mercoledì, Dicembre 2, 2020

Scrivere sceneggiature. Dal grande al piccolo schermo. Dal 26 novembre il volume di Cristina Borsatti

Esce il 26 novembre il volume di Cristina Borsacchi sull'arte di scrivere sceneggiature per il vasto panorama delle piattaforme VOD. Strumento essenziale per affrontare un nuovo modo di concepire le storie

L’ormai vastissimo e consolidato panorama delle serie VOD veicolate da piattaforme on demand sul modello di Netflix ci dice una cosa importante: le storie sono ancora al centro del discorso produttivo e questo apre nuove stimolanti stradi a chi vuole scriverle e a chi vuole occuparsi di sceneggiatura.
Scrivere sceneggiature. Dal grande al piccolo schermo è il secondo volume curato da Cristina Borsatti, sceneggiatrice, giornalista e story editor. Esce il prossimo 26 novembre in formato cartaceo e e-book, ed è uno strumento utilissimo per chi voglia progettare e proporre una fiction televisiva che passi il test di tutte le piattaforme conosciute.
Mondi da estendere e riutilizzare attraverso il sistema dell’adattamento, esaminato in tutte le sue procedure. Ecco che le strutture analizzate sono molteplici: episodiche, corali, non lineari, multilineari, labirintiche, aperte. Mentre il volume “Scrivere per il Cinema e la Televisione” forniva le basi di un mestiere, questo è invece un manuale più ambizioso che approfondisce quei temi in modo più contemporaneo, esaminando la qualità attuale dell’offerta televisiva.

Il volume esce per la Casa Editrice Bibliografica, nella collana Scrivere.

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015