Indie-eye – Cinema – Testata giornalistica di Cinema
KINODV PRODUZIONI VIDEO FIRENZE
Breaking News
Novaradio Città Futura & Indie-eye: Straneillusioni, il format radiofonico dedicato al cinema
Straneillusioni è il contenitore radiofonico dedicato all'informazione e alla...
Il cinema in sala a 3 euro dal 12 al 15 ottobre: #Cinemadays
Cinemadays, il cinema a sole 3 euro nelle sale...
Dark Places – Nei luoghi oscuri. Dal 22 ottobre in sala il film di Gilles Paquet-Brenner
Dark Places il nuovo thriller di Gilles Paquet-Brenner con...
Antoni Muntadas – Dérive Veneziane a Venezia 72
Dérive Veneziane è la flanerie di Antoni Muntadas installata...
Venezia 72, le tre giurie internazionali: Concorso, Orizzonti, Premio Venezia Opera prima
Tutti i membri delle tre giurie internazionali della 72....
Michael Cimino l’omaggio e il Pardo d’onore a Locarno 68
Michael Cimino, Pardo d'onore a Locarno 68
Everest di Baltasar Kormákur: il film d’apertura di Venezia 72
Everest di Baltasar Kormákur è il film d'apertura presentato...
Il manifesto della 72 Mostra di Venezia
Venezia 72 il manifesto di Simone Massi
Andrzej Zulawski a Locarno 68 con Cosmos
Andrzej Zulawski torna alla regia dopo quindici anni con...
Barbara Steele ospite del 35° Fantafestival di Roma: premio alla carriera
Barbara Steele, premio alla carriera al fantafestival di Roma,...
Joe Wright – The Lifeboat: in trattative per il film interpretato da Anne Hathaway
Anne Hathaway interpreterà la protagonista di The Lifeboat, il...
Biennale College 2015
La 4a edizione di Biennale College inizia oggi,...
Venezia 72: Alfonso Cuarón presidente della Giuria Internazionale
Alfonso Cuarón presidente di giuria di Venezia 72
C’era una volta in Italia. Il cinema di Sergio Leone: la mostra
Il Museo Nazionale del Cinema apre le porta al...
Stijn Coninx racconta “Marina”: il film dedicato a Rocco Granata all’Istituto Stensen di Firenze
Stijn Coninx all'istituto Stensen di Firenze presenta "Marina", il...
Sogni di Gloria di John Snellinberg sbarca in Cina
Sogni di Gloria esce in DVD, viene distribuito in...
Ore 12 di Toni D’Angelo al Festival del Film di Roma
Ore 12 il corto di Toni D'angelo al Festival...
Largo Baracche di Gaetano di Vaio al Festival del Film di Roma
Gaetano di Vaio sarà presente al Festival del Film...
Mario Martone presenta il Giovane Favoloso a Firenze
Il Giovane Favoloso, il film di Mario Martone alla...
Jalil Lespert dirige alcuni episodi della serie “Versailles”
Jalil Lespert coinvolto nel serial televisivo "Versailles" per il...
Martin Kemp in Age of Kill di Neil Jones e Tom Hardy nella parte dei fratelli Krays
Matin Kemp, l'ex Spandau Ballet che interpretò uno dei...
Climb to conquer di Peter Shelton diventa un film prodotto da Robert Redford
La decima divisione montana nata negli states durante la...
David Grieco – La Macchinazione: Pasolini interpretato da Massimo Ranieri
Cominciano le riprese del film di David Grieco dedicato...
Roman Polanski girerà “An officer and a Spy” in Polonia
Roman Polanski girerà un film sull'Affare Dreyfus in Polonia,...
David Cronenberg – The Nest: il nuovo cortometraggio su youtube
The Nest è il nuovo cortometraggio di David Cronenberg...
Sam Raimi produce e forse dirige un film sulle truppe americane in Afghanistan
Sam Raimi sarà produttore e supervisore alla sceneggiatura per...
Eli Wallach: un ricordo
Eli Wallach ci lascia all'età di 98 anni
L’Anti Defamation League contro Gary Oldman
L'anti defamation league risponde alle esternazioni anti-Semite di Gary...
Rambo V sarà la personale versione di “Non è un paese per vecchi” diretta da Stallone
Stallone scrive la sceneggiatura e dirige il quinto capitolo...
Mick Jagger co-produce il Nuovo Scorsese per HBO
Nuovo pilot televisivo per Martin Scorsese, storia di sesso...
John Turturro vuol dirigere uno spinoff del Grande Lebowski
John Turturro vuol dirigere un film su Jesus Quintana
Hail Caesar è il nuovo film dei Fratelli Coen
Channing Tatum, Ralph Fiennes e Tilda Swinton
Kore-eda Hirokazu – Kamakura Diary è il nuovo film
Kore-eda Hirokazu adatta per lo schermo un noto manga...
Wong Kar-wai: il nuovo film è un adattamento da Ferrymen di Zhang Jiajia
Nuovi dettagli sul prossimo film di Wong Kar-wai, un...
Mai così vicini di Rob Reiner esce il 10 luglio
Il nuovo film di Rob Reiner con Michael Douglas...
Alexandre Desplat è il presidente della Giuria di Venezia 71
È la prima volta che un compositore presiede la...
Michael Haneke: il nuovo film si intitola Flashmob
Slittano le riprese di Flashmob, il nuovo film di...
Aaron Sorkin scrive l’adattamento del nuovo romanzo di Michael Lewis
Aaron Sorkin torna a scrivere una sceneggiatura da un...
Tutte le storie di Piera di Peter Marcias
Presentato con successo allo scorso festival di Torino, arriva...
James Cameron: Avatar si fa in quattro
James Cameron si fa aiutare da quattro sceneggiatori e...
Venezia 71: Alice Rohrwacher è il presidente della Giuria del Premio Venezia Opera Prima
È Alice Rohrwacher il presidente della Giuria del Premio...
Steven Spielberg: ecco i due nuovi film
Due nuovi film per Steven Spielberg, un thriller ambientato...
David Lynch ospite d’onore al Lucca Film Festival 2014
David Lynch è l'ospite d'onore della decima edizione del...
Bence Fliegauf – la video intervista: noise and vision
