Indie-eye – Cinema – Testata giornalistica di Cinema

Dare voce agli oppressi è il fil rouge che lega le opere della sezione Generation della Berlinale 2019. Quasi tutti i film dell'ampia selezione sono concentrati sulle difficili sfide che i giovani devono affrontare, soprattutto in quei contesti dove l'oppressione arriva proprio dal mondo degli adulti. Tutti i dettagli 

Di

Generation è una delle sezioni più interessanti e ricche della Berlinale. Tradizionalmente legata a temi e stimoli che riguardano le nuove generazioni, raccoglie opere assolutamente adulte che si concentrano sul rapporto tra politica, società e gioventù. Sono 62 i film dell’edizione 2019 tra cortometraggi e lungometraggi e saranno presentati nelle sottosezioni denominate Generation Kplus e Generation 14plus. Dare voce agli oppressi è il fil rouge che lega le opere di quest’anno, quasi tutte concentrate sulle difficili sfide che i giovani devono affrontare, soprattutto in quei contesti dove l’oppressione arriva proprio dal mondo degli adulti.
Nata da una costola del Children’s Film Festival, a partire dal 2007 la sezione Generation si è totalmente rinnovata per contenuti e finalità proprio all’interno della Berlinale. Curata da Maryanne Redpath, la sezione include cinema documentario, quest’anno rappresentato da ben tredici opere; cortometraggi, 32 per l’edizione 2019 provenienti da 21 diversi paesi; e ovviamente numerosi lungometraggi.

I film di apertura di quest’anno sono il debutto del regista giapponese Makoto Nagahisa intitolato “We Are Little Zombies”, che aprirà Generation 14Plus presso Haus der Kulturen der Welt a Berlino Ovest, e “Cleo” del berlinese Erik Schmitt, scelto per aprire la sezione Generation Kplus

Tutti i film della sezione Generation 14plus

  • By the Name of Tania
    Belgio / Paesi Bassi
    di Bénédicte Liénard, Mary Jiménez
    Prima Mondiale, doc.
  • Espero tua (re)volta (Your Turn)
    Brasile
    di Eliza Capai
    Prima Mondiale, doc.
  • The Magic Life of V
    Finlandia / Danimarca / Bulgaria
    di Tonislav Hristov
    Premiere Europea, Doc
  • The Red Phallus
    Bhutan / Germania / Nepal
    di Tashi Gyeltshen
    Premiere Europea, film di Debutto
  • Rekonstruktion Utøya (Reconstructing Utøya)
    Svezia / Norvegia / Danimarca
    di Carl Javér
    Premiere internazionale, Doc
  • Ringside
    Germania / USA
    di André Hörmann
    Premiere Mondiale, DOC
  • Shao nian de ni (Better Days)
    Hong Kong / Repubblica Popolare cinese
    di Derek Kwok-Cheung Tsang
    Prima Mondiale
  • Beol-sae (House of Hummingbird)
    Corea
    di Bo-ra Kim
    Opera Prima, Premiere Europea
  • The Body Remembers When the World Broke Open
    Canada / Norvegia
    Di Elle-Máijá Tailfeathers, Kathleen Hepburn 
    Premiere Mondiale
  • Bulbul Can Sing
    India
    di Rima Das
    Premiere Europea
  • Goldie
    USA
    di Sam de Jong 
    Premiere Mondiale
  • Guo chun tian (The Crossing)
    Cina
    di Bai Xue, film d’esordio
    Premiere Europea
  • Hölmö nuori sydän (Stupid Young Heart)
    Finlandia / Paesi Bassi / Svezia
    Di Selma Vilhunen
    Premiere Europea
  • Knives and Skin
    USA
    di Jennifer Reeder
    Premiere Mondiale
  • We Are Little Zombies
    Giappone
    Di Makoto Nagahisa
    Film di Debutto
    Premiere Europea

