mercoledì, Settembre 30, 2020

The Aeronauts di Tom Harper, Festa del Cinema di Roma: recensione

C’era una volta qualcuno che cantava «seconda stella a destra: questo è il cammino e poi dritto fino al mattino», ma se in quel fantastico film Disney, che questo brano ci riporta alla mente, i protagonisti volavano via grazie alla polverina magica elargita da una fatina, i protagonisti di The Aeronauts si accontentano di una mongolfiera, un enorme pallone aerostatico che sorvoli il cielo raggiungendo le nuvole.

Tom Harper confeziona una favola i cui effetti visivi straordinari conducono Amelia Wren e Henry Coxwell attraverso l’atmosfera in uno di quegli scenari che solo Mary Poppins avrebbe potuto creare.

Nel 1862, il meteorologo britannico James Glaisher e il copilota Henry Coxwell volarono in mongolfiera partendo da Londra, batterono il record mondiale di altitudine di volo, tornarono vivi dopo aver raggiunto i 38.999 piedi. Questa è la storia su cui Harper e il suo sceneggiatore Jack Thorne hanno lavorato sottraendosi a quel giogo definito accuratezza storica.
The Aeronauts diventa un racconto di sopravvivenza nel quale Felicity Jones e Eddie Redmayne, tornati insieme sulle scene dopo La Teoria del tutto, appaiono più come eroi d’azione che aeronauti.

Redmayne interpreta lo scienziato realmente esistito James Glaisher che sogna un futuro avanzato attraverso lo studio della meteorologia. Jones invece è ritratta come una vedova benestante di nome Amelia Wren, un’idealista, che preferisce librarsi nell’atmosfera piuttosto che aderire ai doveri tipici che ci si aspetta dalle donne della sua epoca.

James si pone in netto contrasto con quel polveroso mondo tutto maschile di colletti inamidati e cappelli a cilindro a cui cerca di spiegare la propria missione, nessun appello a quei dotti signori della Royal Society serve per convincerli a finanziare la spedizione che vuole per il progresso della conoscenza e il bene comune mentre Amelia è ancora in lutto per la tragica perdita del marito, rimasto ucciso in una precedente spedizione. Gli interessi dei due personaggi convergono su un solo punto, la passione per l’esplorazione.

La sconvolgente bellezza visiva dei cieli e le esilaranti acrobazie compiute dai protagonisti grazie all’utilizzo della CGI e rese attraverso l’obiettivo leggerissimo di George Steel danno alla pellicola quel senso di vertigine che riporta alla mente le scene girate da Alfonso Cuarón in Gravity ma purtroppo a questi gloriosi effetti si contrappone una sceneggiatura scialba e piatta che ti fa sperare che il film resti sospeso in aria per sempre.

La storia infatti si dipana lungo due filoni, una in cui i personaggi sorvolano il paesaggio londinese del XIX secolo e l’altra tramite una serie flashback in cui si apprende come i due si siano conosciuti e quali ragioni li abbiano spinti a intraprendere questo viaggio. Ed è proprio nel passato che i dialoghi di Thorne si fanno sfilacciati e la sceneggiatura approssimativa, accontentandosi di raccontare il minimo indispensabile, inserendo quei cliché melodrammatici che annoiano e con il susseguirsi del film diventando sempre più sgraditi.

Il soffio del vento, la temperatura gelida che sembri avvertire sul viso e la bella colonna sonora di Steven Price che fa da contrappunto ai momenti più salienti diventando perfetta nei climax vengono annientati dalle parole che purtroppo non sono mai alla stregua dell’eccellente lavoro tecnico.

Francesca Fazioli
Francesca Fazioli
Laureata nelle discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, ha frequentato un Master in Critica Giornalistica all'Accademia d'arte drammatica Silvio D'Amico e una serie di laboratori tra cui quello di scrittura cinematografica tenuto da Francesco Niccolini e Giampaolo Simi. Oltre che con indie-eye ha collaborato e/o collabora scrivendo di Cinema e Spettacolo per le riviste Fox Life, Zero Edizioni, OUTsiders Webzine

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015