giovedì, Gennaio 27, 2022

Leonardo Strano

Primo Classificato al Premio "Alberto Farassino, scrivere di Cinema", secondo al premio "Adelio Ferrero Cinema e Critica" Leonardo Strano scrive per indie-eye approfondimenti di Cinema e semiotica. Ha collaborato anche con Ondacinema, Point Blank, Taxidrivers, Filmidee, Il Cittadino di Monza e Brianza
Advertismentspot_img

Il Grande Spirito di Sergio Rubini: recensione

Pur essendo costellato di spunti riflessivi, il nuovo film di Sergio Rubini rimane ancorato a una costruzione di senso didascalica, banalizzante. "Il grande spirito" si perde nei clamori e negli schiamazzi di una trivialità scambiata per commedia

I Figli del fiume giallo di Jia Zhangke: non accettare il cambiamento, produce sofferenza.

Jia Zhangke intercetta da sempre la transitorietà dell’umano mediante la descrizione della transitorietà del mondo. Ne "I Figli del fiume giallo" la contingenza degli amori nella Cina del ventunesimo secolo, pervaso da continui mutamenti socioculturali. ci mostra che stando immobili si soffre. Sia per la struttura sociopolitica che per l’espressione sentimentale è dannoso non accettare il cambiamento invisibile, ancorandosi a una posizione di negazione. Da oggi in sala distribuito da Cinema

Ted Bundy, Fascino criminale di Joe Berlinger : Ottimo Zac Efron in un film mediocre

La scrittura e la regia di "Ted Bundy" non supportano la prova di Zac Efron e mal gestiscono la complessità del carattere, tra fascino e bellezza mortale. In sala dal 9 maggio grazie a Notorious Pictures

The Brink, Sull’orlo dell’Abisso di Alison Klayman: la recensione

Klayman, nel suo documentario dedicato a Steve Bannon, non esplica mai la ragione d’essere del suo punto di vista e della sua motivazione, e lascia sempre al giornalista/politico la gestione comunicativa della scena: è lui che manda via e chiama a sè la telecamera, sceglie quando interpellarla, cosa sottolineare, cosa intensificare. Di fronte al riconoscimento della neutralità del medium, lo stratega cerca di piegarlo a sé per i propri scopi. Sarebbe già questa una lezione dal vivo sull’operato di un genio della comunicazione.

Màcula di Giuseppe Spina e Leonardo Carrano, Lucca Film Festival 2019: Concorso Cortometraggi

La recensione del corto di Giuseppe Spina e Leonardo Carrano dal LFF 2019

Unfolded di Cristina Picchi, Lucca Film Festival 2019: Concorso Cortometraggi

Unfolded di Cristina Picchi, la recensione dal LFF 2019

Il ragazzo che diventerà re di Joe Cornish: la recensione

Il ragazzo che diventerà re di Joe Cornish da oggi in sala, la recensione del film

Il Campione di Leonardo D’agostini: la recensione

Ne "Il Campione" c'è tutto il coraggio di raccontare il mondo del primo sport italiano attraverso la storia di due persone immobilizzate dalla paura di vincere. Prodotto da Sydney Sibilia e Matteo Rovere, in sala da oggi 18 aprile il primo film di Leonardo D'agostini distribuito da 01 distribution

Leonardo Strano

Primo Classificato al Premio "Alberto Farassino, scrivere di Cinema", secondo al premio "Adelio Ferrero Cinema e Critica" Leonardo Strano scrive per indie-eye approfondimenti di Cinema e semiotica. Ha collaborato anche con Ondacinema, Point Blank, Taxidrivers, Filmidee, Il Cittadino di Monza e Brianza
spot_img