Indie-eye – Cinema – Testata giornalistica di Cinema
Breaking News
Novaradio Città Futura & Indie-eye: Straneillusioni, il format radiofonico dedicato al cinema
Straneillusioni è il contenitore radiofonico dedicato all'informazione e alla...
Il cinema in sala a 3 euro dal 12 al 15 ottobre: #Cinemadays
Cinemadays, il cinema a sole 3 euro nelle sale...
Dark Places – Nei luoghi oscuri. Dal 22 ottobre in sala il film di Gilles Paquet-Brenner
Dark Places il nuovo thriller di Gilles Paquet-Brenner con...
Antoni Muntadas – Dérive Veneziane a Venezia 72
Dérive Veneziane è la flanerie di Antoni Muntadas installata...
Venezia 72, le tre giurie internazionali: Concorso, Orizzonti, Premio Venezia Opera prima
Tutti i membri delle tre giurie internazionali della 72....
Michael Cimino l’omaggio e il Pardo d’onore a Locarno 68
Michael Cimino, Pardo d'onore a Locarno 68
Everest di Baltasar Kormákur: il film d’apertura di Venezia 72
Everest di Baltasar Kormákur è il film d'apertura presentato...
Il manifesto della 72 Mostra di Venezia
Venezia 72 il manifesto di Simone Massi
Andrzej Zulawski a Locarno 68 con Cosmos
Andrzej Zulawski torna alla regia dopo quindici anni con...
Barbara Steele ospite del 35° Fantafestival di Roma: premio alla carriera
Barbara Steele, premio alla carriera al fantafestival di Roma,...
Joe Wright – The Lifeboat: in trattative per il film interpretato da Anne Hathaway
Anne Hathaway interpreterà la protagonista di The Lifeboat, il...
Biennale College 2015
La 4a edizione di Biennale College inizia oggi,...
Venezia 72: Alfonso Cuarón presidente della Giuria Internazionale
Alfonso Cuarón presidente di giuria di Venezia 72
C’era una volta in Italia. Il cinema di Sergio Leone: la mostra
Il Museo Nazionale del Cinema apre le porta al...
Stijn Coninx racconta “Marina”: il film dedicato a Rocco Granata all’Istituto Stensen di Firenze
Stijn Coninx all'istituto Stensen di Firenze presenta "Marina", il...
Sogni di Gloria di John Snellinberg sbarca in Cina
Sogni di Gloria esce in DVD, viene distribuito in...
Ore 12 di Toni D’Angelo al Festival del Film di Roma
Ore 12 il corto di Toni D'angelo al Festival...
Largo Baracche di Gaetano di Vaio al Festival del Film di Roma
Gaetano di Vaio sarà presente al Festival del Film...
Mario Martone presenta il Giovane Favoloso a Firenze
Il Giovane Favoloso, il film di Mario Martone alla...
Jalil Lespert dirige alcuni episodi della serie “Versailles”
Jalil Lespert coinvolto nel serial televisivo "Versailles" per il...
Martin Kemp in Age of Kill di Neil Jones e Tom Hardy nella parte dei fratelli Krays
Matin Kemp, l'ex Spandau Ballet che interpretò uno dei...
Climb to conquer di Peter Shelton diventa un film prodotto da Robert Redford
La decima divisione montana nata negli states durante la...
David Grieco – La Macchinazione: Pasolini interpretato da Massimo Ranieri
Cominciano le riprese del film di David Grieco dedicato...
Roman Polanski girerà “An officer and a Spy” in Polonia
Roman Polanski girerà un film sull'Affare Dreyfus in Polonia,...
David Cronenberg – The Nest: il nuovo cortometraggio su youtube
The Nest è il nuovo cortometraggio di David Cronenberg...
Sam Raimi produce e forse dirige un film sulle truppe americane in Afghanistan
Sam Raimi sarà produttore e supervisore alla sceneggiatura per...
Eli Wallach: un ricordo
Eli Wallach ci lascia all'età di 98 anni
L’Anti Defamation League contro Gary Oldman
L'anti defamation league risponde alle esternazioni anti-Semite di Gary...
Rambo V sarà la personale versione di “Non è un paese per vecchi” diretta da Stallone
Stallone scrive la sceneggiatura e dirige il quinto capitolo...
Mick Jagger co-produce il Nuovo Scorsese per HBO
Nuovo pilot televisivo per Martin Scorsese, storia di sesso...
John Turturro vuol dirigere uno spinoff del Grande Lebowski
John Turturro vuol dirigere un film su Jesus Quintana
Hail Caesar è il nuovo film dei Fratelli Coen
Channing Tatum, Ralph Fiennes e Tilda Swinton
Kore-eda Hirokazu – Kamakura Diary è il nuovo film
Kore-eda Hirokazu adatta per lo schermo un noto manga...
Wong Kar-wai: il nuovo film è un adattamento da Ferrymen di Zhang Jiajia
Nuovi dettagli sul prossimo film di Wong Kar-wai, un...
Mai così vicini di Rob Reiner esce il 10 luglio
Il nuovo film di Rob Reiner con Michael Douglas...
Alexandre Desplat è il presidente della Giuria di Venezia 71
È la prima volta che un compositore presiede la...
Michael Haneke: il nuovo film si intitola Flashmob
Slittano le riprese di Flashmob, il nuovo film di...
Aaron Sorkin scrive l’adattamento del nuovo romanzo di Michael Lewis
Aaron Sorkin torna a scrivere una sceneggiatura da un...
Tutte le storie di Piera di Peter Marcias
Presentato con successo allo scorso festival di Torino, arriva...
James Cameron: Avatar si fa in quattro
James Cameron si fa aiutare da quattro sceneggiatori e...
Venezia 71: Alice Rohrwacher è il presidente della Giuria del Premio Venezia Opera Prima
È Alice Rohrwacher il presidente della Giuria del Premio...
Steven Spielberg: ecco i due nuovi film
Due nuovi film per Steven Spielberg, un thriller ambientato...
David Lynch ospite d’onore al Lucca Film Festival 2014
David Lynch è l'ospite d'onore della decima edizione del...
Bence Fliegauf – la video intervista: noise and vision
Video Intervista esclusiva a Bence Fliegauf; realizzata da Michele...
Quadrophenia il film di Franc Roddam con la musica degli Who di nuovo in sala
Torna in sala il prossimo autunno a 35 anni...
Cannes a Firenze: i film dell’edizione 67 nel capoluogo toscano
Arrivano anche a Firenze i film del Festival di...
O Primeiro Verão di Adriano Mendes: la recensione
Bell'esordio nel lungometraggio per il portoghese Adriano Mendes
Cinemambiente 17, 31 maggio – 5 giugno 2014
Al via la diciassettesima edizione di Cinemambiente
In ordine di sparizione di Hans Petter Moland: la recensione
Pasticcio raffreddatissimo di Hans Petter Moland, tra grottesco e...
Resistenza naturale di Jonathan Nossiter: la recensione
Dopo il successo di critica e di pubblico di...
Cannes 2014, tutti i premi della 67ma edizione
Ecco tutti i premi assegnati dalla giuria internazionale presieduta...
Maps to the stars di David Cronenberg: il genoma delle stelle
A pochi giorni di distanza dall'anteprima a Cannes 2014,...
Leviathan di Andrey Zvyagintsev a Cannes 2014: il ministro della cultura Russo Vladimir Medinsky e le censure di Putin
Il film di Andrey Zvyagintsev a Cannes 2014
Kn Loach a Cannes con Jimmy’s Hall: non dobbiamo dimenticare la ferocia della Chiesa
Ken Loach porta a Cannes la storia di Jimmy...
Mommy di Xavier Dolan: l’incontro con l’autore e il cast
