venerdì, Agosto 14, 2020

Michele Nardini

Michele Nardini è laureato in Cinema, Teatro e produzione multimediale all’Università di Pisa e ha alle spalle un Master in Comunicazione pubblica e politica. Giornalista pubblicista, sta maturando esperienze in uffici stampa e in redazioni di quotidiani, ma la sua grande passione rimane il cinema
Advertisment

Hiroshima mon amour di Alain Resnais di nuovo in sala: la recensione

Dal 28 aprile prossimo, grazie al restauro della Cineteca di Bologna torna nelle sale Hiroshima mon amour di Alain Resnais; ecco la recensione

Gigolò per caso di John Turturro: la recensione

Turturro gira una commedia classica garbata ma senza particolari guizzi; Gigolò per caso è nelle sale in questi giorni

Vijay, il mio amico indiano di Sam Garbarski: la recensione

Il nuovo film di Sam Garbarski strizza l’occhio alla grande tradizione della commedia classica: il tema della maschera dentro una cornice che riflette sul confine tra realtà e messa in scena

Maraviglioso Boccaccio: Paolo e Vittorio Taviani tra storia e presente

Si intitolerà Maraviglioso Boccaccio il nuovo film dei fratelli Taviani e riprenderà cinque novelle del Decameron. La riflessione sulla storia e sull’arte come stimolo per una nuova speranza rappresentata dalle nuove generazioni

La Febbre dell’oro di Charlie Chaplin di nuovo in sala: la recensione

Torna nelle sale la versione restaurata del film di Chaplin, nell’ambito dell’iniziativa Il Cinema ritrovato promossa dalla Cineteca di Bologna. Comicità, umorismo, pianto e riso in una pietra miliare della storia del cinema

La mia classe di Daniele Gaglianone: la realtà fuori dal set

Esce nelle sale il nuovo film del regista marchigiano dedicato al problema dell’immigrazione. Sperimentazione linguistica e autenticità per un piccolo grande esempio di cinema sociale

The Butler – un maggiordomo alla casa bianca: il film di Lee Daniels tra retorica e furbizia

Il regista Lee Daniels porta al cinema la storia vera di un maggiordomo di colore al servizio della Casa Bianca per più di trenta anni. L’emancipazione della comunità afro-americana raccontata con retorica e furbizia.

Qui e là: il neorealismo di Antonio Méndez Esparza

Vincitore della Semaine de la critique al Festival di Cannes del 2012, arriva in Italia il film d’esordio del regista messicano, distribuito al momento in pochissime sale: uno sguardo intenso sulla dignità degli “ultimi”

Michele Nardini

Michele Nardini è laureato in Cinema, Teatro e produzione multimediale all’Università di Pisa e ha alle spalle un Master in Comunicazione pubblica e politica. Giornalista pubblicista, sta maturando esperienze in uffici stampa e in redazioni di quotidiani, ma la sua grande passione rimane il cinema
Advertisment