Video Intervista esclusiva a Bence Fliegauf; realizzata da Michele...
Quadrophenia il film di Franc Roddam con la musica degli Who di nuovo in sala
Torna in sala il prossimo autunno a 35 anni...
Cannes a Firenze: i film dell’edizione 67 nel capoluogo toscano
Arrivano anche a Firenze i film del Festival di...
O Primeiro Verão di Adriano Mendes: la recensione
Bell'esordio nel lungometraggio per il portoghese Adriano Mendes
Cinemambiente 17, 31 maggio – 5 giugno 2014
Al via la diciassettesima edizione di Cinemambiente
In ordine di sparizione di Hans Petter Moland: la recensione
Pasticcio raffreddatissimo di Hans Petter Moland, tra grottesco e...
Resistenza naturale di Jonathan Nossiter: la recensione
Dopo il successo di critica e di pubblico di...
Cannes 2014, tutti i premi della 67ma edizione
Ecco tutti i premi assegnati dalla giuria internazionale presieduta...
Maps to the stars di David Cronenberg: il genoma delle stelle
A pochi giorni di distanza dall'anteprima a Cannes 2014,...
Leviathan di Andrey Zvyagintsev a Cannes 2014: il ministro della cultura Russo Vladimir Medinsky e le censure di Putin
Il film di Andrey Zvyagintsev a Cannes 2014
Kn Loach a Cannes con Jimmy’s Hall: non dobbiamo dimenticare la ferocia della Chiesa
Ken Loach porta a Cannes la storia di Jimmy...
Mommy di Xavier Dolan: l’incontro con l’autore e il cast
Il Quebechiano Xavier Dolan in concorso a Cannes 2014...
Jean Luc Godard: Lettera in movimento per Gilles JACOB and Thierry FREMAUX – Cannes 2014
La video lettera di Jean Luc Godard per il...
The Search di Michel Hazanavicius a Cannes 2014: l’incontro con il cast e gli attori
Presentato a Cannes 2014 il nuovo film dell'autore di...
Sogni Di Gloria: fa il botto l’ultimo film con Carlo Monni e la colonna sonora dei Calibro 35
"Sogni di Gloria" del collettivo John Snellinberg fa il...
Marion Cotillard: Vorrei interpretare un uomo – Deux jours, une nuit dei Dardenne a Cannes 2014
Marion Cotillard a Cannes 2014 in concorso con il...
Enrico Ghezzi su Maps to the stars: non ho mai visto un film come questo
Enrico Ghezzi alla conferenza stampa di Maps to the...
Maps to the stars di David Cronenberg a Cannes 2014: ho sempre realizzato commedie
Maps to the stars a Cannes, il nuovo film...
Maps to the stars di David Cronenberg: la galleria fotografica
Presentato a Cannes 2014 l'ultimo attesissimo film di David...
Foxcatcher di Bennet Miller a Cannes 2014: l’incontro con l’autore e il cast
A Cannes 2014 il nuovo film di Bennet Miller...
Le Meraviglie di Alice Rohrwacher a Cannes 2014: l’incontro con l’autrice e il cast
Secondo lungometraggio per Alice Rohrwacher a tre anni di...
The Homesman di Tommy Lee Jones a Cannes 2014: non mi interessano gli stereotipi
Tommy Lee Jones presenta in concorso a Cannes 2014...
Turist (Force Majeure) di Ruben Östlund a Cannes 2014
Ruben Östlund torna a Cannes con il suo quarto...
Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan a Cannes 2014: la conferenza stampa
Nuri Bilge Ceylan in concorso a Cannes 2014 con...
Wild Tales di Damién Szifron a Cannes 2014: il piacere di perdere il controllo
Damién Szifron a Cannes 2014 porta il suo nuovo...
Saint Laurent di Bertrand Bonello a Cannes 2014: lo stilista come un pittore
Bertrand Bonello presenta il suo Yves Saint Laurent in...
Run di Philippe Lacôte a Cannes 2014: cronache di guerra in Costa D’avorio
Philippe Lacôte con il nuovo film nella sezione un...
Fehér Isten – White God – di Kornél Mundruczó: God or dog? di uomini e di Cani
Il regista Ungherese di nuovo a Cannes con una...
The Go-Go-Boys: The Inside Story of Cannon Films, il documentario di Hilla Medalia a Cannes 2014
Menahem Golan and Yoram Globus nel documentario di Hilla...
how to train your dragon 2 di Dean Deblois: la conferenza stampa a Cannes 2014
how to train your dragon 2, il nuovo film...
La Chambre bleue di Mathieu Amalric nella sezione Un Certain Regard
Il nuovo film diretto da Mathieu Amalric e tratto...
Captives di Atom Egoyan a Cannes 2014: siamo tutti coinvolti
Captives di Atom Egoyan, in concorso a Cannes 2014,...
Twin peaks in Blu-Ray: 90 minuti nuovi e inediti
Tutto ma proprio tutto Twin Peaks in dieci...
Mr. Turner di Mike Leigh a Cannes 2014: ho lavorato senza script, come sempre
Mike Leigh e TImothy Spall raccontano Mr. Turner, il...
Nicole Kidman su Grace di Monaco: ho cercato di rendere la sua essenza
Nicole Kidman in conferenza stampa a Cannes per la...
Per un pugno di Dollari di Sergio Leone chiude Cannes 2014: presenta Quentin Tarantino
Copia restaurata dalla Cineteca di Bologna del capolavoro di...
The German doctor – Wakolda di Lucia Puenzo: la recensione
Tratto da un suo romanzo, The German Doctor è...
Devil’s Knot – Fino a prova contraria di Atom Egoyan: la recensione
Ispirato ai fatti dei tre di West Memphis, il...
The English Teacher di Craig Zisk: la recensione
Craig Zisk alla sua opera prima ci racconta la...
Sexy Shop, tra assurdità e verità: l’intervista a Maria Erica Pacileo, Fernando Maraghini e Andrea Chimenti
Crisi generazionale ed economica, amicizia, amori finiti e falliti,...
La rassegna di Cinema Giapponese diventa Wa! Japan Film Festival
La rassegna di cinema giapponese a Firenze cambia nome...
Dell’arte della guerra di Luca Bellino e Silvia Luzi: la recensione
La testimonianza dei protagonisti di un episodio che ha...
The Imposter di Bart Layton al Cinema Lumiere di Bologna
L’opera prima di Bart Layton è diventata un fenomeno...
Locke di Steven Knight: la recensione
Tom Hardy nel nuovo film di Steven Knight in...
Cannes 2014, tutti i film
La confermata presenza di grandi nomi e grandi opere...
Miss Zombie di Sabu: la recensione
Sorprendente ritorno alla regia di Hiroyuki Tanaka aka Sabu...
Hiroshima mon amour di Alain Resnais di nuovo in sala: la recensione
Dal 28 aprile prossimo, grazie al restauro della Cineteca...
Amor fou di Jessica Hausner
Nuovo film per la regista Jessica Hausner; Amor fou...
Deux jours une nuit di Luc e Jean-Pierre Dardenne
Nuovo film per i fratelli Dardenne con Marion Cotillard...
Adieu au Langage di Jean Luc Godard
Nuovo film per Jean-luc Godard; Adieu au Langage è...
Futatsume no Mado (Still the water) di Naomi Kawase
Nuovo film per la regista giapponese Naomi Kawase ambientato...
Captives di Atom Egoyan
Nuovo film di Atom Egoyan intitolato "captives"
Clouds of Sils Maria di Olivier Assayas
Clouds of Sils Maria, il nuovo film di Olivier...
I Ponti di Sarajevo: la trentino film commission a Cannes 2014
La Trentino Film Commission sarà presente al prossimo festival...
Torino Gay & Lesbian Film Festival 29 – L’altro festival
Si svolgerà dal 30 aprile al 6 maggio presso...
Lech Majewski- “Onirica” raccontato dal suo autore
"Onirica" è il nuovo film di Lech Majevski...
Alla ricerca di Vivian Maier di John Maloof e Charlie Siskel in Anteprima a Firenze
Vivian Maier una delle più grandi e misconosciute fotografe...
In solitario, vinci 4 corsi Vela con il DVD di Christophe Offenstein
Esce il DVD di "in Solitario" e Lucky red...
Oculus di Mike Flanagan: la recensione
L’immagine allo specchio e l’immagine video: occhio soggettivo e...
Sogni di Gloria del collettivo John Snellinberg vince il WFIFF di Houston
Il nuovo film del collettivo John Snellinberg si intitola...
Fish & Cat (Mahi Va Gorbeh) di Shahram Mokri al Middle East Now 5: la recensione
Secondo lungometraggio per Shahram Mokri ecco Fish & Cat...
Omar di Hany Abu-Assad – Middle East Now 2014
Film di apertura alla quinta edizione di Middle East...
Sonia Gessner, cinquant’anni di cinema e di teatro: l’intervista
Attrice svizzera, naturalizzata milanese, con una carriera lunga oltre...
I fratelli Karamazov di Petr Zelenka: la recensione
La ricerca ontologica tra testo, teatro e cinema. La...
Lech Majewski a Firenze presenta “Onirica”
Martedi 8 Lech Majewski è ospite del cinema Odeon...
Father and son di Kore-eda Hirokazu: la recensione
Dopo il gran premio della giuria a Cannes 2013,...
Fifi Howls From Happiness il film di Mitra Farahani al cinema Fiamma di Firenze
Il film di Mitra Farahani su Bahman Mohassess...
Persia mon amour; una mostra fotografica sulla comunità Iraniana a Firenze
Persia mon amour e la mostra fotografica di De...
Middle East Now, tutto il cinema del Medio Oriente a Firenze dal 9 al 14 Aprile
Dal 9 al 14 aprile 2014 torna a Firenze...
La luna su Torino di Davide Ferrario: la recensione
Torino e lo spazio in bilico. Il potere del...
Father and son di Hirokazu Kore-eda: l’intervista
Esce oggi 3 aprile Father and son, l'ultimo film...
In grazia di Dio di Edoardo Winspeare: la recensione
Un ritorno alle radici come soluzione alla crisi economica....
Nymphomaniac Vol 1. di Lars Von Trier: la recensione
Esce il 3 aprile il vol. 1 di Nymphomaniac,...
Ti ricordi di Me di Rolando Ravello, al cinema dal 3 Aprile
Il nuovo film di Rolando Ravello con Ambra Angiolini...
Wolverine 3 di James Mangold, a marzo 2017
Wolverine 3 è scritto da David James Kelly ...
M.Night Shyamalan: Sundowning è il nuovo thriller low-budget
Nuovo thriller a basso budget per M.Night Shyamalan
Maraviglioso Boccaccio: Paolo e Vittorio Taviani tra storia e presente
Si intitolerà Maraviglioso Boccaccio il nuovo film dei fratelli...
Il nome del figlio è il nuovo film di Francesca Archibugi
Si intitolerà Il nome del figlio il nuovo film...
Felice chi è diverso di Gianni Amelio: la recensione
Felice chi è diverso è il documentario di Gianni...
Tir di Alberto Fasulo: la recensione
La vita sulla strada. La storia di un camionista,...
Il violinista del diavolo di Bernard Rose: la recensione
David Garrett mette in scena momenti della vita di...
Berlinale 64: tutti i premi della giuria internazionale
Ecco tutti i premi della Berlinale 64 inclusi quelli...
Tango Libre di Frédéric Fonteyne: la recensione
Esce in italia Tango Libre, il film di Frédéric...
Processo alla Nazione. Giuseppe Fava trent’anni dopo
Febbraio-Marzo 2014, Bologna Omaggio collettivo e itinerante tra cinema,...
View Award 2014: aperte le iscrizioni per il concorso d’animazione
Aperte le iscrizioni per View Award, concorso per animazioni...
El lugar de las fresas – il luogo delle fragole; il documentario di Maite Vitoria Daneris al cinema Massimo di Torino
Dopo il grande successo al Festival di Torino, torna...
Oscar 2014, ecco tutte le nominations
Eccole tutte le nomination per l'Oscar 2014
Nebraska, il nuovo film Alexander Payne raccontato dall’autore e dal cast
Nebraska di Alexander Payne esce il 16 gennaio in...
I migliori film del 2013 per i lettori di indie-eye: il vincitore del contest
Ecco la lista dei migliori film del 2013 per...
Kevin Smith contro Gesù: Helena Handbag potrebbe essere il suo prossimo film
L'umanità è nelle mani di un gigantesco, estatico Gesù,...
Non Buttiamoci giù, il nuovo film di Pascal Chaumeil a Berlino 64
In anteprima mondiale a Berlino il nuovo film di...
Forum Expanded numero 9: a Berlino 64 attenzione specifica ai medio metraggi
Forum Expanded nona edizione; la Berlinale pone attenzione ai...
Berlinale 64, Perspektive Deutsches Kino, i primi film selezionati
In dettaglio i primi film selezionati nella sezione Perspektive...
Berlinale 64, i primi sette film della selezione ufficiale
Ecco i primi sette film della selezione ufficiale a...
American Hustle – L’apparenza inganna di David O’Russell: in anteprima nazionale a Firenze
Al cinema Flora di Firenze l'anteprima di American Hustle,...
Risate di gioia di Mario Monicelli: in un’Italia dove non c’era molto da ridere
Torna nelle sale Risate di Gioia di Mario Monicelli...
12 anni schiavo di Steve McQueen, la recensione in anteprima
12 anni schiavo esce in italia il 20 Febbraio,...
Open Up to Me (Kerron sinulle kaiken ) di Simo Halinen apre “Una Finestra sul Nord”: la recensione
Open Up to me aprirà la quinta Edizione di...
Yumen di J.P. Sniadecki, Huang Xiang, Xu Ruotao al Festival dei Popoli 54
È la cina spettrale del balzo in avanti quella...
To be or not to be di Ernst Lubitsch: Esce il DVD con un film inedito tra gli extra, L’allegra prigione
“L’allegra prigione” il film inedito del maestro Ernst Lubitsch...
Alessandro Benvenuti si mobilita: Salviamo il Cinema di Castello!
Alessandro Benvenuti sostiene il Cinema Di Castello a Firenze...
Bergamo FIlm Meeting 32, la retrospettiva è dedicata a Dirk Bogarde
È dedicata a Dirk Bogarde la retrospettiva del 32mo...
Nymphomaniac di Lars Von Trier: il trailer e i messaggi subliminali
Ecco le still subliminali del trailer ufficiale di Nymphomaniac,...
La moglie del poliziotto di Philip Gröning: anteprima allo Stensen contro il Femminicidio
Anteprima Nazionale de "la moglie del poliziotto" di ...
Venere in pelliccia di Roman Polanski: Von Sacher-Masoch, Euripide e Polanski
Thomas e Vanda,un regista ed un'attricetta di teatro, in...
A Firenze i Cinema muoiono: salva il cinema di Castello
Mentre Berlino celebra le sue sale cinematografiche storiche con...
The Canyons di Paul Schrader: Questo Smartphone ti ucciderà
Il cinema di cui si parla in The Canyons...
Hal Hartley, per Ned Rifle chiede il sostegno su Kickstarter
Ned Rifle è il terzo film della trilogia di...
Natalie Portman debutta come regista ?
Tra i progetti dell'attrice-produttrice americana un film come regista
Isao Takahata; ecco il trailer di Kaguya-hime no monogatari
Il nuovo film di Isao Takahata dopo numerosi ritardi...
The Monuments Men di George Clooney a Berlino 64
The Monuments Men di George Clooney sarà presentato in...
Wes Anderson, il suo The Grand Budapest Hotel apre Berlino 64
Wes Anderson apre la 64ma mostra internazionale del Cinema...
Carte Blanche, l’iniziativa del Festival di Locarno quest’anno è per il Brasile
Carte Blanche, iniziativa del festival di locarno per incentivare...
L’armata delle tenebre 2, il ritorno di Bruce Campbell nei panni di Ash
Raimi sta lavorando ad Army of Darkness 2 da...
I walk with the dead, l’horror al femminile di Nicolas Winding Refn
Nicolas Winding Refn non è misogino; i dettagli sul...
Queen of the Desert, novità sul nuovo film di Werner Herzog
Queen of the Desert: nel nuovo film di Herzog...
Patricia Rozema dirige Into the forest, cupo romanzo di Jean Hegland
Patricia Rozema dirige Into the forest, dal romanzo apocalittico...
Leonardo DiCaprio produrrà Blood on the snow, il film dal prossimo romanzo di Jo Nesbø
Il prossimo romanzo di Jo Nesbø sarà anche un...
Tim Burton, Beetlejuice 2 sarà lui a dirigerlo
Tim Burton realizzerà il sequel di Beetlejuice per la...
Claude Lanzmann: la premiere del nuovo film a Novembre all’Arsenal di Berlino
The Last of the Unjust, Lanzmann a Berlino presenta...
Kim Jee-Woon e la terza dimensione senza occhiali: Screen X
Presentato al recente Busan International Film Festival, Screen X...
The Lost City, l’Atlantide di Jonas Cuarón
Atlantide secondo Jonas Cuarón
The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, ecco il trailer
Ecco il trailer di The Grand Budapest Hotel di...
Amanda Seyfried e Russell Crowe in Fathers and Daughters di Muccino
Fathers an Daughters, nuovo film americano per Gabriele Muccino...
Cattive compagnie: la rassegna del Glue a Firenze
Al Glue Alternative Concept Space nove film per portarti...
Harry Selick e la versione live action di “in una notte buia e spaventosa”
Dopo aver abbandonato l’idea di portare sullo schermo The...
Toccami con lo schermo: la Disney inventa l’immagine tattile
La Disney ha diffuso un video dimostrativo che racconta...
Last Vegas di Jon Turteltaub apre il 31° Torino Film Festival
Last Vegas il film diretto da Jon Turteltaub e...
Matthew Johnson il regista di The Dirties adatta Encyclopedia Brown di Donald J. Sobol
Matthew Johnson autore del piccolo cult The Dirties, accetta...
Michael Winterbottom gira in Toscana The Face of an Angel
Al via in Toscana le riprese del film di...
Torino Film Festival, tutti i prezzi