Il Quebechiano Xavier Dolan in concorso a Cannes 2014...
Jean Luc Godard: Lettera in movimento per Gilles JACOB and Thierry FREMAUX – Cannes 2014
La video lettera di Jean Luc Godard per il...
The Search di Michel Hazanavicius a Cannes 2014: l’incontro con il cast e gli attori
Presentato a Cannes 2014 il nuovo film dell'autore di...
Sogni Di Gloria: fa il botto l’ultimo film con Carlo Monni e la colonna sonora dei Calibro 35
"Sogni di Gloria" del collettivo John Snellinberg fa il...
Marion Cotillard: Vorrei interpretare un uomo – Deux jours, une nuit dei Dardenne a Cannes 2014
Marion Cotillard a Cannes 2014 in concorso con il...
Enrico Ghezzi su Maps to the stars: non ho mai visto un film come questo
Enrico Ghezzi alla conferenza stampa di Maps to the...
Maps to the stars di David Cronenberg a Cannes 2014: ho sempre realizzato commedie
Maps to the stars a Cannes, il nuovo film...
Maps to the stars di David Cronenberg: la galleria fotografica
Presentato a Cannes 2014 l'ultimo attesissimo film di David...
Foxcatcher di Bennet Miller a Cannes 2014: l’incontro con l’autore e il cast
A Cannes 2014 il nuovo film di Bennet Miller...
Le Meraviglie di Alice Rohrwacher a Cannes 2014: l’incontro con l’autrice e il cast
Secondo lungometraggio per Alice Rohrwacher a tre anni di...
The Homesman di Tommy Lee Jones a Cannes 2014: non mi interessano gli stereotipi
Tommy Lee Jones presenta in concorso a Cannes 2014...
Turist (Force Majeure) di Ruben Östlund a Cannes 2014
Ruben Östlund torna a Cannes con il suo quarto...
Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan a Cannes 2014: la conferenza stampa
Nuri Bilge Ceylan in concorso a Cannes 2014 con...
Wild Tales di Damién Szifron a Cannes 2014: il piacere di perdere il controllo
Damién Szifron a Cannes 2014 porta il suo nuovo...
Saint Laurent di Bertrand Bonello a Cannes 2014: lo stilista come un pittore
Bertrand Bonello presenta il suo Yves Saint Laurent in...
Run di Philippe Lacôte a Cannes 2014: cronache di guerra in Costa D’avorio
Philippe Lacôte con il nuovo film nella sezione un...
Fehér Isten – White God – di Kornél Mundruczó: God or dog? di uomini e di Cani
Il regista Ungherese di nuovo a Cannes con una...
The Go-Go-Boys: The Inside Story of Cannon Films, il documentario di Hilla Medalia a Cannes 2014
Menahem Golan and Yoram Globus nel documentario di Hilla...
how to train your dragon 2 di Dean Deblois: la conferenza stampa a Cannes 2014
how to train your dragon 2, il nuovo film...
La Chambre bleue di Mathieu Amalric nella sezione Un Certain Regard
Il nuovo film diretto da Mathieu Amalric e tratto...
Captives di Atom Egoyan a Cannes 2014: siamo tutti coinvolti
Captives di Atom Egoyan, in concorso a Cannes 2014,...
Twin peaks in Blu-Ray: 90 minuti nuovi e inediti
Tutto ma proprio tutto Twin Peaks in dieci...
Mr. Turner di Mike Leigh a Cannes 2014: ho lavorato senza script, come sempre
Mike Leigh e TImothy Spall raccontano Mr. Turner, il...
Nicole Kidman su Grace di Monaco: ho cercato di rendere la sua essenza
Nicole Kidman in conferenza stampa a Cannes per la...
Per un pugno di Dollari di Sergio Leone chiude Cannes 2014: presenta Quentin Tarantino
Copia restaurata dalla Cineteca di Bologna del capolavoro di...
The German doctor – Wakolda di Lucia Puenzo: la recensione
Tratto da un suo romanzo, The German Doctor è...
Devil’s Knot – Fino a prova contraria di Atom Egoyan: la recensione
Ispirato ai fatti dei tre di West Memphis, il...
The English Teacher di Craig Zisk: la recensione
Craig Zisk alla sua opera prima ci racconta la...
Sexy Shop, tra assurdità e verità: l’intervista a Maria Erica Pacileo, Fernando Maraghini e Andrea Chimenti
Crisi generazionale ed economica, amicizia, amori finiti e falliti,...
La rassegna di Cinema Giapponese diventa Wa! Japan Film Festival
La rassegna di cinema giapponese a Firenze cambia nome...
Dell’arte della guerra di Luca Bellino e Silvia Luzi: la recensione
La testimonianza dei protagonisti di un episodio che ha...
The Imposter di Bart Layton al Cinema Lumiere di Bologna
L’opera prima di Bart Layton è diventata un fenomeno...
Locke di Steven Knight: la recensione
Tom Hardy nel nuovo film di Steven Knight in...
Cannes 2014, tutti i film
La confermata presenza di grandi nomi e grandi opere...
Miss Zombie di Sabu: la recensione
Sorprendente ritorno alla regia di Hiroyuki Tanaka aka Sabu...
Hiroshima mon amour di Alain Resnais di nuovo in sala: la recensione
Dal 28 aprile prossimo, grazie al restauro della Cineteca...
Amor fou di Jessica Hausner
Nuovo film per la regista Jessica Hausner; Amor fou...
Deux jours une nuit di Luc e Jean-Pierre Dardenne
Nuovo film per i fratelli Dardenne con Marion Cotillard...
Adieu au Langage di Jean Luc Godard
Nuovo film per Jean-luc Godard; Adieu au Langage è...
Futatsume no Mado (Still the water) di Naomi Kawase
Nuovo film per la regista giapponese Naomi Kawase ambientato...
Captives di Atom Egoyan
Nuovo film di Atom Egoyan intitolato "captives"
Clouds of Sils Maria di Olivier Assayas
Clouds of Sils Maria, il nuovo film di Olivier...
I Ponti di Sarajevo: la trentino film commission a Cannes 2014
La Trentino Film Commission sarà presente al prossimo festival...
Torino Gay & Lesbian Film Festival 29 – L’altro festival
Si svolgerà dal 30 aprile al 6 maggio presso...
Lech Majewski- “Onirica” raccontato dal suo autore
"Onirica" è il nuovo film di Lech Majevski...
Alla ricerca di Vivian Maier di John Maloof e Charlie Siskel in Anteprima a Firenze
Vivian Maier una delle più grandi e misconosciute fotografe...
In solitario, vinci 4 corsi Vela con il DVD di Christophe Offenstein
Esce il DVD di "in Solitario" e Lucky red...
Oculus di Mike Flanagan: la recensione
L’immagine allo specchio e l’immagine video: occhio soggettivo e...
Sogni di Gloria del collettivo John Snellinberg vince il WFIFF di Houston
Il nuovo film del collettivo John Snellinberg si intitola...
Fish & Cat (Mahi Va Gorbeh) di Shahram Mokri al Middle East Now 5: la recensione
Secondo lungometraggio per Shahram Mokri ecco Fish & Cat...
Omar di Hany Abu-Assad – Middle East Now 2014
Film di apertura alla quinta edizione di Middle East...
Sonia Gessner, cinquant’anni di cinema e di teatro: l’intervista
Attrice svizzera, naturalizzata milanese, con una carriera lunga oltre...
I fratelli Karamazov di Petr Zelenka: la recensione
La ricerca ontologica tra testo, teatro e cinema. La...
Lech Majewski a Firenze presenta “Onirica”
Martedi 8 Lech Majewski è ospite del cinema Odeon...
Father and son di Kore-eda Hirokazu: la recensione
Dopo il gran premio della giuria a Cannes 2013,...
