mercoledì, Ottobre 21, 2020

Cloro di Lamberto Sanfelice – Berlino 65 – Generation 14

Jenny (Sara Serraiocco) ha diciassette anni e la sua aspirazione principale è quella di diventare una campionessa di nuoto sincronizzato. Costretta a lasciare gli allenamenti e la sua vita ad Ostia in seguito alla morte della madre, si trasferisce in un piccolo paese montano della Maiella dove oltre ad accudire al fratello Fabrizio dovrá affrontare il crollo psicofisico del padre Alfio (Giorgio Colangeli). Mentre aspetta che lo zio, residente in zona, si prenda cura del fratello, Jenny troverà lavoro in un albergo vicino alla baita dove vive;in una condizione di cattività, prigioniera di un paese isolato senza alcun contatto con le sue compagne di squadra se non attraverso i dispositivi connettivi, cercherà di mantenere viva la sua passione, sfruttando la piscina dello stabile nelle ore notturne quando il personale non può scoprirla, ad eccezione del custode (Ivan Franek) un immigrato silenzioso di origini slave che dopo una sospettosa tensione iniziale si avvicinerà alla ragazza avviando una relazione con lei.

Lamberto Sanfelice, nel suo lungometraggio d’esordio rimane incollato a Sara Serraiocco cercando di indagare i gesti e le reazioni emotive della ragazza mentre i dialoghi ridotti al minimo lasciano spazio ad un approccio del tutto istintivo alla recitazione; Cloro è infatti un film che tenta la strada non facile di un cinema ellittico, pensando ai Dardenne e a Ursula Meier e affidandosi a quella scoperta progressiva dell’orizzonte visivo in grado di mettere in discussione il racconto attraverso lo sguardo, grazie ad un impianto che privilegia più di tutto il punto di vista.

E se la relazione attiva con il fuori campo risulta materia difficile per un film che forse un po’ ingenuamente sceglie il pedinamento come prospettiva totalizzante, il rapporto tra sguardo e corpi, nella relazione diretta con Sara, raggiunge momenti di sorprendente intensità, che fanno ben sperare per il futuro.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

ECONTENT AWARD 2015