mercoledì, Dicembre 2, 2020

Ciakpolska Film Festival: Il cinema polacco gratis online

Il meglio del cinema polacco contemporaneo, da Wajda a Skolimowski, in streaming gratuitamente sulla piattaforma della Cineteca di Milano

Torna dal 10 al 16 novembre 2020 il CiakPolska Film Festival, con il meglio del cinema polacco contemporaneo e in più una sezione speciale di documentari dedicata al tema “Uomo e natura”. Il festival, promosso dall’Istituto Polacco di Roma, giunge quest’anno alla sua ottava edizione. Sarà un’edizione speciale, interamente online e con alcuni dei film più belli proiettati in sala nelle edizioni precedenti, compresi i capolavori di maestri del cinema polacco come Jerzy Skolimowski e Andrzej Wajda.

Dal 10 al 16 novembre, sulla piattaforma streaming della Cineteca di Milano (www.cinetecamilano.it), si potranno vedere gratuitamente sette grandi film di una tra le più dinamiche e apprezzate cinematografie europee di oggi.

L’edizione di quest’anno ospiterà inoltre la sezione speciale “Uomo e natura”. Si tratta di una sezione tematica, organizzata in collaborazione con il Krakow Film Festival, con sei documentari acclamati sia per il loro valore artistico che per la capacità di riflettere sulla sempre più urgente questione ambientale, approfondendo con sguardi diversi i molteplici rapporti che l’uomo stabilisce con il mondo che lo circonda.


Calendario:

MARTEDÌ 10 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

11 MINUT (11 minutes / 11 minuti, Polonia-Irlanda 2015, 79’), di Jerzy Skolimowski

MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

OSTATNIA RODZINA (The Last Family, 122’, PL 2016), di Jan P. Matuszyński

GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

KSIĄŻĘ I DYBUK (The Prince and the Dybbuk, Polonia-Germania 2017, 82’), di Elwira Niewiera e Piotr Rosołowski

VENERDÌ 13 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

GRUBA KAŚKA (Fat Kathy, Polonia 2019, 14’), di Julia Pełka

SYNDROM ZIMOWNIKÓW (The Antartic Syndrom, Polonia 2019, 73’), di Piotr Jaworski

DEMON (Polonia-Israela 2015, 90’), di Marcin Wrona

SABATO 14 NOVEMBRE

DALLE ORE 18.00

HARDA (The Tough, Polonia 2019, 14’), di Marcin Polar

WIATR. THRILLER DOKUMENTALNY (The Wind. A Documentary Thriller, Polonia-Slovacchia 2019, 75’) di Michał Bielawski

DALLE ORE 21.00

POWIDOKI (Afterimages / Il ritratto negato, Polonia 2016, 100’), di Andrzej Wajda

DOMENICA 15 NOVEMBRE

DALLE ORE 18.00

POŁĄCZĘNI (Connected, Polonia 2018, 18’), di Aleksandra Maciejczyk

TAMA (Damn, Polonia 2018, 22’), di Natalia Koniarz

DALLE ORE 21.00

BODY/CIAŁO (Body / Corpi, Polonia 2015, 89’), di Małgorzata Szumowska

LUNEDì 16 NOVEMBRE

DALLE ORE 21.00

RÓŻA (Rose, Polonia 2011, 94’), di Wojciech Smarzowski

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015