Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Secondo festival della 50 giorni di Cinema, il Festival Internazionale di Cinema e Donne compie 36 anni; la prima giornata comincia oggi alle 15:30 con una prima serata interamente dedicata alla Svezia, leggi tutti i dettagli e il programma completo 

Di

La 50 Giorni di cinema ospita la 36ma edizione del Festival Internazionale di Cinema e Donne da oggi fino a Martedi 11 Novembre.
Dedicato a sei cinematografie nazionali diverse, la programmazione del Festival comincia oggi 6 novembre; la Svezia è la protagonista della prima serata con il film delle 21:00 programmato presso il cinema Odeon di Firenze; Stockholm Stories è diretto da Karin Fahlén e sarà presentato in sala alla presenza della regista e dell’Ambasciatrice di Svezia in Italia Ruth Jacoby.
Film che racconta la città attraverso lo sguardo di alcuni personaggi: Johan, scrittore giovanissimo, Douglas che rincorre l’amore di Anna, Jessica, pubblicitaria che si scontra con le leggi sull’adozione, Thomas lavoratore indefesso perso tra lettere d’amore.

Ma la giornata include anche film di altre nazionalità con Costanza Quatriglio che presenta “Il Mondo addosso“, suo lungometraggio del 2006 che racconta di quattro immigrati dalla Moldavia, l’Afganistan e la Romania e che adesso vivono in Italia.

Segue “Belles endormies“, due segmenti da 16 e 30 minuti della Belga Léa Rogliano; “Passo a due” di Margherita Pescetti e Teresa Iaropoli, mediometraggio di 49 minuti e in chiusura delle proiezioni pomeridiane “Ned med Vabbnene! (Giù le Armi)” diretto dalla danese Holger-Madsen.

Dopo il film Svedese delle 21:00 è prevista la proiezione di “Notre cri du Coeur. Le donne e il conflitto in Casamance” diretto da Paola Montecorboli, mediometraggio di 48 minuti.

Da non perdere l’aperitivo delle 19:00 con i vini degli sponsor principali, tutte aziende vinicole condotte da donne, previsto in sala specchi sopra la sala del cinema Odeon, tutto in onore della Svezia e che include un incontro con Karin Fahlén, Teresa Iaropoli, Paola Montecorboli e Léa Rogliano.

Per un programma completo della rassegna, segui questo link.