Fifi Howls From Happiness il film di Mitra Farahani al cinema Fiamma di Firenze
Il film di Mitra Farahani su Bahman Mohassess...
Persia mon amour; una mostra fotografica sulla comunità Iraniana a Firenze
Persia mon amour e la mostra fotografica di De...
Middle East Now, tutto il cinema del Medio Oriente a Firenze dal 9 al 14 Aprile
Dal 9 al 14 aprile 2014 torna a Firenze...
La luna su Torino di Davide Ferrario: la recensione
Torino e lo spazio in bilico. Il potere del...
Father and son di Hirokazu Kore-eda: l’intervista
Esce oggi 3 aprile Father and son, l'ultimo film...
In grazia di Dio di Edoardo Winspeare: la recensione
Un ritorno alle radici come soluzione alla crisi economica....
Nymphomaniac Vol 1. di Lars Von Trier: la recensione
Esce il 3 aprile il vol. 1 di Nymphomaniac,...
Ti ricordi di Me di Rolando Ravello, al cinema dal 3 Aprile
Il nuovo film di Rolando Ravello con Ambra Angiolini...
Wolverine 3 di James Mangold, a marzo 2017
Wolverine 3 è scritto da David James Kelly ...
M.Night Shyamalan: Sundowning è il nuovo thriller low-budget
Nuovo thriller a basso budget per M.Night Shyamalan
Maraviglioso Boccaccio: Paolo e Vittorio Taviani tra storia e presente
Si intitolerà Maraviglioso Boccaccio il nuovo film dei fratelli...
Il nome del figlio è il nuovo film di Francesca Archibugi
Si intitolerà Il nome del figlio il nuovo film...
Felice chi è diverso di Gianni Amelio: la recensione
Felice chi è diverso è il documentario di Gianni...
Tir di Alberto Fasulo: la recensione
La vita sulla strada. La storia di un camionista,...
Il violinista del diavolo di Bernard Rose: la recensione
David Garrett mette in scena momenti della vita di...
Berlinale 64: tutti i premi della giuria internazionale
Ecco tutti i premi della Berlinale 64 inclusi quelli...
Tango Libre di Frédéric Fonteyne: la recensione
Esce in italia Tango Libre, il film di Frédéric...
Processo alla Nazione. Giuseppe Fava trent’anni dopo
Febbraio-Marzo 2014, Bologna Omaggio collettivo e itinerante tra cinema,...
View Award 2014: aperte le iscrizioni per il concorso d’animazione
Aperte le iscrizioni per View Award, concorso per animazioni...
El lugar de las fresas – il luogo delle fragole; il documentario di Maite Vitoria Daneris al cinema Massimo di Torino
Dopo il grande successo al Festival di Torino, torna...
Oscar 2014, ecco tutte le nominations
Eccole tutte le nomination per l'Oscar 2014
Nebraska, il nuovo film Alexander Payne raccontato dall’autore e dal cast
Nebraska di Alexander Payne esce il 16 gennaio in...
I migliori film del 2013 per i lettori di indie-eye: il vincitore del contest
Ecco la lista dei migliori film del 2013 per...
Kevin Smith contro Gesù: Helena Handbag potrebbe essere il suo prossimo film
L'umanità è nelle mani di un gigantesco, estatico Gesù,...
Non Buttiamoci giù, il nuovo film di Pascal Chaumeil a Berlino 64
In anteprima mondiale a Berlino il nuovo film di...
Forum Expanded numero 9: a Berlino 64 attenzione specifica ai medio metraggi
Forum Expanded nona edizione; la Berlinale pone attenzione ai...
Berlinale 64, Perspektive Deutsches Kino, i primi film selezionati
In dettaglio i primi film selezionati nella sezione Perspektive...
Berlinale 64, i primi sette film della selezione ufficiale
Ecco i primi sette film della selezione ufficiale a...
American Hustle – L’apparenza inganna di David O’Russell: in anteprima nazionale a Firenze
Al cinema Flora di Firenze l'anteprima di American Hustle,...
Risate di gioia di Mario Monicelli: in un’Italia dove non c’era molto da ridere
Torna nelle sale Risate di Gioia di Mario Monicelli...
12 anni schiavo di Steve McQueen, la recensione in anteprima
12 anni schiavo esce in italia il 20 Febbraio,...
Open Up to Me (Kerron sinulle kaiken ) di Simo Halinen apre “Una Finestra sul Nord”: la recensione
Open Up to me aprirà la quinta Edizione di...
Yumen di J.P. Sniadecki, Huang Xiang, Xu Ruotao al Festival dei Popoli 54
È la cina spettrale del balzo in avanti quella...
To be or not to be di Ernst Lubitsch: Esce il DVD con un film inedito tra gli extra, L’allegra prigione
“L’allegra prigione” il film inedito del maestro Ernst Lubitsch...
Alessandro Benvenuti si mobilita: Salviamo il Cinema di Castello!
Alessandro Benvenuti sostiene il Cinema Di Castello a Firenze...
Bergamo FIlm Meeting 32, la retrospettiva è dedicata a Dirk Bogarde
È dedicata a Dirk Bogarde la retrospettiva del 32mo...
Nymphomaniac di Lars Von Trier: il trailer e i messaggi subliminali
Ecco le still subliminali del trailer ufficiale di Nymphomaniac,...
La moglie del poliziotto di Philip Gröning: anteprima allo Stensen contro il Femminicidio
Anteprima Nazionale de "la moglie del poliziotto" di ...
Venere in pelliccia di Roman Polanski: Von Sacher-Masoch, Euripide e Polanski
Thomas e Vanda,un regista ed un'attricetta di teatro, in...
A Firenze i Cinema muoiono: salva il cinema di Castello
Mentre Berlino celebra le sue sale cinematografiche storiche con...
The Canyons di Paul Schrader: Questo Smartphone ti ucciderà
Il cinema di cui si parla in The Canyons...
Hal Hartley, per Ned Rifle chiede il sostegno su Kickstarter
Ned Rifle è il terzo film della trilogia di...
Natalie Portman debutta come regista ?
Tra i progetti dell'attrice-produttrice americana un film come regista
Isao Takahata; ecco il trailer di Kaguya-hime no monogatari
Il nuovo film di Isao Takahata dopo numerosi ritardi...
The Monuments Men di George Clooney a Berlino 64
The Monuments Men di George Clooney sarà presentato in...
Wes Anderson, il suo The Grand Budapest Hotel apre Berlino 64
Wes Anderson apre la 64ma mostra internazionale del Cinema...
Carte Blanche, l’iniziativa del Festival di Locarno quest’anno è per il Brasile
Carte Blanche, iniziativa del festival di locarno per incentivare...
L’armata delle tenebre 2, il ritorno di Bruce Campbell nei panni di Ash
Raimi sta lavorando ad Army of Darkness 2 da...
I walk with the dead, l’horror al femminile di Nicolas Winding Refn
Nicolas Winding Refn non è misogino; i dettagli sul...
Queen of the Desert, novità sul nuovo film di Werner Herzog
Queen of the Desert: nel nuovo film di Herzog...
Patricia Rozema dirige Into the forest, cupo romanzo di Jean Hegland
Patricia Rozema dirige Into the forest, dal romanzo apocalittico...
Leonardo DiCaprio produrrà Blood on the snow, il film dal prossimo romanzo di Jo Nesbø
Il prossimo romanzo di Jo Nesbø sarà anche un...
Tim Burton, Beetlejuice 2 sarà lui a dirigerlo
Tim Burton realizzerà il sequel di Beetlejuice per la...
Claude Lanzmann: la premiere del nuovo film a Novembre all’Arsenal di Berlino
