Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Mariposa Cinematografica distribuirà nelle sale italiane "A First Farewell", il film di Lina Wang che racconta la vita in un villaggio di lingua uigura. Del film, premio speciale della Giuria nella sezione Generation Kplus della Berlinale 69, abbiamo già parlato con una recensione approfondita 

Di

Mariposa Cinematografica distribuirà nelle sale italiane “A First Farewell”, il film di Lina Wang che ha ottenuto recentemente il premio della Giuria Internazionale Generation Kplus per il miglior lungometraggio a Berlino 69. Di “A First Farewell” ha già parlato approfonditamente Michele Faggi con un articolo pubblicato su indie-eye Cinema.
“La purezza della narrazione – ha detto Massimo Righetti, socio fondatore di Mariposa Cinematografica – e la naturalezza delle immagini catturate da Wang Lina in A First Farewell ci ha incantati al primo sguardo. Siamo certi che A First Farewell rappresenterà un’esperienza cinematografica unica e preziosa per il pubblico italiano soprattutto giovanile, a cui Mariposa Cinematografica è da sempre attenta. La sensibilità delicata di questo viaggio attraverso gli ambienti, i paesaggi, la cultura e i personaggi di questa regione del nord-ovest della Cina riesce a portare sul grande schermo un racconto dal fascino intenso e garbato, carico di umanità. Ringrazio Patrick Mao Huang e la Flash Forward Entertainment per aver dato fiducia a Mariposa Cinematografica”.

“Sono commosso – ha detto Patrick Mao Huang, coproduttore e responsabile delle vendite internazionali di A First Farewell – da quanto Massimo Righetti ama questo film. Condividiamo lo stesso punto di vista sull’interpretazione poetica dei valori familiari rappresentati nel piccolo villaggio contadino e dei dispiaceri che i due bambini devono inevitabilmente affrontare per crescere. Credo che il tema di questo bellissimo film sia universale. La reazione entusiasta da parte del pubblico a Berlino ha dimostrato che il film potrà viaggiare molto anche se si tratta di un’opera cinese in lingua uigura. Sono contento che Mariposa Cinematografica distribuirà il film nelle sale italiane.”