mercoledì, Settembre 30, 2020

XIX TOHorror Film Fest, dal 22 ottobre, anteprime italiane sotto il segno dell’Horror

La XIX edizione del TOHorror Film fest si apre il prossimo 22 ottobre con l’anteprima italiana del nuovo film di Tetsuya Nakashima (“Confessions”, “Memories of Matsuko”), l’atipico horror intitolato “It Comes” previsto alle 20,45 in sala Rondolino. Uno dei più longevi festival italiani a tema fantastico e mistero, presenta un programma ricchissimo di ben 16 lungometraggi divisi in tre categorie: concorso, fuori concorso e documentari. Sono invece 36 i corti in concorso.
“Il viaggio del TOHff di quest’anno scivola tra credenze e timori, dalla figura dello scienziato pazzo a quella del salvatore- dice Massimiliano Supporta, direttore del festival – passando per taumaturgi, guaritori e cerusici. Tra psicopatologie sessuali e tavoli settori, tra epidemie digitali e autopsie aliene, tra medicine e veleni. Con uno sguardo che attraverserà passato, presente e futuro, cogliendo nelle opere di finzione le riflessioni da applicare al reale, come una amara ma imprescindibile medicina. Il dottore è qui: respirate a fondo, chiudete gli occhi e lasciatevi andare…”

Altri titoli in programma: “Why Don’t You Just Die!”, il coreano “The Odd Family”, il filippino “Kuwaresma – The Entity”, “The Invisible Mother” film statunitense che ci farà sprofondare in una sbalorditiva girandola surrealista di effetti speciali artigianali. “The Furies” dall’Australia ci riporterà allo slasher sanamente grandguignol dei bei tempi. “Tous les Dieux du Ciel” è invece un fanta-horror francese che viaggia in bilico fra alieni e squilibri mentali.

Fuori concorso e direttamente dal Sundance “Knives and Skin ”, consigliatissimo ai fan di “Twin Peaks” e “Donnie Darko”; “Perfect” – incredibile mix di videoarte, videoclip e fanta-
scienza prodotto da Steven Soderbergh (“Ocean’s Eleven”, “Panama Papers”) con la colonna sonora capolavoro di Flying Lotus.
Il festival festeggia anche il 40ennio di Alien con la proiezione del capolavoro di Scott in 35 mm.
Sezione non competitiva per la prima volta dedicata ai documentari che comprende “Hail Satan?” (USA, 2019, 94′), diretto da Penny Lane e acclamato al Sundance Film Festival 2019, testimonianza diretta della fondazione e dell’ascesa del Tempio di Satana, una lucida, precisa, spietata riflessione sul potere, un’opera capace di ribaltare la comune definizione di “satanismo” e sollevare importanti questioni morali mettendo a fuoco le contraddizioni della politica Americana. Altri doc da non perdere: l’analisi sociale di “Horror Noire”, che racconta l’evoluzione del ruolo degli afroamericani nel cinema horror-fantastico, e due film dedicati a figure imprescindibili del cinema di genere italiano, Michele Soavi (“Aquarius Visionarius”) e Lamberto Bava (“Bava Puzzle”).

PROGRAMMA

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015