sabato, Gennaio 22, 2022

Federico Fellini – Biografia dell’infanzia di Davide Bagnaresi: recensione

Il volume scritto da Davide Bagnaresi sull'infanzia di Federico Fellini, oltre ad essere un documento importante legato alla fase formativa del futuro regista e mai raccontata con necessario rigore storico, è anche un ritratto straordinario di una rimini che non esiste più. La recensione di "Fellini - Biografia dell'infanzia" pubblicato da Edizioni Sabinae

La forza e la debolezza del Fellini raccontato da Tullio Kezich, ha un comun denominatore caratterizzato dal peso che nella biografia del critico romano viene dato all’aneddotica. Il tono confidenziale e intimo di un’amicizia più che quarantennale, spinge la Storia in una dimensione mitica e confonde, fellinianamente, il vero con il falso.

L’ambizione di Davide Bagnaresi non è competere con questo totem eretto sulla stratificazione decennale che è stata fatta a partire dalla filmografia del regista riminese, ma colmare una lacuna presente nel lavoro di Kezich e quindi definire i confini del proprio lavoro laddove cominciava quella storia.

La biografia dell’infanzia quindi si propone di raccontare i primi anni di vita di Fellini, combinando documenti, testimonianze e riferimenti con un rigore storiografico inedito e con la verifica attenta delle fonti.

In questo senso, senza depotenziare il mito, si sfatano alcuni luoghi comuni intorno alla prima formazione felliniana e si ricerca il lato documentale di quei pezzi di vita, che nei film più noti, emergono già trasfigurati.

Ne viene fuori un inedito ritratto famigliare, tra necessità e mancanze, e soprattutto il territorio riminese descritto nel dettaglio, come primo incubatore di visioni e ossessioni che il giovane Fellini si porterà dietro per molto tempo.

La famiglia romagnola di impostazione matriarcale, con una madre forte e un padre sempre assente, i primi contatti con il gioco e la fantasia infantile, la controversa relazione con il fratello Riccardo, ma soprattutto i luoghi, gli spazi e le case.

Questi assumono un ruolo fondamentale, mentre Bagnaresi soppesa la loro reale influenza sulla creatività del giovane Fellini, individuandone una collocazione esatta dal punto di vista Storico.
Tra questi luoghi è necessario citare il Politeama di Rimini, oggi scomparso e ubicato proprio di fronte alla casa di Via Gambalunga 48, il secondo appartamento della famiglia Fellini. Il triennio di programmazione è quello tra il 1926 e il 1929, tra esibizioni circensi, quelle di Fregoli, del Nano Bagonghi e sopratutto di Yambo, ovvero il poliedrico Enrico Novelli, tra gli autori per ragazzi più seguiti dalla generazione di Fellini e amatissimo dal giovane Federico.

Anche la casa dei nonni, a Gambettola, è importante luogo di formazione, dove fa esperienza della campagna, affina l’amore per il disegno, lega con i cugini.
Ma è ai luoghi fuori dal contesto famigliare e domestico che Bagnaresi dedica molte pagine, definendo la scoperta di un mondo già apolide e attraversato da creature eccentriche.

Da queste premesse, che occupano le prime 95 pagine del libro, Bagnaresi definisce l’esplosione della primissima stagione creativa di Fellini, quella in cui comincia a cimentarsi con disegni e caricature, prima passione e propellente da cui partirà la sua stessa carriera.

La complicità iniziale della madre come aura protettiva entro cui sviluppare le proprie propensioni, successivamente tramutatasi in ansia e paura quando le cose diventeranno più serie, la lettura appassionata del Corriere dei Piccoli, con i personaggi che ispirarono Fellini durante l’infanzia, fino al primo pubblico con cui cimentarsi, quello della scuola, dei campi Dux, delle esposizioni dedicate alle prime caricature e allestite in un chiosco o in una vetrina del luogo.

Da qui Bagnaresi sviluppa una serie di capitoli, per esempio uno dedicato ai professori del liceo sospesi tra realtà e finzione, che dialogano con le prime trasfigurazioni felliniane. Ecco che si comprende appieno la qualità del lavoro sviluppato dallo storico riminese, capace di indagare con passione e intensità in quell’interstizio creato dalle due fasi dell’elaborazione creativa e situato tra sguardo e rimemorazione, cercando quindi nei documenti storici e nelle testimonianze un racconto di Rimini e dei suoi personaggi, che sta alla base della formazione umana ed artistica di Federico Fellini.

Federico Fellini, biografia dell’infanzia di Davide Bagnaresi
Pagine: 200 pp. illustrato
Isbn 979 12 80023 230
Prezzo: 18 euro
Editore: Edizioni Sabinae, 2021

David Bagnaresi è nato a Rimini nel 1977, da anni collabora con l’Università di Bologna occupandosi di tematiche storiche legate al mare, turismo e alla storia del motociclismo. Da tempo studia l’infanzia e la giovinezza di Federico Fellini nella sua città nativa. In merito ha pubblicato articoli e curato – per conto dell’Università Pntificia Salesiana – il progetto da titolo “Fellini e il sacro

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

Voto

IN SINTESI

Il volume scritto da Davide Bagnaresi sull'infanzia di Federico Fellini, oltre ad essere un documento importante legato alla fase formativa del futuro regista e mai raccontata con necessario rigore storico, è anche un ritratto straordinario di una rimini che non esiste più. La recensione di "Fellini - Biografia dell'infanzia" pubblicato da Edizioni Sabinae

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertismentspot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img