Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Mentre Kim Ki-Duk è presente a Berlino con il suo ultimo film, il precedente viene distribuito nelle sale italiane a distanza di due anni. "Il prigioniero coreano" esce il prossimo 12 aprile. La miseria umana, l’avversità degli eventi, la tortura, il conflitto sono tematiche già conosciute e assodate nel cinema del regista coreano, qui utilizzate come mezzo per parlare di un dispositivo reticolare che può chiamarsi in qualsiasi modo. 

Di

La rete (The Net) attraverso cui sbirciare mostra quel sistema stratificato che permette a Kim Ki Duk di rivestire il suo film di intenti socio-politici, mentre ogni piano che viene a svilupparsi annulla l’altro, “un cinema delle rovine che non è semplicemente l’immagine di un contesto sociale”, “teso a neutralizzare l’orientamento prioritario di una verità sull’altra, cercando una dimensione sospesa nel momento dell’attraversamento”.

C’è dunque il rischio, a livello interpretativo, di cadere nella trappola ideologica nel momento in cui ci viene presentata l’esistenza del modesto pescatore nord coreano Nam Chul-Woo che improvvisamente si trova al confine con la Corea del Sud (una rete si è impigliata nel motore della sua barca e lo ha mandato in panne).

La miseria umana, l’avversità degli eventi, la tortura (fisica e psicologica), il conflitto sono tematiche già conosciute e assodate, qui utilizzate come mezzo per parlare di un dispositivo reticolare, connettivo che può chiamarsi in qualsiasi modo, governo comunista/capitalista/nucleo familiare, senza che questo cambi la sostanza dei suoi intenti: controllare le coscienze e rendere irriconoscibile all’individuo la sostanza dei propri desideri.
Meccanismo non molto dissimile da quello che si verificava ne “L’Isola” dove la silenziosa Hee-Jin si trovava improvvisamente coinvolta nel vortice autodistruttivo di Hyun-Shik, uomo in fuga da un omicidio, un incontro cruciale perché avvicina e intreccia le solitudini dei due amanti feriti e lacerati, come alla ricerca di un effetto tangibile laddove diviene difficile rintracciare l’origine dei propri desideri, superando quelli autodistruttivi.

La stessa incertezza risiede nell’animo di Chul-Woo che, di ritorno in Corea del Nord, si ritrova completamente svuotato, privo delle motivazioni iniziali: la famiglia che ritorna continuamente come pungolo alle proprie azioni. Ma è davvero quello il fine ultimo? Eppure, al suo ritorno, Chul-Woo non riesce nemmeno a toccare la propria moglie, a farci l’amore come prima in modo selvaggio e istintivo. Che la sua deriva nel tessuto connettivo di Seul non gli abbia portato le inibizioni tipiche dell’inafferrabile paesaggio urbano che abbaglia e frastorna?

La tortura da parte degli agenti anti-spionaggio della Corea del Sud è un dispositivo che innesca nella mente di Chul-Woo un distacco dalla propria dimensione e da tutto ciò che aveva vissuto sino ad allora, una continua ripetizione e riconferma del cinema di Kim Ki Duk, ancorato e in movimento allo stesso tempo, che ha intrapreso un percorso volto a soddisfare, anche solo parzialmente, il quesito “Chi sono io?”, in coda al bellissimo e spiraliforme “One on One”, dove lo spazio sfondato, distrutto, spaccato in due, apre un passaggio tra il diegetico e l’extradiegetico e qui, come anche in Dream (Bi-mong), si manifesta con l’utilizzo di videocamere di sorveglianza, filtri che trattengono e rilasciano e che, nel caso del pescatore nord Coreano, fungono da aperture verso spazi sconosciuti e come messa in discussione delle proprie certezze.

Rachele Pollastrini

Rachele Pollastrini è curatrice della sezione corti per il Lucca Film Festival.Scrive di Cinema e Musica
Rachele Pollastrini

Kim Ki-Duk
Il prigioniero coreano
Corea Del Sud - 2016

Con Ryoo Seung-Bum, Lee Won-Geun, Choi Gwi-Hwa, Jo Jae-Ryong, Won-geun Lee.
Durata 114 min
Titolo originale Geumul