Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

La Yesmoke dei fratelli Messina in aperta sfida alle multinazionali del tabacco, il primo dei viaggi in Italia di Vincent Dieutre, ambientato in Sicilia, la storia punk di Johnny Thunders, un paese fantasma dell'Ogliasta in Sardegna sono solo alcuni dei luoghi e delle storie previste per la giornata di domani al 55° Festival dei Popoli, tra il Cinema Odeon e lo Spazio Alfieri, tutti i dettagli 

Di

Il programma del 29 Novembre al 55° Festival dei Popoli è ricco di appuntamenti, si comincia con uno dei film di punta tra quelli della selezione Italiana; SmoKings è il documentario di Michele Fornasero programmato allo Spazio Alfieri alle ore 21:00, presentato in anteprima italiana è una ricostruzione delle vicende che hanno visto l’ascesa dei fratelli Messina, miliardari per il commercio di sigarette a basso costo via internet. Una sfida aperta ai grandi marchi che non hanno digerito l’avventura commerciale dei due e della loro azienda, la Yesmoke. Fornasero sarà presente in sala per incontrare il pubblico a proiezione ultimata.

Al cinema Odeon si comincia alle 15:30 con  The Term di Pavel Kostomarov, Aleksei Pivovarov e Aleksandr Rastorguev (Russia/Estonia, 2014, 83’), documento sull’opposizione a Putin dopo il suo terzo mandato; dalle proteste agli scontri di piazza e i presidi di resistenza via internet, il film traccia un profilo politico dell’attuale Russia; in sala sarà presente il regista Aleksandr Rastorguev.

Il film successivo è previsto per le  17.15 e si intitola Propaganda (Cile, 2014, 61’), realizzato dal collettivo MAFI, documento sull’imponente campagna di marketing che ha sostenuto le elezioni presidenziali in cile nel 2013. Presente al festival Israel Pimenten, membro del collettivo MAFI

Alle 18.30 Orlando Ferito/Roland Blessé di Vincent Dieutre (Francia, 2013, 121’), primo dei cinque “Viaggi In Italia” che fanno parte dell’omaggio al cineasta francese, curato da Claudia Maci. Orlando Ferito ci porta in Sicilia.

Notte punk a partire dalle 21.15 con l’anteprima nazionale di: Živan Makes a Punk Festival (Serbia, 2014, 61’) di Ognjen Glavonic’ (in concorso internazionale) storia tra il tragico e il comico, che documenta i tentativi di un ragazzo nell’allestire un festival punk nel suo villaggio. Il regista sarà presente al festival.

Alle 22.30 Looking for Johnny di Danny Garcia (Spagna/Gran Bretagna, 2014, 98’). Interviste e immagini inedite dedicate alla storia di Johnny Thunders, chitarrista dei New York Dolls e degli Heartbreakers.

La retrospettiva dedicata a Jos De Putter, che si è inaugurata oggi alle ore 18:00 con la proiezione di “See no evil” prosegue domani alle  15.00 presso Spazio Alfieri  con le proiezioni di Passers-by (Paesi Bassi, 2008, 8’), e It’s Been a Lovely Day (Paesi Bassi, 1993, 70’).

Inoltre alle 17.00 6 Degrees di Bartosz Dombrowski (Polonia, 2014, 81’) , alle 19.00 A Liar’s Autobiography: The Untrue Story of Monty Python’s Graham Chapman di Bill Jones, Jeff Simpson, Ben Timlett (Gran Bretagna, 2012, 85’) autobiografia dell’attore inglese , membro dei Monty Python. Dopo la proiezione di SmoKings di Michele Fornasero alle ore 21:00 alle 23.00 la serata si concluderà con I morti di Alos di Daniele Atzeni (Italia, 2011, 32’), tra cinema documentario e horror sullo sfondo di un villaggio sardo.