sabato, Dicembre 5, 2020

L’anno che verrà di Mehdi Idir – Grand Corps Malade: recensione

Non c’è niente di ciò che ti aspetti in questo film, non ci sono i banchi con le ruote che vuole la Ministra Azzolina, non ci sono sollevazioni di gruppo all’esclamazione «Oh Capitano, mio Capitano», nessuno che ti porti a vedere un Pollock, nessuno che faccia la mosca. In questa scuola media di Saint-Denis, un sobborgo parigino, si ha solo il tempo di vivere e di resistere.

L’anno che verrà evita qualsiasi soluzione semplicistica, evita i colpi di scena o le manovre di un destino benevolo che risolva magicamente la realtà desolante e disordinata di questi alunni. La maggior parte di loro lotta costantemente con la povertà, il disagio e i pregiudizi. Classi numerose, risorse inadeguate, insegnanti stanchi di schivare battute e maledizioni, studenti spaventosamente consapevoli e tendenzialmente autodistruttivi.

Fode è un bugiardo compulsivo, Lamine ruba i dessert alla mensa per la semplice e ovvia motivazione che a casa non ha niente da mangiare, Issa ormai ripete lo stesso anno da tempo immemore, mentre Yanis, pur avendo una mente brillante non comprende il senso della scuola quando ciò che ha davanti è un mondo che tratta gli immigrati come poco più che selvaggi, diffamati dai media e molestati dalla polizia.

Eccoli qui gli studenti che sequenza dopo sequenza conosciamo perché di fronte alla nuova vice preside, Samia, meravigliosamente interpretata da Zita Hanrot, chiunque le segga davanti ottiene la sua sincera preoccupazione, il suo impegno e una buona dose di verità. Samia ogni mattina si sveglia e guarda sfilare davanti ai suoi occhi un corteo di adolescenti maleducati e lamentosi che devono costantemente essere gestiti, ma lei non è un ex marine, i suoi metodi non sono stravaganti, non ci sono parchi divertimenti, barrette al cioccolato o canzoni di Bob Dylan su cui riflettere, Zita Hanrot non veste gli stessi abiti di Michelle Pfeiffer in Dangerous Minds, la protagonista di questo lungometraggio scritto e diretto a due mani da Fabien Marsaud e Mehdi Idir è solo una persona normale che ama il suo lavoro e si adopera a cercare alternative, diventando a sua volta simbolo di frustrazione e di accettazione di una situazione radicata.

Se cerchiamo un riferimento, questi ragazzi assomigliano a quelli ritratti da Richard Linklater in Dazed and Confused, come loro condividono quel senso di appartenenza a un limbo permanente mentre vagano senza meta nella città, sperimentano e combattono quel senso di inadeguatezza cercando di comprendere quale sia la direzione, il passaggio all’età adulta che devono compiere e il significato che il loro futuro non sembra avere.

L’anno che verrà con la sua sceneggiatura vivida e intelligente funziona grazie alla performance cruda e credibile di ogni suo interprete assumendo un’autenticità quasi documentarista.

Francesca Fazioli
Laureata nelle discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, ha frequentato un Master in Critica Giornalistica all'Accademia d'arte drammatica Silvio D'Amico e una serie di laboratori tra cui quello di scrittura cinematografica tenuto da Francesco Niccolini e Giampaolo Simi. Oltre che con indie-eye ha collaborato e/o collabora scrivendo di Cinema e Spettacolo per le riviste Fox Life, Zero Edizioni, OUTsiders Webzine

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015