Indie-eye – Cinema – Testata giornalistica di Cinema

Ron Grainer, l'autore di culto che era dietro le musiche per serie televisive seminali come "Dr. Who" e "The Prisoner", ha composto nel 1971 la colonna sonora per "The Omega Man", uno dei film di fantascienza più belli degli anni settanta, prodromo delle numerose fantasie post-apocalittiche a venire. Silva Screen pubblica la colonna sonora del film per la prima volta in un bellissimo vinile doppio, in confezione gatefold, Guarda il nostro video unboxing 

Di

Silva Screen, benemerita etichetta specializzata nella pubblicazione di colonne sonore che hanno fatto parte della nostra memoria, pubblica un’ennesima perla in occasione del record store day 2018. Per la prima volta in vinile l’edizione gatefold 2lp, limitata a 1000 copie di “The Omega man“. Colonna sonora dell’omonimo film diretto nel 1971 da Boris Sagal e intepretato da Charlton Heston.  Il film fu distribuito in Italia con il titolo di “Occhi Bianchi sul Pianeta Terra“. Le musiche sono del grande Ron Grainer, compositore di origini australiane ma attivo in inghilterra; durante la sua carriera ha scritto anche le musiche per serie televisive seminali come “The Prisoner” e “Dr Who“, entrambe ripubblicate in svariate edizioni sempre da Silva Screen.

Guarda il nostro video unboxing per vedere come è stato realizzato questo stupendo oggetto da collezione.

Il vinile si acquista da questa parte, attraverso i negozi partner dell’iniziativa promossa da Silva Screen.

The Omega Man OST – Ron Grainer – 2LP Gatefold, limited edition 1000 copie – video unboxing

The Omega Man viene diretto nel 1971 da Boris Sagal e adattato da un romanzo di Richard Matheson intitolato “I am legend”, pubblicato nel 1954. A tutti gli effetti è uno dei film di fantascienza più importanti di quegli anni e anticipa molte delle fantasie post-apocalittiche a venire. Ambientato in una Los Angles desolata, vede Charlton Heston come l’unico cittadino rimasto immune da una mortale pandemia. Presto diventerà la preda de “la famiglia”, un gruppo di mutanti notturni che ha creato attorno alla propria disgrazia un vero e proprio culto.
Ron Grainer, compositore di origini australiane, ma attivissimo in inghilterra, compone la colonna sonora per il film e la registra lo stesso anno insieme ad una grande orchestra negli studi californiani della Warner. Come nel suo stile, le suggestive influenze dell’elettronica analogica, lo portano a fondere grandi volumi orchestrali di derivazione funk e jazz con elementi che rimandano al genio di Raymond Scott. Le musiche di Ron Grainer sono sempre stimolanti, originali, ma anche di grande impatto “pop”. Silva screen colma una lacuna imperdonabile del mercato discografico legato alle colonne sonore, ristampando per la prima volta in vinile l’intera registrazione effettuata da Grainer. Una precedente edizione della colonna sonora era stata pubblicata divesi anni fa in formato CD da Film Score Monthly.