Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Franco Maresco, Letizia Battaglia e le foto sulle guerre di Mafia. A Venezia 76 

Di

Nel 2017, a 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, Franco Maresco decide di realizzare un nuovo film. Per farlo, trova impulso in un suo recente lavoro dedicato a Letizia Battaglia, la fotografa ottantenne che con i suoi scatti ha raccontato le guerre di mafia, definita dal New York Times una delle “undici donne che hanno segnato il nostro tempo”.

A Letizia, Maresco sente il bisogno di affiancare una figura proveniente dall’altra parte della barricata: Ciccio Mira, già protagonista nel 2014 di Belluscone. Una storia siciliana. “Mitico” organizzatore di feste di piazza, nei pochi anni che separano i due film Mira sembra cambiato, forse cerca un riscatto, come uomo e come manager, al punto da organizzare un singolare evento allo Zen di Palermo, “I neomelodici per Falcone e Borsellino”. Eppure le sue parole tradiscono ancora una certa nostalgia per “la mafia di una volta”.

Intanto, visitando le celebrazioni dei martiri dell’antimafia, il disincanto di Maresco si confronta con la passione di Battaglia.

La Mafia non è più quella di una volta è una produzione Ila Palma, Dream Film e Tramp Land. Distribuzione italiana a cura di Istituto Luce Cinecittà.
Diretto da Franco Maresco e scritto insieme a Claudia Uzzo, il film si avvale della direzione della fotografia di Tommaso Lusena De Sarmiento.