mercoledì, Dicembre 2, 2020

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Un’edizione completamente segnata dal nuovo Dcpm del 18 ottobre, la quindicesima della Festa del Cinema di Roma. Nessuna possibilità di accedere al red carpet da parte del pubblico, che potrà comunque assistere dalle gradinate situate alle spalle della cavea, prenotando un posto. Gli stessi giornalisti e addetti ai lavori sono collocati lungo il red carpet in una postazione apposita, sottoposta alle regole di distanziamento vigenti.

Ci si chiede a cosa e a chi serva continuare a “sfilare”, in un momento come questo, dove la re-invenzione dei grandi eventi sarà necessaria anche e soprattutto post-covid.

Gli spettacoli cinematografici, i concerti e gli eventi teatrali, sono quelli potenzialmente più controllabili, a partire dai processi telematici di bigliettazione, nonostante questo, con l’ultimo decreto si è deciso per un numero standard di 200 persone al chiuso e 1.000 all’aperto. Mentre la Sala Petrassi può accogliere fino a 196 persone, la Sinopoli arriva fino a 424, perdendo quindi 224 posti, in base alle regole del decreto.


Il distanziamento di un metro in sala viene garantito dal blocco effettivo dei posti non disponibili, con un sistema che va oltre il normale cartello di avviso.
La prenotazione avviene attraverso APP ufficiale oppure attraverso il sito della Festa del Cinema.
Gli addetti di sala provvederanno a vigilare e controllare la situazione in sala, per preservare le condizioni si sicurezza minime, con possibile intervento sui presenti, in caso di comportamenti sbagliati, tra cui mancato rispetto del distanziamento e l’uso errato della mascherina, non conforme alle norme di protezione vigenti.


La Festa del Cinema di Roma, esattamente come la Mostra del Cinema di Venezia, in controtendenza con i maggiori festival internazionali, ha deciso di non optare per la forma diffusa. Non offre quindi la possibilità di fruire alcuni titoli su piattaforme online dedicate.
Anche per la stampa, niente piattaforme. A questo proposito, l’ultimo Festival di Toronto ha approntato uno strumento online per consentire ai soli giornalisti di svolgere il proprio lavoro in sicurezza, così da garantire un maggior numero di posti per il pubblico e un servizio di documentazione, analisi e promozione dell’evento, più capillare ed efficiente.

Spostarsi e raggiungere la Festa del Cinema di Roma con i mezzi pubblici è con molta probabilità più rischioso dell’ingresso in sala. Nessun controllo per evitare affollamento su Metro e Autobus, servizio non potenziato, assembramenti pericolosi sui veicoli durante le ore di punta, capienza che supera l’80 per cento consentito, cinquanta per cento delle scale mobili fuori uso, con conseguente spostamento degli assembramenti all’interno dei corridoi di collegamento.

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015