mercoledì, Dicembre 2, 2020

Polytechnique di Denis Villeneuve, a Dicembre in Blu Ray grazie a BFI

Polytechnique, l'intenso film di Denis Villeneuve ispirato al tragico massacro di Montreal, arriva finalmente in Blu Ray grazie a BFI

La drammatizzazione dei tragici eventi di Montreal che portarono al massacro del politecnico, documentati attraverso la testimonianza di due studenti e dello stesso assassino. Diretto dal regista Canadese Denis Villeneuve e girato in un bianco e nero contrastato con la fotografia di Pierre Gill, Polytechnique è uno dei film più intensi del regista Canadese. 

Il Blu Ray, pubblicato da BFI, include una serie di interessanti contenuti speciali, tra cui due versioni dello stesso film (quella in lingua francese e quella in lingua inglese). Il documentario di 52 realizzato nel 2019 e intitolato “Polytechnique: Ce qu’il reste du 6 decembre”, realizzato per la trentesima commemorazione del massacro di Montreal e diretto da Judith Plamondon. Un documento eccezionale che da voce ai sopravvissuti e ai testimoni dell’evento, narrato da Karine Vanasse, attrice e co-produttrice del film di Villeneuve. 

Nelle prime copie stampate un booklet illustrato con una introduzione scritta da Villeneuve, testimonianze di Karine Vanasse e un saggio sul film scritto da Jessica Kiang oltre ad una retrospettiva critica sulla carriera di Villeneuve scritta da Justine Smith

 

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015