The Last of the Unjust, Lanzmann a Berlino presenta...
Kim Jee-Woon e la terza dimensione senza occhiali: Screen X
Presentato al recente Busan International Film Festival, Screen X...
The Lost City, l’Atlantide di Jonas Cuarón
Atlantide secondo Jonas Cuarón
The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, ecco il trailer
Ecco il trailer di The Grand Budapest Hotel di...
Amanda Seyfried e Russell Crowe in Fathers and Daughters di Muccino
Fathers an Daughters, nuovo film americano per Gabriele Muccino...
Cattive compagnie: la rassegna del Glue a Firenze
Al Glue Alternative Concept Space nove film per portarti...
Harry Selick e la versione live action di “in una notte buia e spaventosa”
Dopo aver abbandonato l’idea di portare sullo schermo The...
Toccami con lo schermo: la Disney inventa l’immagine tattile
La Disney ha diffuso un video dimostrativo che racconta...
Last Vegas di Jon Turteltaub apre il 31° Torino Film Festival
Last Vegas il film diretto da Jon Turteltaub e...
Matthew Johnson il regista di The Dirties adatta Encyclopedia Brown di Donald J. Sobol
Matthew Johnson autore del piccolo cult The Dirties, accetta...
Michael Winterbottom gira in Toscana The Face of an Angel
Al via in Toscana le riprese del film di...
Torino Film Festival, tutti i prezzi
Si avvicina l'apertura del TFF e come ogni anno,...
La Paura di Leonardo di Costanzo: ciak, si gira in Trentino
Iniziate oggi le riprese del secondo film di Leonardo...
Tulpa, il DVD per CG e l’ingresso nel mercato Statunitense
Il film di Federico Zampaglione ha fatto bingo; il...
The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, il teaser poster
Ecco il primo poster per il nuovo film di...
The Double, i poster del film di Richard Ayoade
Ispirato al doppio dostoievskiano, ecco i poster del nuovo...
CPH:DOX: Il Festival del documentario di Copenhagen svela il programma
11ma edizione per CPH:DOX dal 7 al 17 novembre...
Festival internazionale del film di Roma: i film in competizione
Ecco la line-up del festival di Roma per quanto...
Pedro Almodóvar contro Cristobal Montoro: il cinema produce economia e benessere culturale
Pedro Almodóvar protesta contro i tagli operati dal governo...
Cameron Crowe rimette mano a Deep Tiki, una commedia ambientata nelle Hawaii
Cameron Crowe rimette mano al suo vecchio progetto "Deep...
Danny Boyle e gli Eroi di Telemark
Danny Boyle sarà il produttore esecutivo di una mini...
The Little House, il nuovo film di Yoji Yamada
Il nuovo film di Yoji Yamada è tratto da...
Kevin Smith, da Clerks 3 a Tusk: un nuovo film Horror per il regista americano
Le rivelazioni di Kevin Smith al Comic-on di New...
Her di Spike Jonze: Scarlett Johansson non ha un corpo
Nel nuovo film di Spike Jonze che ha appena...
Michael Bay potrebbe dirigere un film di guerra: Sabotage
Tra i mille progetti di Michael Bay anche un...
Old Boy di Spike Lee: vent’anni di storia americana
La versione di Old Boy diretta dal cineasta afro-americano...
Quentin Tarantino: i miei 10 film preferiti del 2013
Ecco la top ten dei dieci film preferiti da...
The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese pronto per gli oscar
Scorsese intenzionato a ultimare il suo The Wolf of...
Lars Von Trier: Nymphomaniac, i poster orgasmici con tutti gli attori
Ecco i 14 poster orgasmici per promuovere Nymphomaniac, il...
Vampire Academy: Fanno schifo a scuola
Vampire academy è il nuovo film di Mark Water...
Jamie Foxx nel Martin Luther King diretto da Oliver Stone?
La Dreamworks lavora dal 2009 al progetto di un...
Harrison Ford non sarà Han Solo in Star Wars 7
Harrison Ford, parte del nuovo progetto di J.J. Abrams...
Festival Internazionale di Helsinki 2013: Love & Anarchy, 26ma edizione
il 26mo Helsinki international Film Festival, Love & Anarchy...
Film Festival Turco a Roma a fine Settembre
Il Film Festival Turco di Roma dal 26 settembre
Chroma: giornata di studi sull’immagine a colori tra cinema e media
Un convegno di studi sul colore a Firenze, Chroma
31° Torino Film Festival , chiusura delle iscrizioni
La deadline per iscriversi al TFF è il 13...
Zoran il mio nipote scemo, premio del pubblico alla settimana della critica
Il Premio del Pubblico RaroVideo per il miglior film...
Sion Sono, Why Don’t you play in hell? Giovedi 29 a Venezia 70
Sion Sono torna a Venezia con il suo nuovo...
Andrzej Wajda: Premio Persol 2013
Il premio persol 2013 di Venezia 70 va al...
A lady in paris a ottobre il Blu Ray
Esce a ottobre il Blu Ray disc di A...
In Another Country di Hong Sang-soo , dal 22 agosto nelle sale italiane
Reduce dal Festival di Locarno con il suo Our...
Workshop di regia e direzione degli attori con Scandar Copti
L'occasione è di quelle ghiotte, un workshop di due...
Shuiyin Jie – Trap Street è il film a sorpresa della 28ma settimana della critica
La 28. Settimana Internazionale della Critica annuncia il settimo...
Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2013, a Ettore Scola
Premoo Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2013 della mostra...
Locarno 66 in pillole: Tonnerre di Guillaume Brac
Tonnerre di Guillaume Brac, in concorso a Locarno 66
Locarno 66 in Pillole: Historia de La Meva Mort di Albert Serra
Sesto film per il catalano Albert Serra in concorso...
Locarno 66 in pillole: Short Term 12 di Denis Cretton
Short Term 12, è il film di Denis Cretton...
Locarno 66 in pillole: U Ri Sunhi di Sangsoo Hong
U Ri Sunhi nuovo film per il coreano Sangsoo...
Drift, la storia del surf australiano nelle sale da oggi
Drift dell'australiano Morgan O’Neill esce oggi 8 agosto nelle...
Venezia 70, tutti i film di Venezia Classici
Venezia 70, tutti i film di Venezia Classici
Venezia 70, tutti i film fuori concorso
Venezia 70, tutti i film fuori concorso
Venezia 70, tutti i film della sezione Orizzonti
Venezia 70, tutti i film della sezione Orizzonti
Amarcort, cortometraggi in spiaggia
Venerdì 19 luglio alle 21.15 torna Amarcort in Spiaggia:...
Claudia Cardinale a Venezia 70
Sarà Claudia Cardinale la testimonial di Venezia Classici, la...
Lattinoir, primo conrtometraggio per il recupero e il riciclo degli imballaggi in alluminio
Sarà presentato al Giffoni Film Festival - il più...
Terry Gilliam, Brazil in piazza ss. Annunziata
Dopo aver ricevuto il Premio Fiesole ai Maestri del...
Da Sodoma a Hollywood: la ventottesima edizione del Torino GLBT Film Festival.
ventottesima edizione del Torino GLBT Film Festival, tutti i...
Indie-eye, Quarto premio al prestigioso eContent Award 2012, premio per i migliori contenuti digitali
Indie-eye network a distanza di cinque anni vince uno...

Animerama - Storia del cinema d'animazione giapponese, il volume appena pubblicato da Marsilio Editore nella collana Biblioteca Marsilio, si configura come un testo fondamentale. Scritto da Maria Roberta Novielli, è l'opera più completa sull'argomento pubblicata a livello internazionale. Abbiamo cercato di approfondirne i contenuti, le scelte analitiche, l'impostazione e la portata innovativa insieme alla stessa Maria Roberta Novielli, che ci ha gentilmente concesso una lunga intervista 

Di

Nella prefazione al ricchissimo volume di Maria Roberta Novielli dedicato alla Storia del cinema d’animazione giapponese ed edito da Marsilio, Giannalberto Bendazzi lo dice senza indugi; il libro “colma una lacuna che affligge anche anglofoni e francofoni, i titolari delle due lingue internazionali di scambio“, come a dire che il contributo di conoscenza offerto dalla lunga ricerca in oggetto, durata complessivamente tre anni, è assolutamente unico per qualità ed estensione e non conta precedenti simili in quest’ambito.

Per la stessa Novielli, il libro colma il vuoto di una trattazione esaustiva sull’animazione giapponese, che non poteva essere compresa né sviluppata in parallelo al già fondamentale Storia del cinema giapponese, scritto dall’autrice nel 2001 e pubblicato sempre per i tipi di Marsilio.
Una scelta coraggiosa e importante, a partire dall’attenzione capillare che viene dedicata alle origini del cinema d’animazione giapponese, partendo dalla tradizione degli emakimono (le storie illustrate su rotoli), passando per il teatro delle ombre (Kagee) e lo sviluppo della lanterna magica, senza tralasciare la lunga carrellata di media da strada che le consentono di descrivere un’affascinante storia del pre-cinema; una prima parte fondamentale quindi, totalmente assente da tutti i libri (pochi) che si sono occupati di animazione giapponese a livello internazionale, e che getta sin da subito le basi per una tensione vivissima tra radici tradizionali e innovazione, caratteristica che innerva tutto il percorso esaminato nel volume.

La ricca diversificazione dei generi, la nascita dei principali dipartimenti di animazione, la stretta relazione con i manga, i corti horror degli anni trenta, il cinema di propaganda, sono solo alcuni degli aspetti trattati nel libro e che seguono, dopo la sezione dedicata alle origini, i primi quaranta anni del novecento, quasi cento pagine che ci conducono verso il “nuovo mondo”, quello che si riferisce al settennato di occupazione americana nell’Arcipelago, successivo alle esplosioni nucleari su Hiroshima e Nagasaki e a tutto quello che ne conseguì sul piano creativo fino alla fine dell’occupazione stessa.

