mercoledì, Dicembre 2, 2020

Sto pensando di Finirla qui di Charlie Kaufman: recensione

Enigma o rompicapo? L'importante è non confonderli. Sul nuovo film di Charlie Kaufman: Sto pensando di finirla qui

Un rompicapo per definizione si può risolvere. Il suo stesso senso è nella risoluzione: essa deve essere perfetta, così che tutto trovi il proprio posto. Speculare al rompicapo è l’enigma. Un enigma non suggerisce una soluzione ma offre se stesso nella molteplicità delle risposte possibili, nessuna delle quali definitiva. Non può essere univoco, altrimenti non sarebbe un enigma. I rompicapo cinematografici sono sempre piaciuti, perché il pubblico si diverte a cercare di arrivare alla soluzione, e i social centuplicano i dibattiti e i tentativi di decriptazione . Recentissimo è il caso di Tenet, che ha portato a innumerevoli articoli e video intitolati “Ho risolto Tenet” o qualcosa del genere. Talvolta queste analisi si rivolgono però a film che non sono rompicapo da risolvere ma enigmi da cui lasciarsi affascinare e il tentativo di dare loro una risposta esatta finisce per impoverirli.


Si possono “risolvere” 2001: Odissea nello spazio, Stalker, Mulholland Drive? È il modo sbagliato di approcciarsi a un enigma. Non perché non si possano offrire delle letture, ma perché pretendere di darne una che sia l’unica vera significa ignorare che proprio nella coesistenza di innumerevoli possibili letture sta il valore del film-enigma. È un po’ quello che sta succedendo a Sto pensando di finirla qui, terzo film da regista di Charlie Kaufman (leggi l’intervista su Indie-eye)


Kaufman nasce come sceneggiatore, ed è uno di quegli sceneggiatori da considerare autore dei film che scrive tanto quanto i registi che li girano. Anzi, a guardarsi indietro oggi Essere John Malkovich e Se mi lasci ti cancello sembrano inserirsi meglio nella filmografia di Kaufman che in quelle di Spike Jonze e Michel Gondry. È proprio in virtù di questa continuità che dopo appena tre film diretti si può parlare con facilità dello stile e dei temi nel cinema di Kaufman: il rapporto con il proprio sé, la rappresentazione del mondo mentale, la confusione tra reale e finzionale, sono tra i principali argomenti del suo discorso filmico.


Dopo aver portato avanti questo discorso con cinque sceneggiature in sei anni, al suo esordio dietro la macchina da presa Kaufman tentò di condensarlo in un unico film, il titanico Synecdoche, New York, il cui fallimento commerciale lo aveva spinto verso un progetto più umile e forse anche per questo più riuscito, Anomalisa, dove assieme al co-regista Duke Johnson cercava (riuscendovi) di annullare la distanza tra lo spettatore e il personaggio portando i sensi del primo a coincidere con quelli del secondo.


Sto pensando di finirla qui sembra quasi collocarsi a metà strada tra Synecdoche, New York e Anomalisa. Dal primo mutua l’aspirazione all’universalità, dal secondo il tentativo di “immersività”. Una coppia in crisi affronta un lungo viaggio nella tormenta per incontrare i genitori di lui, ma più il tempo passa più la realtà attorno a loro si sfalda. Una realtà molteplice ed eterogenea, composta da frammenti che si accumulano senza un senso apparente, finché il finale non dà una ragione a questo groviglio.


Kaufman è Kaufman, e nonostante non gli manchino le capacità registiche per raccontare con le sole immagini, il suo esibizionismo intellettuale lo porta a un eccesso di verbalizzazione talvolta snervante. I lunghi dialoghi per parlare di tutto sono colmi di citazioni e allusioni culturali alte, e stavolta persino di furbeschi riferimenti pretestuosi a recenti polemiche. Certo ci si può chiedere il senso di una simile lamentela se si decide di guardare un film di Kaufman, essendo l’intellettualismo un tratto fondamentale del suo cinema. Ma se Kaufman è Kaufman, è Kaufman anche nelle cose migliori, per fortuna: Sto pensando di finirla qui riesce a gettare lo spettatore nella testa di un personaggio permettendogli di guardare e sentire con gli occhi della sua immaginazione al lavoro.


Siamo davanti, anzi dentro a una fantasia, e sebbene sia possibile che ogni sua componente abbia un senso preciso, mettersi ad analizzare ogni fotogramma per ricomporre un mosaico dalla catasta di tessere accumulate in ogni scena (come molti sembra stiano facendo) vuole dire confondere l’enigma con il rompicapo. Non che una volta arrivati alla fine sia difficile capire cosa abbiamo davvero guardato, ma il valore del film sta proprio nella forza perturbante delle incongruenze, capaci di restituire lo spazio di una mente nell’atto del fantasticare. Può essere interessante spiegare da dove derivino tutte le cose che sogniamo, ma il fascino del sogno sta nel suo non essere spiegabile mentre lo si sogna.


Se tutto questo vi fa pensare a David Lynch, avete ragione. Il paragone si è sprecato, ma è impossibile non notare come il procedimento di costruzione narrativo sia preso in prestito da Mulholland Drive. Di film onirici (non film sui sogni ma film strutturati come sogni) la storia del cinema abbonda sin dagli albori, ma Kaufman fa esattamente quello che ha fatto Lynch: comporre una storia con pezzetti che appaiono incongrui e la cui provenienza è mostrata solo in un secondo momento. Si potrebbe rimarcare che Lynch riesce a essere più inquietante e ironico, ma sarebbe un paragone fine a se stesso, che distrarrebbe dal buon lavoro fatto da Kaufman.

Charlie Kaufman si muove dunque in territori che gli sono ben noti, e Sto pensando di finirla qui è forse il perfetto vessillo del suo cinema. Più accessibile di Synecdoche, New York (se proprio non si vuole dire “più riuscito”), rispetto ad Anomalisa, il suo film migliore, rende maggiormente conto della grandigia delle sue intenzioni.

Quindi accanto alla spiccata capacità di giocare con i confini della finzione possiamo trovare anche quei difetti che abbiamo detto essere parte integrante della sua poetica. Prendere o lasciare. Ma se si decide di stare al gioco, quel che si può ottenere in cambio non è poco.

I’m Thinking of Ending Things (USA, 2020)

Interpreti: Toni Collette, Jessie Buckley, Jesse Plemons, Jason Ralph, David Thewlis, Abby Quinn, Colby Minifie, Hadley Robinson, Guy Boyd, Ashlyn Alessi 

Regia: Charlie Kaufman / Ian Reid
Sceneggiatura: Charlie Kaufman
Fotografia: Lukasz Zal
Montaggio: Robert Frazen
Musica: Jay Wadley

Marcello Bonini
Marcello Bonini nasce a Bologna nel 1989. Insegnante, fa il montatore per vivere. Critico Cinematografico, ha scritto per diverse riviste di cinema e pubblicato una raccolta di racconti. Fa teatro e gira cortometraggi.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015