mercoledì, Ottobre 21, 2020

Osamu Tezuka – Mela Meccanica: la recensione del Volume J-Pop Manga

L’ammirazione di Stanley Kubrick per Osamu Tezuka è documentata da una lettera inviata dal grande regista americano al dio del Manga il 9 gennaio del 1965. L’offerta di fare da art director per “2001: Odissea Nello Spazio” fu gentilmente e diplomaticamente declinata dallo stesso Tezuka. “Mela Meccanica” è una raccolta antologica pubblicata nei primissimi anni ottanta all’interno di un progetto più vasto che comprendeva l’opera completa del mangaka e che in questo caso particolare metteva insieme una serie di storie per adulti pubblicate su riviste diverse tra il 1968 e il 1973. È probabile che l’esplicito riferimento al romanzo di Anthony Burgess “A Clockwork Orange”, porti con se anche l’omaggio nei confronti di Kubrick. Temi come la relazione tra scienza e istinto, la macchina bellica sospesa tra razionalità e follia, il fallimento delle controculture, recuperano alcuni degli elementi centrali nella carriera del grande fumettista, ma sembrano anche una sintesi delle principali ossessioni Kubrickiane.

Un’altra suggestione parallela favorita dalla cornice antologica è l’involucro dei generi: dal noir alla fantascienza, dall’apologo politico alla narrazione bellica, le caratteristiche del cinema Kubrickiano sembrano esplorate a posteriori, grazie ad un lavoro di cucitura editoriale ben preciso che procede verso quella contaminazione tra natura e tecnologia presente nelle opere di entrambi gli artisti. La varietà condivide comunque tono e stile molto simili nei termini di un’esplorazione estrema dei limiti della psiche, in una misura non dissimile da altre opere del mangaka destinate ad un pubblico adulto, come Barbara e I.L.

Molte delle storie selezionate, pubblicate su riviste come Purei Komikku o Manga Sunday, consentivano a Tezuka di sperimentare temi e forme narrative che avrebbe poi sviluppato entro i margini di opere più complesse. Uno dei casi più evidenti è rappresentato da “La Cisti“, pubblicata nel maggio del 1968. La storia del parto gemellare mai avvenuto, con il secondo cervello di una donna sviluppatosi all’interno dello stomaco sotto forma di massa tumorale, anticipa di cinque anni le origini di Pinoko, uno dei personaggi chiave nella carriera di Tezuka, parte della saga di Black Jack.

Aspetti come la relazione mutante e palindroma tra carne e psiche, il dissolversi delle differenze di genere, il doppio come esplosione incontrollata dei desideri più oscuri, sono aspetti già presenti in queste storie fulminee, dal sapore laboratoriale, ma assolutamente potenti per freschezza e immediatezza. La storia breve, destinata ad una dispersione maggiore diventa quindi banco di prova per l’artista giapponese.

Per una suggestione del tutto casuale, il racconto che da il titolo alla raccolta, è un apologo sul potere che dal passato dischiude la forza sufficiente per interpretare il presente dell’emergenza epidemiologica Covid-19. Una piccola città isolata dal resto del mondo perde progressivamente la volontà di opporsi all’isolamento e all’ordine costituito. Mentre il cibo diventa lo strumento con cui il potere può aver ragione delle masse, sottoposte ad un lento e inesorabile avvelenamento, lo spazio sociale sembra avvicinarsi sempre di più ad una colonia penale dove ogni contatto con l’esterno viene precluso. Il romanzo di Burgess viene esplicitamente citato, con il parallelo tra i cittadini e una natura già tecnologizzata. Svuotata di ogni caratteristica biologica, l’azione umana diventa riflessa come quella di un ingranaggio meccanico. Tezuka si serve di moltissimi riferimenti culturali intrecciati oltre a quelli letterari, dal cinema di Ishirō Honda fino alla fantascienza statunitense dei primi anni sessanta, usandoli con intenzioni metastoriche per descrivere le caratteristiche di una società destinata al controllo totalitario.

Ancora il doppio nel breve racconto “nero” intitolato “Notte sulla strada”, elaborato in forma molto sottile.  La storia traccia il viaggio in taxi di un uomo che custodisce una misteriosa valigetta e insieme ad essa, un crimine indicibile ed oscuro. Tezuka costruisce tensione e orrore nel confronto progressivo tra l’autista e il cliente, mutando percezione sulle origini del male e descrivendo due personaggi ferini  e senza alcuna morale che non sia quella predatoria. Entrambi sembrano scaturire direttamente dalle ombre della notte.

L’episodio più estremo è certamente “Yellow Dust”, disamina impietosa della guerra del Vietnam osservata da una prospettiva fantastorica. Tezuka costruisce una spirale di indescrivibile violenza che contamina un’intera generazione, comunicando a quelle nuove l’energia distruttiva del massacro.  Tre ex soldati prendono in ostaggio un gruppo di bambini e le loro insegnanti, replicando gli orrori consumati nei villaggi vietnamiti tra massacri e stupri.  In un continuo rovesciamento di prospettive, Tezuka racconta la storia occidentale e la società Giapponese contemporanea, come dominata dalla follia. 

Il ciclo della violenza non risparmia nessuno, né gli ideali radicali del giovane scrittore de “Il sipario diabolico”, né lo spirito della convention di pace intergalattica in “I Reduci”, l’ultimo racconto incluso nella raccolta. Se la terra è ormai dilaniata da una furibonda e insensata lotta per il potere, i recessi del cosmo riconducono verso la sfera più basica della sopravvivenza biologica, dove organismi parassitari e virus sconosciuti cercano un nuovo ospite per preservare la specie.
Nello straordinario e terribile mondo di Osamu Tezuka, ciò che regola l’universo è l’inesorabile necessità del caos. 

 

 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

ECONTENT AWARD 2015