Da qui in poi, ovvero dal 1953 fino ai giorni nostri, Maria Roberta Novielli delinea una storia ricca di invenzioni, innovazioni e sperimentalismo, dedicando molte pagine ad autori come Tezuka Osamu, al ruolo del “Centro artistico Sogetsu” inaugurato da Teshigahara Hiroshi negli anni sessanta e alla relazione che questo aveva con le avanguardie transmediali (animazione, musica, teatro, danza) al lavoro degli indipendenti della Puppet Animation come Kawamoto Kihachiro e Okamoto Tadanari fino ai lungometraggi erotici raggruppati sotto il titolo di Animerama tra la fine degli anni sessanta e l’inizio dei settanta. Ricchissimi anche i riferimenti agli autori che si sono mossi tra cinema e animazione, come l’Oshima di Ninja bugeicho e il lungo percorso trasversale di Ichikawa Kon, così come quel continuo oscillare del cinema d’animazione giapponese tra mainstream e sperimentazione estrema; emergono in quest’ultimo caso figure come Kurosaka Keita, Yamamura Koji e l’apolide Fusako Yusaki, a cui il Ca’ Foscari Short Film Festival, la manifestazione diretta dalla stessa Novielli, ha recentemente dedicato un ricco omaggio.

Non manca ovviamente tutto il lungo tracciato legato alla storia di Studio Ghibli e ai suoi autori principali, un approfondimento su Kon Satoshi fino ad arrivare al futuro dell’animazione giapponese, da Shinkai Makoto ai nuovi autori legati (anche) alle prospettive aperte dal web.

Un percorso ricchissimo, che ci consente di entrare nel dettaglio di una storia conosciuta solo parzialmente e a cui è molto difficile rendere giustizia nello spazio di una recensione il cui scopo dovrebbe essere quello di un invito alla lettura.

Per questo motivo abbiamo pensato di chiedere direttamente a Maria Roberta Novielli di raccontarci alcune cose in relazione al suo ultimo lavoro e di spiegarci le motivazioni legate ai criteri di analisi scelti, rigorosi e completamente in controtendenza rispetto alla vulgata “critica” sull’animazione nipponica che troppo spesso sembra sbilanciata dalla parte del mercato e molto meno da quella della ricerca.

La prima cosa che volevo chiederti, al di là del tuo ambito di competenza e della passione, che cosa ti ha spinto, dopo La storia del cinema giapponese, ad affrontarne un’altra, altrettanto impegnativa e vasta…

A dire il vero come anche ho accennato nella prefazione del libro, già mentre scrivevo la storia del cinema giapponese avrei voluto inserire anche il cinema di animazione, perché sono totalmente interconnessi. Spesso ci sono registi di cinema live che si dedicano anche all’animazione oppure le stesse case di produzione seguono logiche abbastanza analoghe, ma sarebbe venuto fuori un volume enorme con il rischio di un lavoro dispersivo, quindi ho preferito escludere totalmente il cinema d’animazione sperando di poterne fare un volume indipendente.

Nella tua lunga ricerca hai delineato un percorso vastissimo ma allo stesso tempo specifico e rigoroso; rispetto ad altre pubblicazioni sull’animazione giapponese, che partono dagli anni 20 o dagli anni 50, il tuo è il primo volume a livello nazionale e internazionale che comincia molto prima, tratteggiando una storia dettagliatissima del pre-cinema d’animazione; allo stesso tempo vengono ridimensionati ruolo e influenza di quei prodotti televisivi che esplodono negli anni ’70, e che come dici nel paragrafo “arrivano i mostri” avrebbero stratificato tutte quelle convenzioni da esportazione come risultante degli effetti negativi dell’influenza occidentale. La domanda è, come hai deciso e impostato i criteri di ricerca e come mai una scelta così radicale e coraggiosa, rispetto a tutta una vulgata “critica”, molto diffusa spesso per ragioni commerciali?

In tutti questi anni in cui ho covato l’idea del libro, leggendo tutto l’esistente come puoi immaginare, una delle cose che mi ha sempre un po’ “meravigliata“, diciamo eufemisticamente, è il fatto che si possa omologare animazioni televisive e cinematografiche, sopratutto nel caso del cinema giapponese ma non solo, creando un calderone di animazione davvero folle. Chi mai scriverebbe di fiction televisive e cinema? Lo sappiamo benissimo, sono logiche diverse, produttivamente, ma anche dal punto di vista del target. La prima cosa che mi sono quindi sentita di sfatare è che questa connessione fosse reale. La connessione non c’è, lo dimostrava lo stesso Tezuka Osamu, che continuava a dire quanto le animazioni televisive fossero per lui una scelta fatta per guadagnare i soldi necessari da impiegare per il suo cinema più sperimentale. La prima posizione che ho quindi cercato di assumere era questa, la distanza dal mondo televisivo come realtà a parte e che va trattata in quanto tale. L’altro aspetto è che la storia del cinema d’animazione giapponese è una delle più antiche del mondo, nonostante questo, come giustamente dicevi, o si parte dal Serpente bianco del 1958, oppure di tutto il cinema fino a quel momento si trattano poche pagine molto sbrigative, continuando a sostenere che sia un cinema artigianale; al contrario, oltre al pre-cinema che ha tutta una sua storia antichissima e con molti precedenti importanti, anche il cinema dal 1917 fino al dopoguerra, è talmente complesso e ricco e con moltissimi riferimenti all’animazione statunitense da giustificare la sua completezza e la sua maturità. Io ho dedicato tre capitoli a tutto quel periodo perchè c’è moltissimo da dire. Purtroppo l’atteggiamento nei confronti dell’animazione giapponese è frequentemente ambiguo e superficiale.

Tu dedichi molto spazio ai numerosi fermenti sperimentali che attraversano la storia del cinema d’animazione giapponese. Quello che si desume è una convivenza strettissima tra tradizione e innovazione fin dai primi disegni animati di Ofuji Noburo, che come si legge nel libro rielaborava alcune intuizioni occidentali tra cui le animazioni con silhouette, usando la carta tradizionale giapponese e raggiungendo così risultati di grande forza espressiva. Secondo te, la grande differenza tra l’animazione occidentale e quella giapponese lungo tutto il suo percorso, può essere individuata proprio in questo crocevia tra radici e sperimentazione?

