mercoledì, Ottobre 21, 2020

Fellini Satyricon, il Blu Ray CG: tracce di un mondo alieno

Fellini Satyricon nella bella versione Blu Ray di CG Entertainment con 100 minuti di contenuti speciali. La recensione, la scheda di valutazione prodotto e il video unboxing

Fellini Satyricon. Storia o fantastoria? Il Blu Ray CG Entertainment con 100 minuti di contenuti speciali – il video unboxing

Fellini Satyricon“, liberissimo adattamento dal romanzo in prosimetro del primo secolo d.c. attribuito a Petronio Arbitro e pervenuto in forma frammentaria è la produzione del regista riminese più stratificata e stimolante tra quelle realizzate alla fine degli anni sessanta. Progetto magniloquente e costosissimo, con una superficie apparentemente pensata per l’esportazione, è uno dei film più sperimentali e possibili di Fellini. Gli anni sessanta, tra mutazione sociale e dissoluzione di tutti i valori conosciuti, sembrano occupare il centro dell’opera, tra decadenza e l’esplosione di un cuore nero che diventerà pervasivo. Rispetto alla tradizione dell’epoea epica e del film in costume, Fellini spoglia totalmente i personaggi da quella psicologizzazione contemporanea per esaminarne i comportamenti a distanza, quasi fossero i codici, i gesti e le abitudini di una società “marziana”, come racconterà lo stesso regista in alcune interviste rilasciate durante la promozione del film. Ecco che il set, la scenografia, i costumi e anche il rapporto tra corpi e formato panoramico, diventano occhio fantascientifico, al quale si aggiunge un sentimento pagano e pansessuale, completamente privato dal senso di colpa della cultura cristiana.

Il film mette al centro le avventure di Encolpius (Martin Potter) e Ascyltus (Hiram Keller), a partire da un litigio per lo schiavo Giton (Max Born), che Encolpius ama e che Ascyltus ha appena venduto all’attore Vernacchio (Fanfulla). La natura episodica del film si adatta ovviamente a quella frammentaria del testo originale, dove l’unico collante ad imporsi dallo sfondo è il collasso di una società proiettata verso il caos. Edifici imponenti che crollano per i capricci della natura, le orge di un banchetto, il suicidio di una coppia patrizia interpretata da Joseph Wheeler e Lucia Bose, che preferisce morire piuttosto che donarsi al potere di un nuovo imperatore; l’impotenza di Encolpio dopo l’incontro con un Minotauro.

Tra crudeltà e libertà, bellezza estatica e improvvisa esplosione di violenza, il “reale” di Satyricon è il tentativo di tener vivo il fuoco della passione in un mondo che ha ridotto ogni forma dell’esistenza ad una transazione commerciale. La spinta verso la follia allora ha il compito di riempire il vuoto.

Un vuoto che anche in termini volumetrici, esalta la deformazione prospettica di oggetti, corpi e costumi, nella straordinaria collaborazione di Fellini con il costumista Danilo Donati e il direttore della fotografia Giuseppe Rotunno, che riesce a dar peso gravitazionale alle fantasmagorie del regista riminese. Felliniane sono certamente le creature bizzarre e sul bordo che popolano il film. Fa da contrappeso a questa società senza orizzonte, la relazione poetica tra Eumolpo, il vate interpretato da Salvo Randone, e lo stesso Encolpius. Lo sguardo poetico è l’unico possibile estremo vaticinio, mentre la putrescenza della carne occupa gli ultimi atti inconsulti di un’umanità cannibale.

Fellini Satyricon, il Blu Ray CG. Più di 100 minuti di contenuti speciali

Il disco CG Entertainment è ottenuto da uno splendido trasferimento 4K desunto dai negativi originali. Questo esalta magnificamente i colori di Rotunno e la qualità materica dei costumi ideati da Donati. La colonna sonora è quella originale mono trasposta in un Master 2.0 HD DTS che riesce a dare brillantezza alla distanza dei dialoghi che furono aggiunti in post-sincronizzazione, una distanza irreale che esalta la qualità “fantascientifica” del film.
Ottimi i contenuti speciali, più di 100 minuti occupati integralmente da due documentari realizzati da Gideon Bachmann durante la lavorazione e la promozione del film.
Il più lungo è il documentario intitolato “Ciao, Federico!” che alterna preziose testimonianze felliniane al girato sul set durante la lavorazione del film. Il caos Felliniano appare in queste immagini come un vero e proprio miracolo della creatività, proprio per l’assenza del suono sincronizzato, che offre una visione del set tra caos e distanza “aliena”.
Fellinikon“, che dura un po’ meno del precedente contenuto, è un lavoro più autoriale, dove la firma di Bachmann è maggiormente presente. Progetto di montaggio, più che vero e proprio documentario, è caratterizzato da un rimario nervoso, visionario, eccentrico. Come nel precedente si combinano sequenze girate sul set con alcune testimonianze preziose e l’opportunità di vedere Fellini al lavoro. Davvero un “must have”.

Fellini Satyricon (Italia 1969 – 128 min)

Martin Potter, Capucine, Fanfulla, Hiram Keller, Salvo Randone, Max Born, Mario Romagnoli, Magali Noël, Max Born, Mario Romagnoli, Magali Noël, Alain Cuny, Alvaro Vitali, Lucia Bosè, Franco Pesce, Marisa Traversi, Elisa Mainardi, Gordon Mitchell, Sandro Dori, Tanya Lopert, Ernesto Colli, Lorenzo Piani, Lina Alberti, Beryl Cunningham, Donyale Luna, Carlo Giordana, Marina Boratto, Antonia Pietrosi, Irina Wanka

  • Formato video – 16/9 – 2.39.1 – HD1080 24P
  • Audio – Italiano DTS HD Master Audio 2.0
  • Sottotitoli – Italiano per non udenti
  • Extra – Vedi dettagli articolo
  • Edizione: a cura di Lucia Pavan
Fabiola Destrieri
Fabiola Destrieri
Critico cinematografico. Si occupa della relazione tra arte e cinema. Ha collaborato con alcune riviste del territorio milanese e con alcune gallerie d'arte.

ARTICOLI SIMILI

Qualità trasferimento e immagine
Qualità audio
Contenuti Extra
Packaging

IN SINTESI

Fellini Satyricon nell'edizione Blu Ray da CG Entertainment è un ottimo prodotto con eccellente qualità immagine e audio e un'ottima dotazione di contenuti speciali. Essenziale il packaging.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

ECONTENT AWARD 2015