venerdì, Dicembre 4, 2020

Stop a Greenwich Village di Paul Mazursky (DVD – Teodora/CG il Piacere del Cinema, 2012)

[box title=”Stop a Greenwich Village di Paul Mazursky (DVD –  Teodora/CG il Piacere del Cinema, 2012)” color=”#5C0820″]

Titolo Originale: Next Stop, Greenwich Village
Formato video: 16/9
Audio: Inglese Dolby Digital 2.0 | Italiano Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Italiano
Extra:Vieri Razzini sul film | Trailer originale | Galleria fotografica

Acquista Stop a Greenwich Village su CG Home Video

[/box]

 

 

Le strade di Greenwich Village sono strette e irregolari ma in tutta N.Y. sono le sole ad avere un nome. Il posto ideale per chi vuol farsene uno. Per Larry Lapinsky (Lenny Baker), giovane ebreo di origini polacche, il quartiere newyorchese è l’anticamera di Hollywood. C’è molto di autobiografico in questo film di Paul Mazursky e la freschezza dell’opera ne trae giovamento. L’avventura di Larry alla conquista di una carriera esula dagli schemi più abusati per aprirsi a una poetica di ampio respiro.

Non vale alcun iter prestabilito né il tipico succedersi di prove in progressione per il giovane di belle speranze che ambisce a diventare qualcuno. Nei caffè di Greewich Village l’arte è intessuta nell’esistenza e il sogno agognato un’occasione da saper cogliere al volo. Nessun traguardo è definitivo, non ci sono regole né garanzie perché è così che è funziona la vita. Carpirne il segreto è questione di attitudine e il gruppo di artisti che attorniano Larry subiscono il fascino e le inquietudini che si addicono ai flâneurs.

In questo senso il titolo originale- Next Stop, Greenwich Village– alludeva in modo più opportuno all’idea di processualità che attraversa tutto il film, dal gioco diegetico della metropolitana alla costruzione stessa dell’inquadratura. Strisce d’asfalto e binari bruniti sfondano la cornice irradiando linee di fuga mentre il protagonista corre e rimbalza tra gli appartamenti, vagola di notte sui marciapiedi o improvvisa con gli altri goliardiche processioni. Tra un balzo da guitto e un’imitazione di Brando, Larry si precipita attraverso gli eventi, esaltanti o tragici che siano, ora puntando dritto verso la meta, ora indugiando in improbabili reveries.

Lo circondano personalità eccentriche e bipolari, ciascuna sospinta da un intimo motore e interpretata da un cast d’eccezione. A un Christopher Walken ancora agli esordi nei panni dell’affascinante Robert Fulmer, dandy annoiato e amante compulsivo, si affiancano un Jeff Goldblum in ascesa e una già nota Lois Smith nel ruolo di Anita Cunningham, romantica delusa e aspirante suicida. Ma la performance più entusiasmante è senza dubbio quella della splendida Shelley Winters. La sua signora Lapinsky regala crisi esplosive di isterismo e possessività alternandole a momenti di straordinaria delicatezza. Mazursky la asseconda con devoto affetto e intesse un film originale, a tratti sopra le righe, miscelando gli spunti drammatici a una sana ironia. Inquadrature di taglio e prospettive in profondità esplorano la ricchezza degli ambienti articolati mentre gli occasionali riferimenti alla politica e all’attualità completano il quadro sociale dipinto dalle esperienze personali del gruppo.

E’ un omaggio sincero al quartiere che, fin dagli inizi del Novecento, è stato il centro della scena artistica di avanguardia, nonché fulcro di importanti movimenti sociali a partire da quello omosessuale. Flamingo Video lo ripropone adesso in DVD, in un’edizione qualitativamente godibile, comprensiva di trailer, galleria fotografica e del commento critico di Vieri Razzini.

Lisa Cecconi
Lisa Cecconi è nata a Firenze nel 1984. Si è laureata all’Università di Bologna in Cinema, televisione e produzione multimediale con una tesi sulla strumentalizzazione dell’immaginario apocalittico nel cinema hollywoodiano. Ha seguito numerosi festival collaborando talvolta all’organizzazione, alla stesura dei cataloghi critici e alla presentazione dei film in rassegna. Attualmente coltiva la sua passione per il cinema scrivendo recensioni on-line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015