In parte è come dici, in parte si riferisce al fatto che l’animazione giapponese, fin dalle sue origini, è stata dedicata anche ad un pubblico adulto e questa è una differenza fondamentale, perché sappiamo come gran parte delle altre cinematografie animate avessero come obiettivo un pubblico infantile. Inoltre la sperimentazione nell’animazione giapponese ha costituito una vera e propria fonte pionieristica di stili che si sono riversati nel cinema live; credo che la differenza fondamentale con le altre cinematografie sia questa. L’esempio più lampante è il confronto con l’animazione statunitense, dai fratelli Fleischer a Disney, che si riferiva in gran parte al pubblico infantile, tanto da risultare più didattica rispetto a quella giapponese.

Come hai lavorato sulle fonti? mi riferisco sopratutto all’animazione giapponese delle origini fino agli anni trenta, ed inoltre, quanto c’è di “invisibile” tra le opere che affronti, invisibile per chi non opera in un ambito specifico legato alla ricerca, penso ad un lettore che volesse avvicinarsi al tuo testo, magari aiutato da un supporto audiovisivo…

La maggior parte dei film precedenti al 1923, quando c’è stato il grande terremoto del Kantō, sono andati distrutti. Le eccezioni riguardano film salvati in altre cineteche come quella di Mosca o spesso trovati in situazioni incredibili come nei pagliai, nei casolari. La produzione che si è salvata, anche da altre forme di scempio, è stata riproposta in una serie di cofanetti DVD pubblicati in Giappone, sono tre raccolte molto costose, ma assolutamente indispensabili. Oltre a questo ci sono alcuni autori che non sono inclusi in quelle pubblicazioni, come per esempio le opere di Ogino Shigeji, precursore della videoarte di cui parlo nel volume, proposte integralmente alle giornate del cinema muto di Pordenone, programma tra l’altro ripreso dal National Film Center di Tokyo. Basta rincorrere questi eventi per riuscire a recuperare tutto. È difficile, la strada è quella dell’accesso agli archivi. In ogni caso in DVD è quasi già tutto disponibile.

Le trasformazioni metamorfiche, oltre ad essere connaturate con l’arte dell’animazione, sembrano uno dei propellenti creativi più importanti in quella giapponese, nel tuo libro tratteggi con accuratezza questi aspetti da un punto di vista politico, culturale e quindi artistico; tu individui uno spartiacque importante con un film che sta tra cinema e animazione, il Gojira di Honda, cosa cambia da questo momento in poi nel cinema d’animazione Giapponese?

Credo che Gojira venga spesso erroneamente considerato un film di serie, un film di intrattenimento puro. Al contrario è un’opera geniale, perché ha permesso alcune delle sperimentazioni animate, e non solo. Il fatto stesso che sia nata la suit-animation intorno a quel film e che per la prima volta si sia impiegato uno storyboard proprio per le prospettive nella ricostruzione dei modellini. Immaginati questa persona che veste un abito e che deve muoversi in una città ricreata in miniatura, però a seconda delle soggettive utilizzate, i palazzi vengono costruiti diversamente, per esempio con la parte superiore più larga, per dare l’idea della profondità. Una costruzione incredibile se ci pensi. Quindi dal punto di vista della sperimentazione costituisce in un certo senso uno spartiacque, perché porta il cinema sperimentale al grande pubblico.

Sempre a proposito di metamorfosi, nel tuo libro dai ampio spazio a due autori sperimentali come Yamamura Koji e Kurosaka Keita e in un contesto diverso a Fusako Yusaki, c’è un filo rosso che li accumuna secondo te?

Si, è la trasformazione di una forma nell’altra, costante. Tutti e tre hanno questa caratteristica, una forma si evolve in un’altra. Non hanno quasi mai bisogno del montaggio e la loro costruzione avviene attraverso l’idea che qualcosa si evolva da qualcos’altro. È in un certo senso una nuova forma di costruzione adrenalinica delle immagini e tutti e tre la utilizzano costantemente, e non sono ovviamente gli unici che lo fanno. Oltre a questo hanno in comune il fatto di lasciare quella sospensione tra pubblico infantile e adulto, forse con l’eccezione di Kurosaka Keita che è più duro.

In varie parti del libro fai riferimento all’influenza, indiretta e diretta, che l’animazione giapponese ha avuto sul mondo dei video musicali, questo scambio tra animazione e videoclip, in Giappone è stato così fecondo come in occidente?

È uno scambio molto frequente; al di là di Ogino Shigeji, il precursore di cui parlavamo e che nella sua produzione si era servito abbondantemente della musica, tutta la produzione sperimentale degli anni cinquanta e che si muove intorno al centro artistico Sogetsu, puntava molto alla commistione tra i vari media, e la musica contribuiva abbondantemente alla creazione dell’animazione. Quindi da quel momento in poi è diventato quasi normale poter porre sullo stesso piano gli ambiti e farli interagire più spesso.

Cito dal tuo libro “il manga è mia moglie, ma l’anime è la mia amante”, sono parole di Tezuka Osamu, il dio del manga, a cui dedichi una posizione centrale nell’evoluzione del cinema d’animazione giapponese, ci racconti un po’ perché è così importante? In Italia, al di là di alcune serie televisive trasmesse alla fine degli anni settanta è forse maggiormente conosciuto dalle nuove generazioni per le traduzioni delle sue opere a fumetti pubblicate  dalla Hazard Edizioni…

Tezuka ha inventato davvero un nuovo modo di fare animazione, e l’ha fatto in tutte le direzioni, compreso quella legata all’animazione commerciale. L’ha fatto partendo da un tipo di fumetto, che lui stesso ha inventato, che già era cinematografico, perché a partire dai primissimi manga del dopoguerra, aveva già inserito una serie di invenzioni di tipo visivo che si ispiravano profondamente al cinema. Ha in pratica creato una vera e propria rete tra cinema live, fumetto, animazione che poi ha formato generazioni intere di animatori oltre che di fumettisti giapponesi. Allo stesso tempo il fatto che abbia avuto l’esatta percezione di come si potesse dividere l’animazione sperimentale da quella commerciale, ha fatto si che si producessero una grande molteplicità di stili. L’altro grande merito di Tezuka è l’aver formato una grande squadra di grandi animatori, come per esempio Rintaro, i più grandi sono nati con lui. Questo significa che ha saputo utilizzare altri artisti geniali, lasciando loro carta bianca. Basta guardare la serie Animerama, la prima veramente erotica mai realizzata.

A proposito di Animerama, come mai hai scelto proprio questo nome come titolo per l’intero volume?

