sabato, Settembre 26, 2020

Lucca Film Festival 2017 – Sea Factory di Pim Zwier: Concorso Cortometraggi

Ad una prima lettura, il film dell’olandese Pim Zwier, si configura come un omaggio ai primi esperimenti fotografici ideati dal russo Sergey Prokudin-Gorsky, sullo sfondo della città-fortezza di Kronstadt. Per Zwier il centro nevralgico della città rappresentato dalla cattedrale di San Nicola, coincide con il rilancio di una zona originariamente chiusa entro la sua funzione militare. Quali tracce sono rimaste? si chiede Zwier nel confrontare la storia politica e sociale della città, con la nuova destinazione turistica.

Dalle tecniche di Prokudin-Gorsky, Zwier recupera gli esperimenti tricromatici basati sullo spazio di colore additivo RGB, rendendone quindi evidente il processo di scomposizione e la separazione degli elementi.

Passanti, corpi in movimento, macchine e diverse versioni dello stesso paesaggio emergono come tracce fantasmatiche a cui affida l’una o l’altra dominante di colore.

L’omaggio diventa allora una riflessione sulla memoria storica, molto simile ad un precedente lavoro del regista olandese, intitolato “Three Dimensions of Time“, dove con la stessa tripartizione dello spazio-colore si passava da un’immagine completa agli elementi costitutivi della stessa, per indicare la persistenza di alcune tracce nel tempo, attraverso la definizione di uno spazio colorimetrico.

Sea Factory, presentato al Lucca Film Festival nella sezione corti curata da Rachele Pollastrini, ha una qualità squisitamente contemplativa come tutto il cinema di Zwier, curatore di mostre e artista visuale.  In questo caso è il suono ad aggiungere una qualità specifica alla stratificazione dell’immagine; lo sciabordio dell’acqua emerge come un ventre che apre e chiude la serie di quadri paesaggistici, dove la tricromia trova finalmente la sua dimensione irriducibile e a-temporale.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

ECONTENT AWARD 2015