mercoledì, Settembre 30, 2020

Araf – Somewhere in Between di Yesim Ustaoglu – Middle East Now! 2016

Questa “ via di mezzo” (Araf – Somewhere in Between) di Yesim Ustaoglu  è l’anello debole di una filmografia altrimenti eccellente, capace di focalizzare immedicabili lacerazioni del corpo sociale raccontando storie minime e smarrimenti circoscritti in mondi individuali.
Si avverte, in  Araf,  un preziosismo stilistico  che stride con la grana grossa della storia raccontata. C’è una sorta di eccesso, una ricerca  di effetto che non giova al racconto di vite ai margini come quelle dei tre protagonisti.  L’attenzione al tema della discriminazione sulla donna, il gelo della disfatta di entrambe le parti, uomo/donna, nel conflitto sessuale, lo sguardo sul gap sempre più alienante tra modernizzazione e tradizione, lo scontro  generazionale che ne consegue e, infine, lo scivolamento sul terreno del “futuro negato”, con un matrimonio celebrato dentro un carcere che fa molto finto “lieto fine”, sono tematiche troppo forti per coesistere in uno stesso film, il rischio dell’overdose è incombente.

Va comunque sottolineato il merito di una messa in scena accurata, che ottiene empatia più che nello scavo sui personaggi, piuttosto esiguo, nelle riprese in esterno, scenari su cui si proietta una geometria delle passioni inversamente proporzionale. E allora scorrono colate di metallo fuso quando invece il gelo si è steso sull’anima, le autostrade sono spazzate da folate di neve mentre nei cuori ribolle il fuoco del desiderio, marine grigio piombo per un incontro fra i due protagonisti che dovrebbe tingersi di rosa.

Nessuno parla, l’unica battuta in tutto il film la dirà lei: “Portami via con te”, ma naturalmente lui non lo farà e il suo camion che scompare nella bruma è l’ultima cosa che sapremo di lui.
La storia di Zehra (Neslihan Atagül) e Olgun (Baris Hacihan) è un topos conclamato della narrativa mondiale, una storia antica di seduzione e abbandono che si rinnova di stagione in stagione, adottando look diversi e identica amarezza.
Lavoro umile in fast food da male ai piedi la sera, sogni davanti alla TV, la dura realtà che si affaccia sotto mentite spoglie, Zehra ricorda Biancaneve, tanto è bella, innocente e sprovveduta.
Ma al posto del principe azzurro arriva però l’Orco, un camionista bello e impossibile che la corteggia “avvolgendola di sguardi”, le fa intorno una danza erotica di cui il povero Olgun (Baris Hacihan), collega innamorato di Zehra da sempre, un tipo da disco music e cavallo basso dei pantaloni, non può reggere il confronto.
L’equazione a questo punto è fatta e ci scappa il pupo. Un aborto spontaneo ripreso in diretta, con abbondanza di versamento sanguigno che la protagonista si affretta a pulire dopo l’autotaglio del cordone ombelicale, spinge il film verso una deriva imbarazzante, resa ancora più incredibile dalla madre di lei che non si fa problemi nel constatare la lunga assenza della figlia, portata in ospedale e chiusa in bagno in preda a forti dolori addominali. La donna se ne sta fuori dalla porta e aspetta tranquilla.
Il resto è storia nota che purtroppo favola non è, ma che si può anche raccontare in un film, a patto di trovare il registro giusto.

Paola Di Giuseppe
Paola Di Giuseppe
Paola di Giuseppe ha compiuto studi classici e si occupa di cinema scrivendo per questo e altri siti on line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015