Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Ripley's Home Video pubblica un cofanetto indispensabile dedicato al cinema di Werner Herzog. Tre film del regista bavarese: "Fata Morgana", "Apocalisse Nel Deserto", "L'ignoto Spazio Profondo". Guarda il nostro video unboxing e scopri i dettagli sulla ricca dotazione di contenuti extra, tra commenti audio, interviste e mediometraggi.  

Di

Il catalogo Ripley’s Home Video, uno dei più importanti a livello nazionale per quanto riguarda l’home video dedicato al cinema di qualità, si arricchisce con questo indispensabile cofanetto dedicato al cinema di Werner Herzog.
Tre film realizzati tra il 1970 e il 2005 sotto il titolo di “Trilogia Della Terra“. Un viaggio entro i margini più estremi del pianeta insieme al grande regista Bavarese.
Il cofanetto contiene i film “Fata Morgana” (1971) / “Apocalisse Nel Deserto” (1992) / “L’ignoto spazio Profondo” (2005)
Nel nostro video unboxing esaminiamo in dettaglio la confezione Ripley’s Home Video e la ricca dotazione di contenuti speciali.

Werner Herzog, Trilogia del Deserto – Cofanetto 3 DVD Ripley’s Home Video

Tra i contenuti speciali del Cofanetto Werner Herzog, Trilogia della terra segnaliamo.

Contenuti speciali del DVD Di Fata Morgana

I due mediometraggi “I Medici Volanti dell’Africa Orientale” (45 Minuti – 1969) / “Woodabee, i pastori del Sole” (48 min, 1992) / Il commento al film “Fata Morgana” di Werner Herzog e Norman Hill” + Un Booklet con articoli e approfondimenti di Amos Vogel, Giovanni Spagnoletti e dello stesso Herzog.

Contenuti speciali del DVD di Apocalisse nel deserto

La Soufriere“, mediometraggio di 30 minuti realizzato nel 1977. Booklet con un saggio di Giovanni Spagnoletti e alcuni statements di Herzog tratti da alcune interviste.

Contenuti speciali del DVD L’Ignoto Spazio profondo

La palla è una bastarda“, conversazione con Rudi Gutendorf, attaccante del Coblenza e allenatore, amico di Herzog fin dai tempi della lavorazione di Aguirre. Booklet con un racconto diviso per paragrafi tematici scritto dallo stesso Herzog, estratti dal volume “Segni di vita, Werner Herzog e il Cinema” edito nel 2008 dalle edizioni Il Castoro e curato da Grazia Paganelli.