mercoledì, Gennaio 20, 2021

The Last Starfighter di Craig Safan: la recensione della colonna sonora

La Colonna Sonora di “The Last Starfighter” composta da Craig Safan per la co-produzione Warner e Universal diretta nel 1984 da Nick Castle e uscita in Italia con il titolo di “Giochi Stellari” è probabilmente la più popolare della sua discografia. L’approccio sinfonico e tardo romantico è un prerequisito per tutte le colonne sonore del genere intorno agli anni ’80 e Safan ci mette del suo elaborando una sintesi tra orchestra full range e device elettronici. Per distinguersi da altri compositori coevi che lavoravano in quegli anni trae ispirazione dall’imponenza sinfonica di Jean Sibelius, impiengando per le raffigurazioni aliene un muro di sintetizzatori a sostegno del basso tuba il contrabbasso e le viole. Tutta la colonna sonora si fa ricordare per il tema, melodico e potente, e con il suono di una fanfara per ottoni.
La colonna sonora fu pubblicata negli 80 in vinile e in formato CD dalla Southern Cross e ristampata in formato digitale da Intrada Records nel ’95 in versione limitata. Intrada ha recentemente ristampato il CD donando nuova brillantezza ai suoni a partire dai master originali e inserendo materiale inedito.

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Montelupo Fiorentino Film Festival 2020, fino al 14 Febbraio su Tele Iride

Mentre è già pronto il bando per l'edizione 2021, quella 2020 del Montelupo Film Festival è in onda fino a Febbraio sull'emittente mugellana Tele Iride. Una scelta interessante, legata all'evento unico del broadcasting. Ce ne parla il fondatore del festival Lorenzo Ciani

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015