Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Archibald e Cg pubblicano in versione Blu Ray il secondo film diretto da Madonna presentato anche a Venezia 68; il DVD è corredato di un interessante dietro le quinte ella durata di circa venti minuti 

Di

Madonna mette in scena se stessa con una capacità di riscrittura del proprio reale immaginario che si avvicina per certi versi al vampirismo di David Bowie, non tanto il Bowieattore, ma il Bowie-autore nei film altrui, quello di una filmografia trasversale sporcata dal liquido seminale dell’autobiografia (allusa, vera, presunta, poco importa) in Roeg, Hemmings, Oshima, Landis, Scott, Lynch dove l’ossessione per un corpo che scompare, sottoposto a invecchiamento precoce o alle interferenze del tempo, si manifesta come un segno forte di distanza e prossimità d/alla propria immagine.

W.E. allora diventa davvero un acronimo polisemico che descrive più sovrimpressioni; film di fantasmi che si osservano e cercano di toccarsi con gesti di semplicità psicometrica, dove Madonna è certamente una di loro.

Opera di materialità storica che mette insieme presente, passato e futuro come se si trattasse di una lettura spontanea e selvaggia delle intuizioni di Pierre Sorlin, ovvero con una sensibilità viva, che percorre il tempo per salti, facendo reagire footage originali, frantumando il punto di vista nella sovrapposizione di formati, leggendo la storia come presenza.

Non si tratta solamente della relazione aptica tra Wally Winthrop e gli oggetti materiali appartenuti a Wallis Simpson, sfiorati dalla donna di Manhattan con la volontà di stabilire una connessione intima con un passato altrimenti confinato in uno spazio museale e simbolico, ma anche della materia cinema che Madonna manipola con un abbandono certamente diseguale ma assolutamente vivo e sorprendente.

In questo senso, W.E. è anche un film attraversato da una potente anima musicale, con alcune sequenze trainate da una trasversalità ritmica che non ha quasi mai una pertinenza filologica (Henry Mancini, Sex Pistols, il lavoro di ricerca fatto da Tiersen e Korzeniowski) ma che cerca al contrario una verità interiore tra suono e immagine attraverso la sconnessione del punto di vista tra oggetto e soggetto; in fondo, quello che Madonna ha fatto sino adesso con la sua stessa di immagine, cercando la verità tra reale e irreale.

La versione Blu Ray pubblicata da Archibald/CG contiene un dietro le quinte molto interessante della durata di circa venti minuti; strutturato come molti making of di impostazione televisiva, alterna gli interventi di tutto il cast e della crew tecnica con una posizione di rilievo ovviamente destinata all’intervista con Madonna.

Quello che emerge è la colossale macchina quasi Scorsesiana messa in piedi per la realizzazione del film, dall’attenzione storico-filologica agli oggetti appartenuti a Wallis Simpson, utili per Madonna come segni tangibili di una racconto sviluppato attraverso la collisione tra più tempi della Storia, fino alla ricerca maniacale dei vestiti di sartoria per confermare questa assimilazione di Madonna con Wallis Simpson,  figura consapevole del ruolo di rottura che poteva avere lo stile e la gestione della propria immagine.

Stessa cosa per il ballo, elemento trainante del film, i cui aspetti vengono seguiti da Madonna con un senso ossessivo del controllo; lo stesso che la spinge a scegliere l’utilizzo di vecchie cineprese super 8 o 16 mm per filmare alcuni flashback di significato storico o semplicemente intimo famigliare.

Completa la sezione extra la consueta photo gallery e il Trailer Originale.

Madonna
W.E. Edward e Wallis
GB - 2011

Con Abbie Cornish, Andrea Riseborough, James D'Arcy, Oscar Isaac, James Fox.
Durata 118
Origine e anno CG - 2012
Titolo originale W.E.
Formato video HD 1080 24P - 2,40:1
Formato audio Inglese + Italiano DTS HD Master Audio 5.1
Sottotitoli Italiano | Italiano per non udenti
Extra Dietro le quinte | Photogallery | Trailer

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi