mercoledì, Gennaio 20, 2021

Le premier venu – di Jacques Doillon – Berlino 58 – Forum

premiervenu.jpgProfonda provincia francese, sole, vento, primavera. Immagini semplici come un bicchier d’acqua, e un cielo che è sempre più bianco. Jacques Doillon ci scaraventa in medias res, nel bel mezzo del dialogo serrato & surreale tra una ragazza di buona famiglia (Clémentine Beaugrand) e una sorta di Bobby Peru in miniatura (François Damiens). I due si sono incontrati poco prima e hanno fatto l’amore. Non si conoscevano. Lui è davvero il primo venuto ma lei non si vuole rassegnare, dogmaticamente caparbia come i molestatori della protagonista di Arumdabda. Nonostante lui, Costa, abbia moglie e figlia – che non vede mai. Nonostante lui la respinga. Nonostante lui sia davvero uno qualunque, una mezza calzetta di provincia. Di lì a poco, nel quadro entrano un poliziotto perennemente in borghese che s’innamora della ragazza (siamo ancora dalle parti di Arumdabda…) e un losco agente immobiliare.

doillon2.jpgGiunto al suo ventisettesimo film in ventisei anni, Doillon dota Le premier venu di un incipit fulminante e di un chiacchiericcio che insieme all’estrema quotidianità dell’insieme, ricorda il Rohmer più marino e rilassato. Con la differenza sostanziale che le chiacchiere del film di Doillon, dopo qualche decina di minuti, non portano da nessuna parte. Parallelamente, la trama comincia a incapricciarsi e quando Costa estrae una pistola, lo smarrimento è totale. Molto “francese”, tutto ciò: una narrazione in forma di balade, che vaga tra i luoghi e i personaggi come una foglia mossa dal vento e a volte si ferma, come lo sguardo della ragazza fisso su Costa. Lui le dice basta, smetti, arrossisco. Niente. Lei lo guarda.

doillon3.jpgDoillon è quello che si dice un autore di nicchia. Esperto nel raccontare storie di estremi che si attraggono – e Le premier venu non si discosta da questa etichetta – il regista ha fatto parlare di sé per la violenza de La pirate (1984), con la sua compagna di allora Jane Birkin, per Petit criminel (1990: titolo programmatico, nonché esordio di Damiens), per Le jeune Werther (1992) e Ponette (1996), che portò la Coppa Volpi nelle manine della sua protagonista Victoire Thivisol, anni quattro. Anche in Just anybody (questo il titolo internazionale) troviamo una piccola attrice, che duetta con François Damiens in una delle scene più azzeccate. Il film ruota tuttavia attorno alla quieta volubilità di Camille, la protagonista femminile, alle movenze da piccolo criminale di Costa, al ping pong dei dialoghi e allo sviluppo quasi “rizomatico” della situazioni, a volte piacevoli e bizzarre, spesso semplicemente verbose. Se la prima ora di pellicola regge, la seconda diventa un’agonia. Sfrondato di quaranta minuti, Le premier venu sarebbe un bel film. Così com’è, è destinato a prosciugare anche le pazienze più sante. Doillon ha girato la pellicola con pochi mezzi e vi ha innestato, come unico commento sonoro, un concerto per piano di Debussy. Impagabili i titoli di testa in Comic sans.

Simone Buttazzi
Simone Buttazzi è nato a Bologna nel 1976 e ora vive in Germania. Si è laureato con una tesi sull’immagine-pulsione di Gilles Deleuze e le sue occorrenze cinematografiche. Dal 2002 lavora in campo editoriale come traduttore (dall’inglese e dal tedesco), redattore e consulente. In rete, oltre che su Indie-eye Network scrive per numerose testate di Cinema e Letteratura.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Montelupo Fiorentino Film Festival 2020, fino al 14 Febbraio su Tele Iride

Mentre è già pronto il bando per l'edizione 2021, quella 2020 del Montelupo Film Festival è in onda fino a Febbraio sull'emittente mugellana Tele Iride. Una scelta interessante, legata all'evento unico del broadcasting. Ce ne parla il fondatore del festival Lorenzo Ciani

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015