mercoledì, Settembre 30, 2020

The Danish Girl di Tom Hooper in concorso a Venezia 72 – la conferenza stampa

The Danish Girl è un film tratto da un libro “La danese” di David Ebershoff  entrambi raccontano le vicende artistiche e sentimentali Lili Elbe e Gerda Wegener. La vita della coppia viene stravolta dalla decisione di Lili di cambiare sesso diventando di fatto uno dei primi casi al mondo.

Tom Hooper racconta la genesi del personaggio di Lili.

“Il punto non era mostrare una nuova identità ma la vera identità. Sin dall’inizio nelle discussioni tra me ed Eddie si è cercato di lavorare per far scoprire questa femminilità latente questa identità dentro se stesso. Quando non c’è accettazione si nega a se stesso il proprio essere, Lili in questo senso ha combattuto per amore di se stessa e degli altri”.

Qual’è il messaggio principale nel suo film?

“Il messaggio principale è la bellezza dell’amore che si esprime attraverso l’arte. L’arte prima o poi salverà il mondo. Con l’energia con cui Lili  lotta contro una società che non le permette di esprimere se stessa e la sua arte. Lei rende possibile attraverso la sua compagna una scelta di vita coraggiosa che ha aperto la strada a tutte le persone che si sentono sessualmente prigioniere del proprio corpo e condannate alla diversità”.

Perché ha scelto un attore uomo come Eddie Redmayne e non un attore gender?

“Attualmente gli attori gender hanno un accesso limitato al cinema. Mi piacerebbe che ci fossero più attori gender e transessuali. Ho scelto Eddie perché ha già fatto parti con elementi femminili nel passato e l’ho trovato molto adatto”.

E’ lo stesso Eddie Redmayne a raccontare la genesi del personaggio..

“Ho cercato di parlare con diverse generazioni di gender. La storia è ambientata in un momento storico in cui non esistono esperienze precedenti. In ogni caso tanti mi hanno parlato con entusiasmo di come per loro l’esempio di Lili sia stato fondamentale per aprire la strada ad un argomento sino ad allora considerato un tabù”.

The Danish Girl di Tom Hooper – Regno Unito, Usa, 120’
Interpreti: Eddie Redmayne, Alicia Vikander, Amber Heard, Sebastian Koch, Ben Whishaw, Matthias Schoenaerts

 

Alessandro Allori
Alessandro Allori
Dal 2003, anno della sua Laurea in Scienze Politiche Alessandro Allori si è dedicato dedicato al campo della comunicazione, del marketing e del giornalismo. Ha collaborato con numerosi settimanali e si occupa di maketing e contenuti redazionali per alcune agenzie di comunicazione.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015