Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Il premio Berlinale Camera 2020 viene assegnato ad uno dei nomi più importanti del cinema tedesco degli anni settanta: Ulrike Ottinger. 

Di

Ulrike Ottinger sarà premiata con la Berlinale Camera. La direttrice esecutiva Mariette Rissenbeek e il direttore artistico Carlo Chatrian assegnano il premio a Ulrike Ottinger: “Attraverso Berlinale Camera, celebriamo artisti il ​​cui lavoro ha sempre mantenuto uno stretto rapporto tra i soggetti che compongono il cinema e l’atto del” cinema “stesso. Alla luce di ciò, Ulrike Ottinger è la destinataria ideale di un premio che porta la parola “macchina fotografica”. Come pittrice, fotografa, artista a tutto tondo, ha sempre considerato il cinema come una forma d’arte creata e realizzata incontrando altre persone, oggetti, libri, storie, luoghi, ambientazioni in cui la realtà si fa sentire. Il suo ultimo film Paris Calligrammes è una bellissima autobiografia e un affascinante viaggio nel tempo. ”

Ulrike Ottinger è uno dei nomi più importanti del cinema tedesco e internazionale degli anni settanta. I suoi film sono stati proiettati in numerosi festival internazionali e hanno ricevuto vari riconoscimenti, tra cui la Cinémathèque française di Parigi e il Museum of Modern Art di New York. Il lavoro cinematografico di Ottinger comprende 25 cortometraggi, documentari e lungometraggi. Le è stato assegnato il Deutsche Filmpreis (Federal Film Prize) e ha ricevuto ripetutamente il German Film Critics Award. Nel 2011, il premio Hannah Höch della città di Berlino le è stato conferito per un’eccezionale opera artistica. Ciò comprende non solo film, ma anche regia teatrale, pittura e fotografia. Il suo lavoro artistico è stato esposto alla Biennale di Venezia e alla Biennale di Berlino.