Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Presentato a Viareggio in anteprima nazionale il film-collage composto dai cortometraggi di Greenaway, Pêra e Godard: una riflessione sulle opportunità del cinema d’autore nel cinema tridimensionale 

Di

Esiste una strada “tridimensionale” per il cinema d’autore? Quali sono gli spazi che l’autorialità può conquistare nella nuova frontiera del cinema digitale? A queste domande tenta di rispondere 3X3D, film composto da tre cortometraggi di Jean-Luc Godard, Peter Greenaway e Edgar Pêra, realizzato per rendere omaggio alla città portoghese di Guimarães, Capitale Europea della Cultura nel 2012.

Presentato fuori concorso al festival di Cannes e riproposto in anteprima nazionale ad Europacinema, alla presenza di Greenaway, 3X3D è soprattutto un film che parla di cinema, della sua evoluzione artistica, di come l’immagine nel corso del tempo ha interagito con lo spettatore e le sue emozioni. I tre episodi sono altrettanti trattati sull’immagine-cinema e sulle prospettive nel dialogo tra la settima arte e la realtà tridimensionale: in Just in time Peter Greenaway esplora lo spazio in lunghi piani sequenza e con avvolgenti movimenti di macchina, per esprimere il suo concetto sperimentale di immagine sospesa tra cinema e videoarte; lo spazio, indagato attraverso un unico punto di vista, diventa performativo e ipertestuale, dando l’idea (illusoria) allo spettatore di poter scegliere il percorso della visione; Cinesapiens di Pêra è una riflessione sul ruolo della spettatore all’interno dello spettacolo filmico, sulla capacità delle immagini di permeare e condizionare l’immedesimazione e la percezione fruitiva, in una chiave onirica che riecheggia David Lynch e certe visioni perturbanti del cinema espressionistico. The three disaster del maestro Godard indaga infine sul testo cinematografico e recupera le immagini della storia del cinema, dal bianco e nero ai primi anni del colore, affermando nel finale il grande inganno del cinema 3D e la sua impossibilità di rappresentare l’istanza realistica.

Il filo conduttore del film è lo sperimentalismo dei tre registi che sembrano divertirsi a scomporre la materia dentro una tridimensionalità che disturba la visione, la rende irreale e priva di coordinate spazio-temporali. Niente è nitido e la convenzionale pretesa di immedesimazione viene negata per lasciare spazio ad un flusso di immagini che segna il distacco da ogni pretesa di realismo. La visione stereoscopica non è illusoria, tende piuttosto all’illusionismo, alla ricerca di un linguaggio nuovo che ha poco del cinema tradizionale e si lega piuttosto ad altre forme d’arte più avanguardiste. Come dire, sperimentare con il 3D si può, ma non all’interno del cinema narrativo.

E se alla fine della proiezione il giudizio sulla possibilità di un cinema autoriale in 3D resta sospeso, a fugare ogni dubbio ci pensano le parole di Peter Greenaway: “Il cinema è morto nel momento esatto in cui hanno inventato il telecomando nelle nostre case. Il 3D è solo un tentativo dei produttori di far sopravvivere la sala cinematografica, tutti i registi che si sono confrontati con la tridimensionalità hanno fallito, da James Cameron con Avatar a Wim Wenders con il documentario Pina. La fruizione con gli occhiali in 3D è di per sé limitante perché in realtà il cinema è un’arte in 2D, e il nostro film dimostra come attraverso la tridimensionalità si possa cercare un nuovo linguaggio sperimentale, ma non un nuovo modo di fare cinema”.

Michele Nardini

Michele Nardini è laureato in Cinema, Teatro e produzione multimediale all’Università di Pisa e ha alle spalle un Master in Comunicazione pubblica e politica. Giornalista pubblicista, sta maturando esperienze in uffici stampa e in redazioni di quotidiani, ma la sua grande passione rimane il cinema
Michele Nardini

Godard, Greenaway, Pêra
3X3D
Portogallo - 2013

Durata 62 min