Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Le basi per il futuro del Cinema italiano nella sinergia tra Lucky Red e il Centro Sperimentale di Cinematografia 

Di

Una delle più importanti produzioni cinematografiche del paese unisce le forze con il Centro Sperimentale di Cinematografia per superare l’emergenza COVID-19 e porre le basi per uno sviluppo futuro della cinematografia italiana.
La più antica e prestigiosa scuola di Cinema e la società indipendente di Andrea Occhipinti, offrono agli studenti del Centro Sperimentale un accesso privilegiato alla produzione, aprendo di fatto un canale diretto che funzioni come banco di prova per chi frequenta la scuola. Il percorso creativo consentirà di proporre a Lucky Red soggetti e sceneggiature, per attivare un confronto diretto con il mondo della produzione.

Questo è un momento difficile, per il cinema e per il Paese in generaleha dichiarato Andrea Occhipinti – un momento che nessuno di noi avrebbe potuto immaginare. Ci troviamo per la prima volta a guardarci intorno con il timore di veder crollare quello che negli anni si è costruito. La nostra volontà però è di non arrendersi e di provare a mettere in campo nuove sinergie, che possano fungere da sprone e diano un’iniezione di speranza […]”

Anche per il presidente del CSC Felice Laudadio questa è un’occasione creativa per costruire il cinema del futuro: “Negli anni che seguirono la seconda guerra mondiale, il nostro cinema seppe esprimere l’anima profonda del paese, attraverso un nuovo linguaggio e nuove storie, che affondavano le radici nella vita di tutti, storie in buona parte pensate quando ancora il paese era attraversato dal conflitto. Anche quando questa emergenza sarà finita nulla sarà come prima. E possiamo già da ora costruire il cinema del futuro creando le storie che verranno girate appena sarà possibile riaprire i set”.

Felici della collaborazione anche il Preside Adriano De Santis e il Direttore artistico del corso di sceneggiatura Franco Bernini. La sinergia rappresenta “una grandissima opportunità” per allieve e allievi.

Michele Faggi