martedì, Maggio 18, 2021

David Cronenberg, il nuovo film sci-fi è “Crimes of the future”

"Crimes of the future" è il nuovo film di David Cronenberg intitolato come il suo secondo mediometraggio. Body horror e fantascienza e 30 giorni di lavorazione previsti ad Atene, in Grecia. Interpretato, tra gli altri, da Viggo Mortensen, Léa Seydoux, Kristen Stewart e Don McKellar, si preannuncia come un grandissimo ritorno

Produzione estiva per Neon e Serendipity Point Films, impegnate ad avviare il nuovo film di David Cronenberg in Grecia, ad Atene. Si tratta di un thriller di fantascienza intitolato come il secondo mediometraggio del grande regista canadese, realizzato nel 1970. Quel “Crimes of the future” si sviluppava intorno alle conseguenze di un virus catastrofico causato da prodotti cosmetici, i cui effetti letali avevano ucciso l’intera popolazione femminile e probabilmente lo stesso Antoine Rouge, dermatologo folle, primo di una galleria di scienziati al di là del bene e del male, che hanno caratterizzato i lavori di Cronenberg. Sulle tracce di Rouge si muove Adrian Tripod, direttore della clinica House of Skin. 

Il nuovo “Crimes of the future” si ispira solamente in minima parte al vecchio lavoro di Cronenberg, sviluppandolo in una direzione completamente diversa e più vicina ad altre esplorazioni mutogene del corpo a cui il regista canadese ci ha abituati. Il futuro raccontato nel film è quello non troppo distante dove l’umanità deve imparare i processi di adattamento in un nuovo ambiente sintetico. Evoluzione che spinge gli esseri umani ad affrontare una metamorfosi oltre ogni concezione e stereotipia sull’idea di natura, per l’alterazione che le strutture biologiche stanno subendo. Questo potenziale illimitato viene concepito come un vero e proprio transumanesimo che può essere sposato in toto oppure controllato per altri scopi. Una sindrome evolutiva accelerata che si diffonde con grande rapidità. Saul Tenser è un artista performativo che ha abbracciato completamente la sindrome, tanto da far fiorire, letteralmente, organi del tutto nuovi e inaspettati. Insieme a Caprice, sua partner, fa in modo che la rimozione di questi organi diventi un vero e proprio spettacolo per i seguaci che lo ammirano, attraverso una vera e propria forma di intrattenimento teatrale. 
Il governo da una parte, dall’altra una sottocultura che prende rapidamente piede; Tenser, interpreta queste tensioni immaginandosi la performance più scioccante di tutte. 

Ho degli affari in sospeso con il futuro“, ha dichiarato Cronenberg, assistito per la produzione da Robert Lantos, già al lavoro sui set di Crash, eXistenZ, La promessa dell’assassino, oltre ad aver prodotto alcuni dei film più belli di Atom Egoyan: “tutte le nostre collaborazioni – ha detto il produttore – sono state esilaranti avventure. La visione incrollabile di David è ciò di cui si occupa il vero cinema”.

30 giorni di lavorazione previsti e un cast straordinario, Viggo Mortensen, Léa Seydoux, Kristen Stewart, Scott Speedman, Welket Bungué, Lihi Kornowski e persino Don McKellar, attore che aveva collaborato con Cronenberg in eXistenZ nella parte di Yevgeny Nourish, e nel suo film come regista intitolato “Last Night“, miglior opera prima al Festival di Toronto del 1998, quasi del tutto sconosciuta dalle nostre parti, dove Cronenberg interpretava la parte di un funzionario del gas durante l’ultima notte della capitale canadese, prima della fine del mondo. 

La distribuzione del film negli Stati Uniti sarà affidata a Neon, marchio che ha acquisito di recente altri titoli tra cui Spencer, il nuovo lavoro di Pablo Larrain.

MK2 invece distribuirà il film in Canada e le vendite internazionali sono affidate a Rocket Science

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertismentspot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img