Si avvicina l'apertura del TFF e come ogni anno,...
La Paura di Leonardo di Costanzo: ciak, si gira in Trentino
Iniziate oggi le riprese del secondo film di Leonardo...
Tulpa, il DVD per CG e l’ingresso nel mercato Statunitense
Il film di Federico Zampaglione ha fatto bingo; il...
The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, il teaser poster
Ecco il primo poster per il nuovo film di...
The Double, i poster del film di Richard Ayoade
Ispirato al doppio dostoievskiano, ecco i poster del nuovo...
CPH:DOX: Il Festival del documentario di Copenhagen svela il programma
11ma edizione per CPH:DOX dal 7 al 17 novembre...
Festival internazionale del film di Roma: i film in competizione
Ecco la line-up del festival di Roma per quanto...
Pedro Almodóvar contro Cristobal Montoro: il cinema produce economia e benessere culturale
Pedro Almodóvar protesta contro i tagli operati dal governo...
Cameron Crowe rimette mano a Deep Tiki, una commedia ambientata nelle Hawaii
Cameron Crowe rimette mano al suo vecchio progetto "Deep...
Danny Boyle e gli Eroi di Telemark
Danny Boyle sarà il produttore esecutivo di una mini...
The Little House, il nuovo film di Yoji Yamada
Il nuovo film di Yoji Yamada è tratto da...
Kevin Smith, da Clerks 3 a Tusk: un nuovo film Horror per il regista americano
Le rivelazioni di Kevin Smith al Comic-on di New...
Her di Spike Jonze: Scarlett Johansson non ha un corpo
Nel nuovo film di Spike Jonze che ha appena...
Michael Bay potrebbe dirigere un film di guerra: Sabotage
Tra i mille progetti di Michael Bay anche un...
Old Boy di Spike Lee: vent’anni di storia americana
La versione di Old Boy diretta dal cineasta afro-americano...
Quentin Tarantino: i miei 10 film preferiti del 2013
Ecco la top ten dei dieci film preferiti da...
The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese pronto per gli oscar
Scorsese intenzionato a ultimare il suo The Wolf of...
Lars Von Trier: Nymphomaniac, i poster orgasmici con tutti gli attori
Ecco i 14 poster orgasmici per promuovere Nymphomaniac, il...
Vampire Academy: Fanno schifo a scuola
Vampire academy è il nuovo film di Mark Water...
Jamie Foxx nel Martin Luther King diretto da Oliver Stone?
La Dreamworks lavora dal 2009 al progetto di un...
Harrison Ford non sarà Han Solo in Star Wars 7
Harrison Ford, parte del nuovo progetto di J.J. Abrams...
Festival Internazionale di Helsinki 2013: Love & Anarchy, 26ma edizione
il 26mo Helsinki international Film Festival, Love & Anarchy...
Film Festival Turco a Roma a fine Settembre
Il Film Festival Turco di Roma dal 26 settembre
Chroma: giornata di studi sull’immagine a colori tra cinema e media
Un convegno di studi sul colore a Firenze, Chroma
31° Torino Film Festival , chiusura delle iscrizioni
La deadline per iscriversi al TFF è il 13...
Zoran il mio nipote scemo, premio del pubblico alla settimana della critica
Il Premio del Pubblico RaroVideo per il miglior film...
Sion Sono, Why Don’t you play in hell? Giovedi 29 a Venezia 70
Sion Sono torna a Venezia con il suo nuovo...
Andrzej Wajda: Premio Persol 2013
Il premio persol 2013 di Venezia 70 va al...
A lady in paris a ottobre il Blu Ray
Esce a ottobre il Blu Ray disc di A...
In Another Country di Hong Sang-soo , dal 22 agosto nelle sale italiane
Reduce dal Festival di Locarno con il suo Our...
Workshop di regia e direzione degli attori con Scandar Copti
L'occasione è di quelle ghiotte, un workshop di due...
Shuiyin Jie – Trap Street è il film a sorpresa della 28ma settimana della critica
La 28. Settimana Internazionale della Critica annuncia il settimo...
Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2013, a Ettore Scola
Premoo Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2013 della mostra...
Locarno 66 in pillole: Tonnerre di Guillaume Brac
Tonnerre di Guillaume Brac, in concorso a Locarno 66
Locarno 66 in Pillole: Historia de La Meva Mort di Albert Serra
Sesto film per il catalano Albert Serra in concorso...
Locarno 66 in pillole: Short Term 12 di Denis Cretton
Short Term 12, è il film di Denis Cretton...
Locarno 66 in pillole: U Ri Sunhi di Sangsoo Hong
U Ri Sunhi nuovo film per il coreano Sangsoo...
Drift, la storia del surf australiano nelle sale da oggi
Drift dell'australiano Morgan O’Neill esce oggi 8 agosto nelle...
Venezia 70, tutti i film di Venezia Classici
Venezia 70, tutti i film di Venezia Classici
Venezia 70, tutti i film fuori concorso
Venezia 70, tutti i film fuori concorso
Venezia 70, tutti i film della sezione Orizzonti
Venezia 70, tutti i film della sezione Orizzonti
Amarcort, cortometraggi in spiaggia
Venerdì 19 luglio alle 21.15 torna Amarcort in Spiaggia:...
Claudia Cardinale a Venezia 70
Sarà Claudia Cardinale la testimonial di Venezia Classici, la...
Lattinoir, primo conrtometraggio per il recupero e il riciclo degli imballaggi in alluminio
Sarà presentato al Giffoni Film Festival - il più...
Terry Gilliam, Brazil in piazza ss. Annunziata
Dopo aver ricevuto il Premio Fiesole ai Maestri del...
Da Sodoma a Hollywood: la ventottesima edizione del Torino GLBT Film Festival.
ventottesima edizione del Torino GLBT Film Festival, tutti i...
Indie-eye, Quarto premio al prestigioso eContent Award 2012, premio per i migliori contenuti digitali
Indie-eye network a distanza di cinque anni vince uno...