Perchè il nome affidato alla trilogia racchiudeva già una serie di significati molteplici. Quello di “animazione”, “panorama” ma anche “drama”. In qualche modo mi sembrava importante, oltre ovviamente al riferimento diretto all’animazione, il legame con il termine “panorama”, trattandosi appunto di una storia, ma prima di tutto, quello che mi interessava era il termine “drama”, per quelle caratteristiche di cui parlavamo prima e che costituiscono la peculiarità dell’animazione giapponese, non esclusivamente legata all’intrattenimento infantile, ma attraversata da una continua tensione narrativa e drammatica.

Tu dedichi al cinema sperimentale un ruolo fondamentale, capace di cambiare tutto l’assetto creativo dell’animazione giapponese, penso ad una figura come quella di Kuri a cui dedichi molte pagine. Quanto è stata importante la relazione tra mainstream e cinema indipendente dagli anni sessanta fino ad oggi, cosa ha cambiato e cosa è cambiato all’interno di questa stessa relazione?

L’animazione sperimentale ha spesso costretto le grandi major a cambiare rotta. L’ha fatto grazie a personaggi come Kuri, per esempio la Toei che puntava sui grandi lungometraggi destinati all’esportazione, ha poi dovuto aprirsi alla sperimentazione, anche perché ai festival internazionali arrivavano artisti come Kuri. A Venezia ha partecipato molte volte, è stato premiato ovunque ed era un po’ il termometro di tutti i cambiamenti epocali in ambito sperimentale. Kuri è ovviamente un esempio molto estremo e non si può certo parlare di un cinema che in Giappone sia nato dal suo, questo non è successo. In altri frangenti, come nel caso della Puppet Animation di Kawamoto, artista che si è sempre mosso da indipendente, sono nate scuole specifiche in Giappone, direttamente dalla sua esperienza. In quest’ambito ci si riferisce sempre a lui e da indipendente resta il pioniere di un’intera produzione. Capita quindi spesso che siano gli artisti sperimentali a pilotare gli andamenti del mercato.

A Studio Ghibli, a Miyazaki e a Takahata il volume dedica ampio spazio fino al congedo dello stesso Miyazaki e a “La storia della principessa splendente” di Takahata, che tu definisci come “un atto d’amore vero e proprio verso il cinema e l’immaginario più antico”. Il vero testamento di Studio Ghibli, in termini di sintesi storica, è secondo te il film di Takahata oppure “Si alza il vento” di Miyazaki?

Io credo che il cinema di Takahata in termini generali sia più completo di quello di Miyazaki. Intendiamoci, Miyazaki è assolutamente un genio, non voglio sminuirlo in alcun modo, ma credo che Takahata abbia impresso, attraverso i suoi lavori per lo studio, i veri cambiamenti dello studio stesso. Le sue opere sono cinematograficamente complete, funzionano anche come film live, laddove Miyazaki può essere solo animazione, quindi credo che il grandeur dello studio risieda proprio nell’opera finale di Takahata.

Il tuo libro si chiude con una sezione dedicata in parte a Shinkai Makoto, e alle nuove forme di animazione sperimentale fuori dalle logiche di mercato. Quali sono secondo te i nuovi nomi del futuro su cui puntare nell’ambito dell’animazione giapponese coeva?

Guarda, non è un nome nuovissimo, ma ingiustamente sconosciuto in occidente ed è grandissimo. Penso a Morimoto Koji, di cui ho scritto proprio nell’ultima parte del libro. Non è un autore di primo pelo, è nato nel 1959, ma al di là dell’alto livello delle sue opere, è davvero uno degli innovatori più importanti, tra i registi degli ultimi anni. Tieni anche presente che alcune sue cose sono esposte al MOCA di Los Angeles insieme a Murakami Takashi, questo per dire che non è solo un animatore ma un artista molto più complesso. La sua produzione purtroppo rimane confinata a pochi cultori, in Italia per esempio non lo conosce nessuno ed è un artista da tenere assolutamente d’occhio, anche perché ha recentemente fondato una sua casa di produzione e quindi in futuro sarà sicuramente più attivo. Se quindi dovessi fare un nome, in questo momento farei il suo.

Hai in preparazione qualche evento legato al libro, progetti, ipotesi, eventi?

Al di là di una serie di presentazioni tra cui la prossima prevista per il 3 maggio a Palmanova in occasione di NovaLudica e una successiva, l’8 maggio, al Future Film Festival, posso dirti cosa vorrei che succedesse al libro stesso. Spero che sia tradotto e pubblicato all’estero, perché come dicevi anche tu, non esiste un libro così nel mercato internazionale, ovvero un libro che tracci una storia così completa della Storia del cinema d’animazione giapponese. È successo già con la Storia del cinema giapponese, il volume che ho scritto per Marsilio nel 2001 e che è stato tradotto in portoghese per la pubblicazione in Brasile. Spero che questo abbia una diffusione in lingua inglese, questo è il mio sogno. Anche perché credo che da queste prospettive possano nascere molti altri lavori interessanti. Io ho una specificità che altri forse non hanno, ovvero mi occupo anche di cinema live, e avere entrambe le prospettive non è così comune. Per questo credo che possano nascere stimoli interessanti.

Animerama – Storia del cinema d’animazione giapponese di Maria Roberta Novielli sul sito ufficiale Marsilio

Maria Roberta Novielli si occupa di media asiatici, e in particolare di quelli giapponesi. Per quanto riguarda la cultura giapponese, insegna all’Università di Ca’ Foscari Storia del cinema giapponese, Storia del cinema d’animazione, “letteratura e cinema”, tiene anche un corso di Sociologia dei processi culturali in Asia Orientale dove affronta una varietà molteplice di media. Dirige e organizza il Ca’ Foscari Short Film Festival ed è curatrice del sito Asiamedia. Oltre a scrivere su numerose riviste, cura le collane Schermi Orientali (Cafoscarina) e Contemporary Japan insieme a Rosa Cairoli (Edizioni Ca’ Foscari). Tra i volumi che ha scritto, oltre a “Storia del cinema giapponese” e “Animerama – Storia del cinema d’animazione giapponese“, entrambi pubblicati per Marsilio, ha pubblicato anche “Metamorfosi. Schegge di violenza nel nuovo cinema giapponese” edito per la collana Cinema di Epika e “Naomi Kawase. I film, il Cinema” pubblicato per Effatà Editrice

Maria Roberta Novielli
Animerama - Storia del cinema d'animazione giapponese
Marsilio - 2015 - Euro 24,00 - pp. 256 con 40 ill. b/n f.t., 1° ed

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi