mercoledì, Dicembre 7, 2022

Francesca Fazioli

Laureata nelle discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, ha frequentato un Master in Critica Giornalistica all'Accademia d'arte drammatica Silvio D'Amico e una serie di laboratori tra cui quello di scrittura cinematografica tenuto da Francesco Niccolini e Giampaolo Simi. Oltre che con indie-eye ha collaborato e/o collabora scrivendo di Cinema e Spettacolo per le riviste Fox Life, Zero Edizioni, OUTsiders Webzine
Advertismentspot_img

Żeby nie było śladów (leave no traces) di Jan P. Matuszyński: recensione, #Venezia78 – Concorso

Leave no traces ha l’intensità di un dramma e la tensione di un thriller, quasi interamente giocato in interni, gran parte delle inquadrature mostrano i personaggi circondati da confini fisici, dando vigore alla visione pessimistica di Matuszyński. La recensione di Leave No traces in concorso a #Venezia78

America Latina di Fabio D’Innocenzo, Damiano D’Innocenzo: recensione, #Venezia78 – Concorso

Non c’è niente di rassicurante o di consolatorio in America Latina, un dramma oscuro concepito con velenosa intelligenza per catturare i nostri tormenti e le nostre paure. L'ultimo film dei fratelli D'Innocenzo in concorso a #Venezia78

On the Job: The Missing 8 di Erik Matti: recensione, #Venezia78 – Concorso

Erik Matti evoca i migliori thriller cospirativi degli anni Settanta. La recensione di On the Job: The Missing 8 di Erik Matti, in concorso a #Venezia78

The Last Duel di Ridley Scott: recensione, #Venezia78 – Fuori Concorso

The last duel, sulle tracce delle origini stesse del cinema di Ridley Scott, è un dramma storico ambizioso, coinvolgente e avvincente, forse non aggiunge niente al genere ma sa come sfruttare tutti i tropi. Fuori Concorso a #Venezia78 la recensione

Ennio di Giuseppe Tornatore: recensione, #Venezia78 – Fuori Concorso

È nella capacità di creare un rapporto di naturalezza con Ennio Morricone, nella calma e nella perizia di ogni parola del Maestro che risiede l'aspetto più potente del film di Giuseppe Tornatore. Il resto, purtroppo, è un contorno sbiadito che non aggiunge molto a ciò che già gli spettatori sanno. La recensione di Ennio, Fuori Concorso a #Venezia78

Qui rido io di Mario Martone: recensione, #Venezia78 – Concorso

Qui rido io è un film perfetto per Toni Servillo, nei panni di Edoardo Scarpetta è magnificamente ironico e scatenato, ambivalente nel suo cercare approvazione continua e nella ferrea convinzione di essere il più grande di tuttiì. Mario Martone riconquista una sorta di verginità stilistica; diverte noi e se stesso. In concorso a #Venezia78

La Scuola Cattolica di Stefano Mordini: recensione, #Venezia78 – Fuori Concorso

Il brutto film di Stefano Mordini produce un eccesso di drammatizzazione e morbosità più vicino a certe convenzioni televisive che cinematografiche. L'unica capace di brillare è Benedetta Porcaroli, che con il suo sguardo inquieto, tocca il cuore dello spettatore. La scuola cattolica, fuori concorso a #Venezia78

L’evenement di Audrey Diwan: recensione, #Venezia78 – Concorso

Il film di Audrey Diwan produce una corrosiva presa di coscienza affrontando questioni profondamente politiche per le donne e sebbene gli eventi descritti siano avvenuti sessant’anni fa conservano ancora un’immediatezza terrificante. La recensione di L'evenement in concorso a #Venezia78

Francesca Fazioli

Laureata nelle discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, ha frequentato un Master in Critica Giornalistica all'Accademia d'arte drammatica Silvio D'Amico e una serie di laboratori tra cui quello di scrittura cinematografica tenuto da Francesco Niccolini e Giampaolo Simi. Oltre che con indie-eye ha collaborato e/o collabora scrivendo di Cinema e Spettacolo per le riviste Fox Life, Zero Edizioni, OUTsiders Webzine
spot_img