Un paese per vecchi, quelli statunitensi che si trasferiscono in Ecuador per vivere gli anni della pensione in condizioni economiche più favorevoli e lasciandosi alle spalle il sogno americano infranto. "Country for old men" è il bel documentario di Stefano Cravero e Pietro Jona distribuito da Lab 80. Veronica Canalini torna a parlarne con gli autori, in questa lunga intervista 

Di

L’andina Cotacachi, Ecuador, è l’insperata protagonista di un revival, quello del sogno americano. E’ lì che vive infatti una comunità sempre più nutrita di anziani statunitensi, traditi con ferocia da un ideale a cui, forma mentis irriducibile, non possono rinunciare, finendo così per cercarne le tracce e riprodurne l’epica nel più incontaminato altrove.
Passato per il Trieste Film Festival, distribuito da Lab 80, “Country for old men” di Stefano Cravero e Pietro Jona documenta le contraddizioni quotidiane di quest’insolita migrazione in uscita, mettendo ansie e timori del proprio pubblico allo specchio. Che finiamo tutti per essere più americani di quanto non vogliamo ammettere ce lo spiegano bene i due registi mentre ripercorrono con noi le fasi di sviluppo di un progetto che arriva finalmente in sala dopo quattro anni di lavorazione.

Country for Old Men di Stefano Cravero e Pietro Jona, il trailer ufficiale

Country For Old Men TRAILER UFFICIALE from Lab 80 film on Vimeo.

 

Country for old men rappresenta per entrambi, già attivi in ambito cinematografico, l’esordio alla regia nel lungometraggio. E’ il film che nasce dalla volontà di dare vita a un progetto insieme, o è il soggetto ad avervi fatti trovare e pensare di dirigerlo a quattro mani?

Un po’ le due cose. Ci conoscevamo già perché avevamo lavorato insieme in un’altra occasione (Slow Food Story, di Stefano Sardo) ma ognuno nel suo specifico ruolo di sempre, cioè il montatore Stefano e l’operatore Pietro. Siamo entrambi consumatori di Cinema Documentario e abbiamo spesso parlato di film che avevamo visto o che avremmo voluto girare. Quando siamo venuti a conoscenza della storia dei Gringos di Cotacachi abbiamo pensato che volevamo raccontarla e in maniera naturale abbiamo deciso che avremmo condiviso la regia del film.

Come e quanto ha inciso la vostra formazione da tecnici? Da quali punti di vista questo lavoro può collocarsi in continuità rispetto a ciò che avete fatto in precedenza, e sotto che aspetti invece può rappresentare, se la rappresenta, una frattura?

Stefano monta film di finzione e documentari, Pietro è cameraman per la TV ma ha lavorato a sua volta come fonico e come operatore in diversi documentari quindi c’è sicuramente un’importante componente di continuità con quello che abbiamo fatto nelle nostre diverse carriere prima di questo film. Il fatto che ci siamo per una volta occupati della regia rappresenta un’evoluzione, anche se episodica e non necessariamente definitiva, piuttosto che una frattura. Tra l’altro bisogna anche dire che molto spesso, in un documentario a basso budget e girato da una troupe ridotta al minimo, la vera regia sta letteralmente nelle mani di chi si occupa di registrare le immagini e i suoni e di chi a posteriori le monta: in questo caso noi due. Detto questo, in montaggio alla fine è intervenuto Luca Mandrile, che nulla sapeva del progetto e ha per questo portato un punto di vista nuovo, fresco e distaccato.

Freddy e il suo taxi in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

Freddy e il suo taxi in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

La storia che raccontate, quella della comunità di anziani statunitensi trasferitasi in Ecuador per trascorrere la vecchiaia, è lontana non solo geograficamente, ma, presumibilmente, anche dall’immaginario del pubblico cui il film è arrivato e arriverà. In che modo l’avete scovata e, soprattutto, che cosa ha catturato la vostra sensibilità convincendovi che ci fosse del potenziale?

Al pubblico cui il film è arrivato e arriverà è familiare il recente fenomeno che vede migliaia di pensionati italiani partire alla volta del Portogallo, della Bulgaria o delle Canarie nella speranza di condizioni di vita migliori a un prezzo più accessibile, ma in effetti probabilmente non lo era quando abbiamo cominciato a girare il film circa 4 anni fa perché, appunto, ancora non aveva raggiunto le proporzioni che ha oggi. La storia l’abbiamo scovata per caso: un’amica che in quel periodo viveva a Quito e che nei fine settimana si spostava spesso all’interno del paese ce l’aveva segnalata e ci aveva invitato ad andare a controllare con i nostri occhi. A convincerci del potenziale della storia dal punto di vista cinematografico sono stati due aspetti. Il primo è stato il suo carattere universale e quindi esemplare, il fatto cioè che i primi a fare le spese del fallimento (o del malfunzionamento) del sogno americano fossero proprio i cittadini di quel paese che per noi ha sempre rappresentato un modello, una guida e un riferimento. Il secondo riguardava l’estetica di tutta la vicenda, il contrasto visivo che prima ancora di partire immaginavamo tra le esistenze protette dei nostri protagonisti, con le loro abitazioni e le loro attività in tutto e per tutto tipicamente americane, e il vuoto pneumatico e per loro un po’ ostile del paesaggio andino nel quale queste si svolgevano.

Quali sono state poi le fasi di lavorazione del film, e come siete riusciti a mettere a fuoco questo potenziale di fronte a importanti enti e organi produttivi per ricevere un sostegno adeguato, che vi ha permesso di raggiungere un alto livello sotto il profilo formale?

Noi siamo stati convinti fin dall’inizio della validità del progetto. In una primissima fase chiaramente non avevamo una produzione quindi abbiamo sostenuto personalmente i costi del primo giro esplorativo. Col girato del primo viaggio abbiamo montato un trailer convincente che ci ha aiutato a trovare una casa di produzione e ad accedere ai primi finanziamenti. La produzione di nuovi trailer e la scrittura di nuove versioni del progetto si sono alternate alle fasi di ripresa, tre in tutto di cui l’ultima più lunga e approfondita. Ci fa piacere che si parli di alto livello sotto il profilo formale, perché siamo orgogliosi di poter dire che tutto il lavoro sul campo è stato svolto da una troupe ridotta all’essenziale, cioè da noi due soli.

Jack ed Eileen in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

Jack ed Eileen in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

L’America è per statuto il simbolo dell’Occidente, eppure l’essere americani implica uno scarto significativo rispetto all’essere occidentali. Il vostro documentario, pur girato interamente fuori dagli States, riflette anche su questo. In che misura vi siete sentiti voi, e di conseguenza il pubblico che ha dimostrato di avervi capiti in occasione del Trieste Film Festival, in connessione col sentire di queste persone? Quanti “muri” si sono invece interposti?

Ci siamo spesso detti che girando un film in Ecuador abbiamo imparato molto sull’America e sugli americani, e dal nostro punto di vista è stato molto interessante renderci conto proprio di questo, cioè del fatto che lo scarto sentito dagli americani nei confronti degli occidentali in genere, e nella fattispecie nei nostri confronti, fosse maggiore di quello che sentivamo noi rispetto a loro. Chi si chiedeva che interesse potessimo avere noi a raccontare una storia come quella che stavano vivendo loro non aveva mai realizzato quanto tutti gli occidentali fossero, volenti o nolenti, “americani”. Per noi questa affermazione fotografa un dato di fatto e non contiene alcun giudizio, positivo o negativo che sia, di tipo politico. Tutti gli occidentali sono cresciuti con Topolino, con Happy Days, con i jeans Levi’s e la Coca Cola, noi per primi consumiamo voracemente i prodotti di una cultura che spesso critichiamo e al contempo amiamo. Per noi è assolutamente normale guardare film, leggere romanzi e ascoltare dischi che arrivano dall’altra parte dell’oceano, non saremmo le persone (e i registi) che siamo se non lo facessimo e non lo avessimo sempre fatto. L’Italia è un alleato degli USA e la sua storia recente è legata a doppio filo con la loro e con il blocco dei paesi occidentali. Abbiamo da tempo abbracciato i valori del sogno americano e, per riallacciarci a quello che dicevamo poco fa, proprio per questo ci interessava raccontarne la crisi concentrandoci sulle sue origini. Questo discorso ci siamo trovati a farlo spesso con i protagonisti del film e crediamo che la maggior parte di loro lo abbia recepito. L’empatia poi, il sentirsi connessi col sentire di queste persone, crediamo che da una parte sia stata una conditio sine qua non per poter svolgere al meglio il nostro lavoro e dall’altra è stata sicuramente la conseguenza del trovarsi in una condizione simile alla loro, nell’incertezza e nel mezzo di una crisi economica. Anche di questo abbiamo spesso parlato. Tra l’altro, a pensarci bene, la nostra condizione è peggiore della loro, perché loro hanno una pensione mentre noi, con i nostri lavori di natura precaria, probabilmente alla pensione non arriveremo mai.

Dalla visione si evince molto a proposito del tipo di rapporto che avete instaurato con la comunità: frontale, senza filtri. La vostra scelta è stata quella di raccogliere quanti più punti di vista possibili all’interno di un nucleo ristretto per raccontarne l’esperienza sfaccettata. L’impressione è che la messa in prospettiva rispetto al contesto avvenga poi in fase di montaggio: tante voci riecheggiano una sola storia, quella di un paese, ancora una volta l’America, e il vero dialogo si instaura con un Altro che è silente ma ingombrante, Cotacachi. Come si è svolta la vostra permanenza lì? Quanto, e di che qualità, è stato il tempo trascorso con gli americani, e qual è, d’altra parte, il vissuto che vi ha permesso di cogliere l’anima del luogo, presente nel film anche quando non mostrata?

