image layering in the edit, like in “Never Get Old” and the split-screen lock-down shot in the forest where you see the two Bowies together. The only effect we did in post-production was remove the string that was holding the mirrorball which was suspended from a tree branch.

At the end of “Bring Me the Disco King,” before the segue to “New Killer Star,” we see some brief images from the previous scenes, like a Deja-vu. Is this correct?

Yes. It retraces the steps back to where we started in the interview set-up. I think it’s less deja-vu than a momentary return to normalcy.

At the beginning of the film, David Bowie talk about a novel written by Peter Ackroyd: “Hawksmoor.” Had you discussed that book with him? It seems to relate to the light/darkness relationship we see during the film.

It has no specific meaning. The interview was completely improvisational, based on those questions I mention earlier. He didn’t script or prepare his answers. I start the film with that reference simply because it gives a sense of formality and lulls the viewer into thinking they’re going to watch a conventional interview. It quickly deteriorates.

The film. in my opinion, is an important piece of art. It establishes a dialogue with the album (“Reality”) but at the same time it works autonomously. Why is it only available on the DualDisc, released exclusively in the U.S.?

The exclusivity was a mandate for marketing purposes. The record company was trying to create excitement for the format, so the idea was to have a reason for people to buy it. You couldn’t see the film anywhere else. Remember, this was before YouTube and streaming video.

The film was screened at the Woodstock Film Festival. What was the reception? Can you tell us something about the premiere?

It’s always an honor to be invited to screen at any film festival, and the reaction was very positive, but this was already two years after the DualDisc was released. There wasn’t any great fanfare around the screening. The film has only been screened a few times over the years, mainly in conjunction with other work I’ve done. It was shown in 2013 as part of the “Bowie on Film” series at the Film Society of Lincoln Center in NYC. There was so much great work shown. It was thrilling to be part of it. It was also very exciting to see it projected on a huge screen, which is something I rarely have the luxury of experiencing.

I don’t want to ask you a deep interpretation of the film; of course, if you like, you can share it, but i think that like in every work where David Bowie is involved, the meaning is open and it spreads in many directions. What do you think about it?

I would say that you’ve answered your own question.

Last question: Do you have a personal remembrance of David Bowie to share? I mean about the the work relationship with him during the shooting of “Reality”?

Beyond his talent, I can say that he was funny, gracious, and intelligent beyond measure. His star-power during the takes was like a force-field. You had to step back, the energy was so strong. But in-between takes, he was simply a very warm and accessible man. For example, he knew the names of everyone on-set, and made everyone feel important, as they were. There was never a moment when he wasn’t excited by what we were creating. He trusted me and all my collaborators unconditionally. Even when we were editing, he only wanted to see the film when we were ready to show it to him. We showed it to him for the first time, and he never asked for any changes. The film you see is the first, and final cut.

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato su cinema e new media. Produce audiovisivi