mercoledì, Gennaio 27, 2021

Il decalogo di Kieślowski su Amazon Prime. Buona notizia, a metà

Il Decalogo di Krzysztof Kieślowski su Amazon Prime e la differenza tra uno spazio culturale di approfondimento e un supermercato

Pubblicato in Italia con un cofanetto di 4DVD dalla Sanpaolo audiovisivi e successivamente dalla Hobby & Work con una serie di DVD, oltre che nella collana Cult Movie della rivista Ciak, Il Decalogo di Krzysztof Kieślowski è fuori catalogo da diversi anni. Lo si può reperire nelle biblioteche più fornite oppure nella rete privata dei collezionisti, che a fronte di un buco nero ancora tutto da colmare, approfitta per dopare i costi delle tre vecchie edizioni che di tanto in tanto affiorano su ebay, tra l’altro omologhe sul piano della qualità, decisamente scarsa.

Le tre edizioni Sanpaolo, Hobby & Work e Cult Movie, venivano proposte in versione doppiata in italiano, senza la traccia della lingua originale e con nessun contenuto speciale.

Diversa la situazione del mercato internazionale, soprattutto grazie al lavoro svolto dalla Arrow Academy, che nel 2016 aveva pubblicato un indispensabile cofanetto Blu Ray che includeva oltre a “Il decalogo” anche altri lavori realizzati per la televisione dal grande cineasta polacco.
Di quella edizione, ormai irreperibile, rimane una versione “digest”, sempre pubblicata da Arrow in tempi più recenti, che include tre Blu Ray con i dieci episodi de “Il decalogo”, proposti nella versione restaurata in 4k, con sottotitoli inglesi e alcuni contenuti speciali molto interessanti:

a) Una conversazione tra Kieślowski e Darek Malcolm svoltasi presso il National Film Theatre il 2 aprile del 1990, per presentare la premiere britannica de “Il decalogo”. Si tratta di un documento eccezionale, della durata di ben 93 minuti

b) Un video saggio di Tony Rayns, sceneggiatore, programmatore di festival, tra i massimi esperti del cinema di Kieślowski. La durata del contenuto è di 78 minuti.

L’edizione tre Blu Ray de “Il decalogo” pubblicata dalla Arrow Academy è reperibile attraverso il sito ufficiale della label britannica.

Recentemente, senza troppo clamore, sono comparsi sulla versione italiana di Amazon Prime i dieci episodi de “Il decalogo”, fruibili sulla nota piattaforma VOD attraverso questo link.

La versione è quella in standard definition, proposta in lingua italiana senza sottotitoli e corrispondente alle versioni già commercializzate in DVD nel nostro paese.

L’operazione consente, da una parte, di rivedersi agevolmente l’intera opera di Krzysztof Kieślowski, ma è anche specchio delle condizioni in cui versa il mercato dei contenuti home entertainment in Italia, spesso legato alle possibilità di sfruttamento quantitativo dei cataloghi, senza che a queste sia connessa un’attività di curatela più specifica ed elaborata. Del resto, stiamo parlando del paese dove notoriamente si pubblicano edizioni scarsissime sul piano della qualità, non si pagano gli extra, non si paga chi contribuisce allo sviluppo di Booklet, affidati per lo più al monopolio “critico” dei soliti tre o quattro soggetti a cui è concesso di lavorare.

“Il decalogo” di Kieślowski si affaccia quindi su Amazon Prime, con la consueta cialtronaggine editoriale che propone contenuti per arricchire quantitativamente la dotazione di titoli, senza quelle differenziazioni che dovrebbero consentirci di distinguere uno spazio culturale di approfondimento da un supermercato.

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

Voto Film
Qualità audio/video
Iniziativa editoriale

IN SINTESI

Il Decalogo di Krzysztof Kieślowski su Amazon Prime e la differenza tra uno spazio culturale di approfondimento e un supermercato

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Montelupo Fiorentino Film Festival 2020, fino al 14 Febbraio su Tele Iride

Mentre è già pronto il bando per l'edizione 2021, quella 2020 del Montelupo Film Festival è in onda fino a Febbraio sull'emittente mugellana Tele Iride. Una scelta interessante, legata all'evento unico del broadcasting. Ce ne parla il fondatore del festival Lorenzo Ciani

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015