La nostra intenzione è stata fin dall’inizio quella di cercare di comporre un affresco che rappresentasse una situazione e uno stato d’animo più che di raccontare una storia nel senso più letterale e classico, con un protagonista, un conflitto e un epilogo, per cui, nell’ottica di comporre un quadro più possibile realistico e al tempo stesso rispettoso della varietà delle situazioni, ci è venuta naturale una sorta di moltiplicazione dei personaggi seguiti. In montaggio abbiamo cercato di restituire alla narrazione la sua natura corale, concentrandoci sui personaggi cui ci eravamo più affezionati e con i quali avevamo passato più tempo, ma anche dando voce tutti quelli che anche con una singola apparizione avrebbero aggiunto significato al quadro generale. Crediamo che questo si evinca facilmente guardando il film: alcuni personaggi compaiono una sola volta e altri ritornano invece a più riprese. Abbiamo cercato di limitare l’uso delle “teste parlanti” e di favorire le scene di osservazione e, di fatto, di vere interviste posate non ce ne sono proprio: si tratta più che altro di discorsi fatti direttamente alla camera dai nostri personaggi durante la prima fase delle riprese, quella esplorativa, discorsi che poi hanno trovato posto nel montaggio finale. Durante le riprese abbiamo deciso piuttosto in fretta che non avremmo raccontato il paese se non attraverso l’esperienza dei nostri protagonisti. Per questo motivo, anche se non mancano i paesaggi della città e dei vulcani attorno a essa, l’assenza di personaggi ecuadoriani è quasi totale e gli unici locals che compaiono nel film fanno parte di quella schiera di “aiutanti” che parlano un minimo di inglese e che si occupano delle necessità dei Gringos: l’agente immobiliare, l’avvocato, il veterinario, il tassista tuttofare, il chirurgo. In questo modo Cotacachi, l’Ecuador e la condizione stessa di rifugiati dei nostri protagonisti restano sì silenziosi e in secondo piano, ma incombono come il classico elefante nella stanza. Abbiamo effettuato tre viaggi in Ecuador, due di una ventina di giorni e un terzo di poco più di un mese. Dal primo all’ultimo viaggio è passato più di un anno, durante il quale siamo rimasti sempre in contatto con la maggior parte dei personaggi. Il nostro rapporto con loro è stato ottimo: in quanto soggetti in qualche modo traumatizzati e feriti (dal fallimento del sogno americano, dalle difficoltà economiche, dalla condizione di esuli, dall’età) passato un primo momento di diffidenza tutti loro si sono rivelati ansiosi di condividere le loro storie e, spesso, la loro sensazione di essere stati traditi. In qualche modo crediamo che i nostri personaggi siano stati felici di ricevere la nostra attenzione.

Mia in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

Mia in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

Ci sono realisticamente minacce che possano indurre gli “ospiti” all’eccesso di scrupoli (mura, cancelli, impianti d’allarme d’avanguardia)? Se si, perché avete scelto di relegare questa storia ai margini? Altrimenti, avete avvertito come comprensibilmente umana o come prettamente culturale questa paura dell’estraneo?

Anche se paragonate al resto dell’Ecuador e dell’America Latina le condizioni di sicurezza a Cotacachi sono più che buone, è pur vero che gli espatriati americani sono più volte stati oggetto di furti e rapine. Certamente il tema della sicurezza è uno di quelli più sentiti nella comunità dei Gringos di Cotacachi. A noi è sembrato importante raccontare la loro ansia più ancora che andare a misurare i reali livelli di rischio, perché noi crediamo che le loro grate e i loro muraglioni siano più il frutto di una predisposizione culturale che la risposta a una reale esigenza di protezione. In un certo senso è come se la loro volontà di continuare a essere americani in alcuni casi avesse preso forma per tenere al di fuori tutto quello che è sconosciuto, nuovo e quindi potenzialmente pericoloso.

Nel titolo fate riferimento ai Coen, a McCarthy prima di loro, e in ogni caso a tutta una serie di fatti cronachistici di ordinaria violenza, rinarrati peraltro dagli stessi protagonisti del vostro film che hanno scelto di lasciare l’America esattamente per questo. E’ davvero una citazione per antitesi, o al contrario, riprendendo dei Coen il sarcasmo, negate affermando?
Che cos’è un paese per vecchi se non un’ideale di cartapesta? Forse se lo chiede la donna che, lontana da altri affetti, aspetta sola che suo marito esca dalla sala operatoria.

Secondo più di uno dei nostri espatriati, vivere a Cotacachi è un po’ come si viveva negli USA negli anni ’50, o come nella serie televisiva Mayberry rfd, dove come in una fiaba non succedeva mai nulla di male. Nei discorsi della maggior parte dei nostri personaggi abbiamo colto la preoccupazione per la diffusione incontrollata delle armi da fuoco, dei fatti di sangue e dei crimini violenti negli Stati Uniti, ma più ancora l’idea che il paese in cui hanno vissuto e sono invecchiati sia cambiato in modo incomprensibile e non sia più fatto per loro. Nella nostra esperienza, per molti di loro, il paese per vecchi in cui si sono rifugiati si è rivelato una malinconica via di mezzo tra una nave da crociera e un ospizio a duemilaquattrocento metri di quota.

Che ruolo ha avuto, o pensate possa avere, questa esperienza condivisa nel determinare i vostri individuali percorsi futuri? A che cosa state lavorando?

Il nostro film ha avuto una gestazione lunga e faticosa e siamo felici che finalmente abbia trovato una distribuzione. Ora siamo entrambi ritornati più o meno a tempo pieno alle nostre occupazioni abituali perché abbiamo -come molti- mutui da pagare e figli da mantenere, ma è chiaro che l’avventura di questa regia ci ha lasciato la voglia di ripetere altre volte l’esperienza. Sarebbe certamente bello poter fare un film all’anno e non uno ogni quattro!

Michael in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona

Michael in Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona


 

Veronica Canalini

Veronica Canalini

Veronica Canalini studia Lettere moderne e contemporanee, Scrive di cinema e letteratura, coltiva interesse per l'arte tutta.