giovedì, Ottobre 1, 2020

L’ultima Casa a Sinistra – 2 Blu Ray Midnight Classics per il primo film di Wes Craven: video unboxing

L’ultima Casa a Sinistra. Il primo film di Wes Craven, estremo e disturbante, nel cofanetto 2 Blu Ray Midnight Factory – il video unboxing

*Prodotto omaggio stampa inviato dall’etichetta

L’ultima casa a sinistra di Wes Craven – l’inizio dell’horror politico moderno

L’ultima Casa a Sinistra di Wes Craven – Il Cofanetto Midnight Classics

A più di quarant’anni dalla sua uscita, “L’ultima casa a Sinistra” rimane uno dei film più feroci e disturbanti nella storia del cinema horror. Film volutamente diseguale, tra nichilismo, comicità e trasandatezza trash, mina dall’interno lo stesso principio di autorialità e di tono se si intendono i due aspetti come qualità legate al senso della misura. Film violentemente punk nell’accezione politica del termine, il debutto di Wes Craven dietro la macchina da presa è una fiera delle atrocità che si sbarazza di tutti i filtri conosciuti, sopratutto quelli del racconto.

Per quanto il concetto di “estremo” abbia superato questa soglia più volte, specialmente con l’evoluzione del gore, è nel rifiuto radicale dell’estetismo che il film del regista americano prodotto da Sean S. Cunningham continua a ferire.

Mari e Phyllis, recatesi in città per assistere ad un concerto, vengono rapite da uno spacciatore insieme ad un gruppo di balordi. Dopo torture e violenze di ogni genere, le uccideranno. In fuga, gli assassini, chiederanno ospitalità, ma nella casa dove trovano rifugio, vivono i genitori di una delle vittime. Costoro saranno capaci di restituire agli assassini la stessa crudeltà perpetrata. 

Nella violenza subita dalle due ragazze, è il prolungamento e la persistenza dell’orrore più che l’insistenza grafica a caratterizzare la qualità estrema del film: un terrore viscerale, l’impossibilità della ragione di opporsi alla manifestazione dell’abisso, la disumanità come assenza assoluta di pietà ed empatia.  La saliva di Krug che cola sulla guancia di Mari durante lo stupro, Phyllis costretta a pisciarsi nei pantaloni, sono dettagli laterali rispetto alla rappresentazione esplicita della violenza, ma nel film proliferano, come la sovrapposizione tra elementi della commedia e frammenti d’orrore, combinati per rintracciare un livello di continuità, più che una rottura, tra l’oscenità e il divertimento. I due toni si disinnescano e si innescano a vicenda e spiegano la seconda parte del film, troppo spesso bollata come una bizzarria grottesca tirata via e costruita per scioccare lo spettatore. John ed Estelle Collingwood, sono la famiglia middle-class americana modellata sul linguaggio della comunicazione catodica. Il loro rifiuto assoluto del contrasto tra comunicazione di regime e controculture viene rivelato dal riverbero di violenza rappresentato dalla banda di Krug, immagine senza ritorno di un disagio negato, soppresso, nascosto sotto l’immagine del benessere.  Al rifiuto della rivoluzione da parte dei Collingwood non si contrappone, ma si integra la reazione degenerata di Krug e compagni, in una rappresentazione impietosa della violenza che si annida ovunque, in ogni strato della società. Craven, in questo senso, realizza un’opera senza compromessi riproducendo icone culturali che si cannibalizzano a vicenda, quarant’anni prima di Once Upon a Time in Hollywood di Quentin Tarantino. Il lanciafiamme di Di Caprio e Ethel che strappa il cazzo di Weasel a morsi, mentre John fa a pezzi Krug con una motosega. Non c’è sollievo, ma uno scontro sociale e generazionale senza alcuna conciliazione, che innesca la stagione dell’horror politico moderno, mai più così esplicito e senza controllo. 

L’ultima casa a sinistra di Wes Craven – i contenuti extra dell’edizione doppio Blu Ray Midnight Classics

L’edizione Midnight Classics include una versione restaurata e desunta dal 35 mm posseduto dallo stesso Sean S. Cunningham, l’allora produttore del film e futuro regista di Venerdi 13. Sui negativi è stata effettuata una nuova scansione 2k, mentre la fonte MGM è quella utilizzata per la versione “Krug & Company” inclusa nel secondo disco del cofanetto e relativa alla versione censurata per il mercato britannico. Ottimo il risultato, immagine sporca e vicina all’effetto lurido dell’originale, una pulizia formale ulteriore avrebbe sicuramente tradito lo spirito originario del film e della fotografia curata da Victor Hurwitz.

I contenuti extra del cofanetto Midnight Classics di “The Last House on the left” come al solito sono moltissimi e contribuiscono a creare una documentazione essenziale per approfondire tutti gli aspetti interpretativi e creativi del film. 

  • Introduzione con Wes Craven è un’intervista di archivio della durata di 15 minuti.
  • Scena Eliminata: La morte di Mari al Lago è un’espansione di uno dei momenti più intensi del film.
  • Galleria del materiale grafico e Galleria Fotografica sono due gallerie di immagini con foto sul set, grafica, artwork e storyboard.
  • Sangue e Budella: Quattro chiacchere con Anne Paul è un’intervista realizzata nel 2008 con la make up artist Anne Paul sugli effetti e i trucchi utilizzati per il film.
  • La Storia di Junior: Intervista a Marc Sheffler è un’intervista di 15 minuti all’attore che interpreta Stillo nel film di Craven.
  • Ancora in Piedi: L’eredità de L’ultima Casa a Sinistra è un’altra intervista a Craven della durata di 12 minuti, dove racconta come e perché il film ha resistito bene a più di quarant’anni di vita.
  • Q&A Con Marc Sheffler è un’intervista al solito Sheffler durante una presentazione in sala del film, per la precisione lo screening presso l’American Cinematheque di Los Angeles del Luglio 2017.
  • Making Of è il making del film, con sequenze girate sul set e featurette per la durata di 29 minuti complessivi.
  • Dietro le quinte sono circa cinquanta minuti di outtakes e giornalieri, filmati per lo più dal filmmaker Roy Frumkes.
  • Filmati proibiti sono otto minuti di featurette sugli aspetti e gli effetti più gore del film.
  • Il tocco di Craven è un’intervista di 17 minuti alle persone che hanno collaborato con il regista americano sul set del film, sono inclusi contributi di Sean S. Cunningham, il compositore Charles Bernstein, il produttore Peter Locke, il direttore della fotografia Mark Irwin, l’attrice Amanda Wyss.
  • Conclude la ricca dotazione extra il trailer del film, gli spot televisivi e quelli radiofonici.

L’ultima Casa a Sinistra di Wes Craven – L’edizione Midnight Classics, la confezione

Come avete potuto vedere dal nostro video unboxing, l’edizione Midnight Classics de “L’ultima casa a Sinistra” è un bel digibook cartonato che contiene due Blu Ray con l’edizione integrale “uncut” del film e con quella “Krug & Company” censurata e destinata al mercato inglese . La dotazione extra, descritta nel paragrafo precedente è per oltre due ore complessive di materiale. Presente un booklet illustrato dettagliatissimo con foto dal set e un saggio con alcuni statement degli autori, oltre ad una cartolina da collezione che riproduce l’artwork originale del film.

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015