Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

La Polonia del 1990 funge da sfondo per un ritratto cubista di tre donne sull’orlo di una crisi di nervi. 

Di

Il cinema polacco oggi? Più vivo che mai, come dimostrano Małgorzata Szumowska (“Corpi”, 2015 – ), il premio Oscar Paweł Pawlikowski (“Ida”, 2015), Urszula Antoniak (“Nothing Personal”, 2009), Grzegorz Jaroszuk (“Kebab i horoskop”, 2014), Katarzyna Klimkiewicz (“Fyling Blind”, 2012), Borys Lankosz (“Ziarno prawdy”, 2015), Lukasz Palkowski (“Bogowie”, 2014), Krzysztof Skonieczny (“Hardkor disko”, 2014), Lukasz Barczyk (“Hiszpanka”, 2015), Aleksandra Gowin & Ireneusz Grzyb (“Male stluczki”, 2014). In cima alla lista, da oggi, Tomasz Wasilewski, classe 1980, autore dei lungometraggi “W sypialni” (‘in camera da letto’, 2012), “Płynące wieżowce” (‘grattacieli volanti’, 2013) e di questo magnifico film che alza il livello di un concorso berlinese abbastanza deludente.

‘Stati Uniti dell’amore’ è ambientato in piena Wende, la svolta che vide crollare il muro di Berlino e il blocco sovietico. È una storia di donne, principalmente tre (Agata, Iza e Renata). Storie separate che ogni tanto s’incrociano mantenendo comunque una struttura trina per blocchi che si susseguono senza convergere nel finale. Nella prima storia, Agata (Kijowska) s’innamora di un prete; nel secondo blocco assistiamo alla vita sessuale di Iza (Cielecka), complessa e violenta, che ha come fulcro un uomo fresco di vedovanza; nell’ultimo terzo di film vediamo Renata (Kolak) coltivare un’ossessione per la più giovane Marzena (Marta Nieradkiewicz).

Privo di musica ma impreziosito dai colori desaturati e pastello di Oleg Mutu, collaboratore abituale di Cristian Mungiu, il film è stato interamente girato in due piccoli centri non lontani da Varsavia, Żyrardów e Pruszków. Come il precedente “Płynące wieżowce”, la sceneggiatura affronta anche il tema dell’omosessualità – questa volta femminile – ma come suggerisce il titolo, sardonico e grottesco come uscito dalla penna di Gombrowicz, tutto si svolge nel segno dell’amore. Soprattutto fisico. Desiderio, frustrazione e morte.

Zjednoczone stany miłości è un film di prefabbricati socialisti, di videonoleggi pirata (fondamentali nell’Est europeo post-muro, come ci ricorda anche il romanziere Michał Witkwoski in “Queen Barbara”), di chiese, scuole e piscine, di appartamenti pieni di uccellini senza gabbia, di tavole imbandite e camere da letto. Enigmatica e seducente, la pellicola di Wasilewski esercita un fascino ipnotico che quasi prescinde dagli eventi. La perfezione fotografica e compositiva delle inquadrature, fisse o lievemente ballonzolanti come quelle di Vinterberg, non è mai fine a se stessa. Il regista ci lancia in medias res, soffia sulla nuca delle sue protagoniste, affronta il nudo con nonchalance autentica e liberatoria. Le pulsioni prendono il sopravvento su uno sfondo, storico e sociale, contraddistinto dallo smarrimento. Il risultato finale è di una bellezza sconcertante.

Tomasz Wasilewski
United States of love
Polonia / Svezia - 2016

Con Julia Kijowska, Magdalena Cielecka, Dorota Kolak
Durata 104 min
Titolo originale Zjednoczone stany miłości

 

Simone Buttazzi

Simone Buttazzi

Simone Buttazzi è nato a Bologna nel 1976 e ora vive in Germania. Si è laureato con una tesi sull’immagine-pulsione di Gilles Deleuze e le sue occorrenze cinematografiche. Dal 2002 lavora in campo editoriale come traduttore (dall’inglese e dal tedesco), redattore e consulente. In rete, oltre che su Indie-eye Network scrive per numerose testate di Cinema e Letteratura.