mercoledì, Agosto 12, 2020

Parasite di Bong Joon-ho: la recensione

In Parasite Bong Joon-ho sembra formalizzare il magma del fatto sociale, il farsi già dato e sempre in movimento della cronaca del tempo e dell’evento attuale del proprio contesto-ambiente, in una fotografia a un tempo astrattiva e descrittiva, accademica quasi.

Inizia il racconto del lento inserimento domestico di una famiglia povera dentro gli schemi di una famiglia ricca pensando alla meccanica degli incastri e degli equivoci, posiziona simboli e densità semantiche in modo da attrarre le interpretazioni a tavolino, si auto smaschera a ripetizione (“quanto è metaforico” dice spesso uno dei protagonisti”) e poi prosegue a spalmare un uniforme congelamento metaforizzante sugli eventi: si abbandona con maestria a curve narrative sinuose, frenate improvvise e ripartenze, sempre intorno ad angoli e frontalità calcolate – prossemica al millimetro (la casa della vicenda è costruita da zero come set apparentemente spontaneo) – per impalcare un concerto di senso lucidamente attestativo, una sfera documentale – la lotta di classe in Corea – di superficie illesa capace di girare senza soluzione di continuità su se stessa.

Solo apparenza: nel momento di stasi e atrofia una soluzione incide sul testo; come un taglio sulla cornea apre un doppio fondo, spolpa il corpo molle della metafora e apre al rigurgito del reale, dell’inconscio sommerso, della sofferenza incarnata.

Dal basso, dal ctonio.

La sorpresa squaderna la trama orizzontale dei piani e libera una forza verticale tragica che dalla seconda metà buca il sostrato metaforico e si fa immagine di tutte le emesi “non viste” e “non percepite” nel film: l’esplosione dei secchi d’acqua, l’ondeggiare del caffè durante un tragitto in macchina, l’allagamento inarrestabile, il senso reale di una pietra, l’odore-la polluzione.

Immagine non disincarnata dalla tragedia, non metalinguaggio descrittivo assolto dalla vicenda raccontata, ma pugnale in emersione tra le stratificazioni: rottura di quello stato di sdoppiamento rilevato da Marx – la storia che si ripete come tragedia e poi farsa – e quindi abbandono dell’inattuale modello della lotta tra classi, invece comprensione disillusa della natura esponenziale (parassitaria per implementazione intrinseca, per contagio, per riflesso infinito) della sconfitta, dell’impossibilità di ribaltamento sognato. Quella che sembrava una scollata metafora dall’alto, irrigidita nella formalizzazione, è in realtà il documento in diretta della risalita, della vendetta del reale sommerso dalla rappresentazione, e assieme l’intuizione sintetica della condizione attuale dello sguardo – costretto alla propria posizione, incapace di comprendere l’altro.

Leonardo Strano
Leonardo Strano
Primo Classificato al Premio "Alberto Farassino, scrivere di Cinema", secondo al premio "Adelio Ferrero Cinema e Critica" Leonardo Strano scrive per indie-eye approfondimenti di Cinema e semiotica. Ha collaborato anche con Ondacinema, Point Blank, Taxidrivers, Filmidee, Il Cittadino di Monza e Brianza

articoli simili

INDIE-EYE SU YOUTUBE

top news

Twin Peaks le tre stagioni complete in 16 Blu Ray: il video unboxing del cofanetto Universal

Twin Peaks, la serie televisiva completa. 3 stagioni per 16 Blu Ray. Il cofanetto Universal visto per voi con un unboxing video

Hedy Lamarr – La donna più straordinaria del mondo di William Roy e Sylvain Dorange: la recensione del volume BD

Hedy Lamarr, una donna in fuga dalla rappresentazione imposta del desiderio. Per i francesi William Roy e Sylvain Dorange, l'attrice di origini austriache che trovò il successo ad Hollywood combatte con-tro la propria immagine alla ricerca di un'identità forte e negata. La recensione del bel volume a fumetti pubblicato da Edizioni BD

Control di Anton Corbijn: recensione

Grazie a Movies inspired Control, il film di Anton Corbijn dedicato a Ian Curtis, torna nelle sale e nelle arene estive. La recensione