Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

La Berlinale propone il documentario definitivo su Kurt Cobain diretto da Brett Morgen, tutti i dettagli 

Di

Brett Morgen ci lavora dal 2007 al suo documentario dedicato a Kurt Cobain; Cobain: Montage of Heck arriva alla Berlinale dopo la prima al Sundance nella sezione Panorama Dokumente ed è il nuovo film del documentarista americano dopo Crossfire Hurricane, il documentario realizzato con il materiale d’archivio dei Rolling Stones, per il 50esimo anniversario della band. Montage of Heck è stato realizzato con il beneplacito della famiglia di Cobain, con la figlia Frances Bean che figura come produttore esecutivo e sopratutto potendo contare sull’archivio di famiglia e su moltissimo materiale inedito. Nel film non sono incluse solamente alcune performance inedite dei Nirvana, ma anche filmati privati mai visti, registrazioni inedite, fotografie, documenti privati e molto altro.

Il titolo del film si riferisce ad un mix creato dallo stesso Cobain con un 4 piste a nastro nel 1988 di cui ci sono due versioni, una di 36 minuti e l’altra di otto; parte di questo collage si trova anche su youtube.

Quello che si vede nel film è probabilmente il ritratto più intimo mai realizzato sulla vita di Cobain, sono inclusi filmati in Super 8 con Kurt che suona un piano giocattolo, conversazioni con Buzz Osborne dei Melvins, Cobain adolescente che racconta la sua relazione con il punk oltre ovviamente ad una serie di out take e versioni embrionali di quelle che sarebbero diventate canzoni di culto.

Il film di Brett Morgen è prodotto da HBO

Michele Faggi