giovedì, Ottobre 1, 2020

Balkan Florence Express – III Edizione: 17-20 Novembre, Cinema Odeon

Dopo i tanti apprezzamenti di critica e pubblico delle prime due edizioni torna, nel programma della 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze, il Balkan Florence Express, festival di cinema balcanico promosso da Oxfam Italia, realizzato in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana e Festival dei Popoli. Quattro giornate al cinema Odeon di Firenze, dal 17 al 20 novembre, con la proiezione di 19 film, tra fiction e documentari, la bellissima mostra fotografica “Il pellegrinaggio dei gitani”, una tavola rotonda con ospiti internazionali e una travolgente festa di chiusura il 21 novembre all’Auditorium Flog. Una rassegna che rappresenterà per tutti i Fiorentini e gli appassionati di cinema,

un’occasione unica per scoprire il grande fermento e la rinascita culturale, sociale ed economica nei Balcani del “dopoguerra”. Il festival nasce dal lavoro ultradecennale di
Oxfam Italia nei Balcani a sostegno dello sviluppo socio-economico dei paesi dell’area, attraverso la tutela del patrimonio naturale, artistico, culturale e delle tipicità enogastronomiche di una delle zone più belle e ricche di storia d’Europa. Un’iniziativa che, anche quest’anno, vuole creare un ponte culturale tra Firenze e le comunità balcaniche, e che assume un significato ancora più profondo dopo la tremenda alluvione che ha colpito il cuore della penisola balcanica la scorsa primavera, danneggiando gravemente 500.000 abitanti della Bosnia Erzegovina. Un’emergenza umanitaria su cui Oxfam è intervenuta, portando aiuto ad oltre 5.000 persone.
Sono tre i film assolutamente da non perdere: Love Island , di Jasmila Žbanić (17 novembre, ore 20.30), il film collettivo I Ponti di Sarajevo (20 novembre, ore 16.00), Figlio
di Nessuno, del regista serbo Vuk Ršumović (20 novembre, ore 20.30). Il sipario del cinema Odeon di piazza Strozzi si alzerà il 17 novembre alle 20.30 sull’anteprima italiana di Love Island, assieme alla regista Jasmila Žbanić (Orso d’Oro nel 2006 con Il segreto di Esma), che al banco di prova della sua prima commedia offrirà agli spettatori un film dal tono quasi liberatorio, dopo il dramma degli anni della guerra: sullo sfondo di una suggestiva isola croata, amori e tradimenti, equivoci e atmosfere carnevalesche, consegneranno infatti agli spettatori un’immagine inconsueta e al tempo stesso forte dei Balcani, grazie anche all’interpretazione di attori del calibro di Franco Nero, nei panni di un improbabile latin lover italiano, del bravissimo Ermin Bravo (di recente a Firenze con lo spettacolo La notte di Enver) e della la star croata Leon Lucev.

Ma l’edizione del BFE di quest’anno sarà anche l’occasione per una riflessione attenta sui conflitti che hanno attraversato il nostro continente e in particolare i Balcani, a confronto con un’idea, quella dell’Europa unita, che invece promuove pace e convivenza tra i popoli. Uno sguardo al passato per parlare dell’oggi. Una rilettura che avviene in occasione del centenario dall’attentato di Sarajevo: l’assassinio di Francesco Ferdinando per mano di Gavrilo Princip, che segnò l’inizio della Grande Guerra.
Un anniversario che il 20 novembre dalle 16.00, sarà ricordato con l’anteprima toscana de I Ponti di Sarajevo, film collettivo che mette a confronto alcuni dei migliori registi europei che con 13 episodi raccontano l’attentato di Sarajevo. La proiezione sarà preceduta, dalle 9.30 alle 13.00, al cinema Odeon, dalla tavola rotonda ‘Il Secolo di Sarajevo’, realizzata in collaborazione con la Regione Toscana e l’Istituto Storico della Resistenza in Toscana. All’incontro moderato dall’inviata del TG3 Barbara Gruden, prenderanno parte l’Assessore alla Cultura della Regione Toscana Sara Nocentini, i docenti delle Università di Siena e Firenze Marcello Flores d’Arcais e Gianni Scotto e l’ex ambasciatore della Bosnia Erzegovina e giornalista, Zlatko Dizdarević.

Fiore all’occhiello infine della rassegna, sempre il 20 novembre alle 20.30, la proiezione dello straordinario film Figlio di Nessuno, del regista serbo Vuk Ršumović, che per la
prima volta verrà presentato in sala dopo la vittoria a Venezia del premio del pubblico Raro Video della settimana della critica e del Premio Fedora per la miglior sceneggiatura.
L’incredibile storia vera del piccolo Haris, che nel 1988 fu ritrovato da solo fra le montagne della Bosnia. Un orfano cresciuto dai lupi allo stato selvaggio, che finito all’orfanotrofio di Belgrado, nel 1992, verrà armato di fucile e spedito al fronte bosniaco dove conoscerà gli orrori della guerra, finché per la prima volta nella sua vita una notte, riuscirà a prendere una decisione tutta sua. Un film-capolavoro, che sulle orme di ragazzo selvaggio di Truffaut, lascerà gli spettatori senza fiato.
Ricco anche il programma di documentari grazie alla selezione a cura del Festival dei Popoli. Dal commovente Mama Europa, della slovena Petra Selikšar, che racconta l’Europa vista dai Balcani con gli occhi di una bambina di 6 anni di nome Terra, al divertente Men With Balls, storia di un villaggio Rom che ritrova una sua dignità attraverso il tennis, fino ai due interessanti corti kosovari: Sex, sugli attacchi alla comunità gay e Brenda ka drite, storia di un artista profugo di guerra, solo per citarne alcuni.

L’edizione di quest’anno della rassegna dedica un’attenzione particolare al mondo culturale e artistico del popolo Rom, grazie alla collaborazione con il Rolling Film Festival (festival di film Rom a Prisitna) e alla suggestiva mostra fotografica Il pellegrinaggio dei gitani, realizzata da Social Eyes e dedicata alla festa della Santa Nera, che raduna ogni anno i gitani da tutta Europa in Provenza. La mostra sarà in esposizione al cinema Odeon per l’intera durata della rassegna.

Attenzione anche al mondo della scuola, con due matinées assieme agli studenti fiorentini in programma il 18 e 19 novembre all’Odeon, all’interno del progetto regionale “Il Mondo e la Nuova Europa in Toscana”, realizzato da Oxfam e dall’associazione pAssaggi di Storia.

Dulcis in fundo, il 21 novembre dalle 21.30, chiusura con le travolgenti sonorità balcaniche del FRIKKETTONIKA BALKAN PARTY all’Auditorium Flog. Sul palco, direttamente da Sarajevo, i Divanhana, con i loro arrangiamenti che mescolano musica tradizionale urbana e suoni soul della Bosnia, che assieme ai Baro Drom Orkestar daranno vita ad un ensemble unico, che farà ballare il pubblico dalla prima all’ultima nota. A seguire, dance hall firmata da DJ PRAVDA. L’ingresso, 12 euro (10 euro ridotto), sosterrà i progetti di lotta alla povertà realizzati da Oxfam Italia. Ma le sorprese non finiscono qui…

Il 22 novembre alle 11.00, in collaborazione con la scuola di cucina MaMa, in programma un corso di cucina balcanica che permetterà di scoprire le specialità gastronomiche di una terrà unica. Per info e iscrizioni: www.mamaflorence.it; tel. 055.220101

Il programma completo della rassegna è consultabile da questa parte

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015