CORTOMETRAGGI GENERATION 14PLUS

  • Cocodrilo (Crocodile), Spagna – Di Jorge Yúdice — WP
  • Four Quartets, GB di Marco Alessi — EP
  • Hush, Nuova Zelanda di Armağan Ballantyne — WP
  • Kids, Svizzera / Francia, di Michael Frei — WP
  • Leaking Life, Giappone, di Shunsaku Hayashi — WP
  • Les petites vagues (Little Waves), Canada di Ariane Louis-Seize — IP
  • Liberty, USA, di Faren Humes — IP
  • Los rugidos que alejan la tormenta (The Roar That Keeps the Storm Away), Argentina, di Santiago Reale, DOC — WP
  • Mientras las olas (Meanwhile the Waves), Argentina, di Delfina Gavaldá, Carmen Rivoira — EP
  • Mosul 980, USA, di Ali Mohammed Saeed — WP
  • Paula sans lui (About Love), France, di Maéva Berol — WP
  • Soeurs Jarariju (The Sisters Jarariju), Switzerland, di Jorge Cadena — IP
  • Story, Poland, di Jola Bańkowska — WP
  • Tattoo, Iran, di Farhad Delaram — WP
  • Tigre, France, di Delphine Deloget — IP
  • Yulia & Juliet, Netherlands, di Zara Dwinger — IP

Tutti i film della sezione Generation Kplus

  • 2040
    Australia
    di Damon Gameau
    WP Doc
    Fuori Concorso
  • Cleo
    Germania
    di Erik Schmitt
    WP -Film di Debutto
  • Driveways
    USA
    di Andrew Ahn
    WP
  • Kokdu: A Story of Guardian Angels
    Corea
    di Kim Tae Yong
    EP
  • Månelyst i Flåklypa (Louis & Luca – Mission to the Moon)
    Norvegia
    di Rasmus A. Sivertsen
    IP
  • Sune vs Sune
    Svezia / Danimarca
    di Jon Holmberg
    IP – Film di Debutto
  • Where We Belong
    Svizzera
    di Jacqueline Zünd
    WP -Doc
  • Anbessa
    USA / Italia
    di Mo Scarpelli
    Doc – WP
  • Baracoa
    Svizzera / USA / Spagna
    di Pablo Briones and The Moving Picture Boys
    doc — WP
  • Daniel fait face (Daniel)
    Francia di Marine Atlan
    Film di Debutto – IP
  • Di yi ci de li bie (A First Farewell)
    Cina
    di Wang Lina
    Film di debutto EP
  • Kinder
    Germania
    di Nina Wesemann
    doc – WP
  • Lotte ja kadunud lohed (Lotte and the Lost Dragons)
    Estonia / Lituania
    di Janno Põldma, Heiki Ernits
    IP
  • Mijn bijzonder rare week met Tess (My Extraordinary Summer with Tess)
    Olanda / Germania
    di Steven Wouterlood
    film di debutto – WP
  • Une colonie (A Colony)
    Canada
    di Geneviève Dulude-De Celles
    film di debutto – IP

 

CORTOMETRAGGI GENERATION KPLUS

  • Ani, Nuova zelanda, di Josephine Stewart-Te Whiu — WP
  • Armed Lullaby, Germania, di Yana Ugrekhelidze — WP
  • City Plaza Hotel, Francia / Germania / Cile, di Anna Paula Hönig, Violeta Paus, documental form — IP
  • Dian jiao jian (Tiptoe), Taiwan, di I-Ju Lin — WP
  • El tamaño de las cosas (The Size of Things), Colombia, di Carlos Felipe Montoya — WP
  • Juste moi et toi (Just Me and You), Canada, di Sandrine Brodeur-Desrosiers — WP
  • Le dernier jour d’automne (The Last Day of Autumn), Svizzera / Belgio / Francia, di Marjolaine Perreten — WP
  • Los ausentes (The Absents), Messico, di José Lomas Hervert, fuori concorso — EP
  • Magralen, Iran / Canada, di  Maryam Zarei — WP
  • Nest, Germany, di Sonja Rohleder — WP
  • Oh Corbeau! Oh Corbeau! (Oh Crow! Oh Crow!), Canada, di Pierre Garcia-Rennes — WP
  • Pappa (Dad), Norway, di Atle S. Blakseth, Einar Dunsæd — WP
  • #pestverhaal (#bullyingstory), Olanda, di Eef Hilgers, doc — IP
  • Šarkan (The Kite), Slovenia / Repubblica Ceca, di Martin Smatana — WP
  • She-Pack, Norvegia, di Fanny Ovesen — IP
  • Zibilla, Svizzera / Belgio, di Isabelle Favez, fuori concorso — WP


 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi