Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

In dettaglio i primi film selezionati nella sezione Perspektive Deutsches Kino della Berlinale 64, dedicata al giovane cinema tedesco  

Di

I primi sei film della sezione 2014 dedicata al nuovo cinema tedesco, chiamata Perspektive Deutsches Kino sono quattro film di finzione e due documentari; Linda Söffker, responsabile della sezione ha parlato di una varietà di contenuto e un’attenzione molto precisa all’estetica “cinematica”, quindi nuovi formati, sceneggiature interessanti, film sviluppati nel corso di un viaggio, esplorazioni di “genere”, per offrire un panorama ricco e eclettico del giovane cinema Tedesco.

Lamento, prodotto da Jost Hering e Maxim Juretzka (BuntFilm), è un film diretto da Jöns Jönsson; dopo il premio conseguito nel 2013 2013 “First Steps Award” sarà presentato al pubblico internazionale della Berlinale. Lamento è un film delicato e toccante interpretato da Gunilla Röör, tra colpa e suicidio. Il regista Svedese Jöns Jönsson non è nuovo per la Berlinale, è stato ospitato nella sezione cortometraggi nel 2009 con il suo Havet, il nuovo film si intitola Zeit der Kannibalen e descrive, con punte di sarcasmo ed umorismo nero, l’avanzare dell’economia globale nella sua versione perversa e terribile, il film è interpretato da Devid Striesow, Sebastian Blomberg e Katharina Schüttler. Johannes Naberha vinto nel 2011 il “Max Ophüls Preis” per il suo debutto intitolato Der Albaner, che poi presentò alla Berlinale nel 2011 come ospite del programma Perspektive.

Il terzo lungometraggio si intitola Der Samurai, incubo thriller diretto da Till Kleinert, che aveva già sperimentato il genere con una serie di corti, il film è prodotto da Linus e Anna de Paoli e interpetato da Pit Bukowski e Michel Diercks e sarà presentato nella sezione Perspektive come film di Mezzanotte, proprio per offrirgli una dimensione cult, da late show.

Die Unschuldigen è un film di 36 minuti diretto da Oskar Sulowski (Film Academy Baden-Württemberg), che è stato programmato i primi di dicembre al Grand Off Independent Film Festival a Varsavia, all’interno di Perspektive debutterà come prima Tedesca, è un film raccontato dalla prospettiva di un bimbo di sei anni (Juri Winkler) e della sua relazione con il mondo frammentato degli adulti.

Amma & Appa è il primo documentario all’interno della selezione ad essere stato selezionato, diretto da Franziska Schönenberger parla della pianificazione del suo matrimonio insieme al fidanzato e co-regista Jayakrishnan Subramanian. Pretesto per raccontare il confronto spesso aspro tra il sistema di valori Bavarese e quello Indiano, il tutto con sensibilità e una buona dose di umorismo.

Raumfahrer è un documentario di 40 minuti, che porta la macchina da presa in un bus di trasporto per detenuti, raccontando quindi i pensieri dei passeggeri. Georg Nonnenmacher è il regista, meglio conosciuto come ottimo esperto di illuminazione, è alla sua seconda opera dopo il debutto del 2007 intitolato Spielverderber

Il 16 Febbraio sarà presentato all’interno di Perspektive Deutsches Kino il vincitore di “DFJW Award Dialogue en perspective” e il vincitore del film in concorso che otterrà il premio “Max Ophüls Preis”. Prevista la proiezione del documentario che ha vinto nel 2013 il “First Steps Award”, ovvero Neuland, della regista Anna Thommen.

Il programma completo sarà presentato a metà gennaio.


 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi