mercoledì, Dicembre 2, 2020

Ravenna Nightmare Festival 2020: Andrej Andreevič Tarkovskij ospite speciale. La nostra intervista

Andrej Andreevič Tarkovskij porta il suo "Andrej Tarkovskij – il cinema come preghiera" al Ravenna Nightmare Festival Venerdi 6 alle 18:30. Ascolta la nostra intervista-podcast con il regista

Andrej Andreevič Tarkovskij porterà al Ravenna Nightmare Festival 2020, l’acclamato documentario dedicato al padre intitolato “Andrej Tarkovskij – il cinema come preghiera“.

Un progetto a cui Andrej Andreevič Tarkovskij si dedica da tempo e che era originariamente pensato in forma diversa, sulla base dei diari lasciati dal grande regista russo. Dalla parola scritta alla voce, il film connette vari frammenti, conferenze, interviste, immagini e interventi inediti con i frammenti tratti dal suo cinema.

Venerdi 6 Novembre alle 18:30, in streaming per chi ha acquistato un abbonamento su My Movies, sarà programmato “Andrej Tarkovskij – il cinema come preghiera”, preceduto da una presentazione dello stesso film da parte di Andrej Andreevič Tarkovskij, nella forma di una conversazione con Mariangela Sansone. 

Michele Faggi, per indie-eye Cinema, nel gennaio 2020, ha incontrato Andrej Andreevič Tarkovskij nella casa che è adesso sede della Fondazione Andrej Tarkovskij e che è stata la dimora fiorentina del grande regista russo. Una conversazione registrata in forma podcast che affronta per quasi un’ora la genesi e il metodo affrontato da Andrej Andreevič Tarkovskij, per la realizzazione del suo film.

La riproponiamo per l’occasione, buon ascolto:

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015