mercoledì, Ottobre 21, 2020

Il ragazzo della porta accanto di Rob Cohen: la recensione

Un veterano come Rob Cohen è per forza passato attraverso quella reazione a catena innescata da Fatal attraction, il film diretto da Adrian Lyne nel 1987 e che negli anni successivi ha aperto la strada a titoli decisamente più densi come La mano sulla culla di Curtis Hanson e il bellissimo L’albero del male di William Friedkin; mine piazzate al centro del cuore famigliare pronte ad esplodere in tutta la loro forza visionaria e politica.

Se c’è qualcosa che rimane ancora forte nel film di Lyne, allora maltrattatissimo, è lo scontro fisico Close / Douglas, nonostante i tentativi di Howard Atherton nel patinare l’immagine e condotto con una notevole forza di tipo “basico”, la stessa che Joe Eszterhas perfezionerà in quegli anni fino a raggiungere il massimo con il Jade di Friedkin.

Se Rob Cohen non avesse 66 anni, scavare troppo nel passato non avrebbe alcuna utilità, non solo perché “Il ragazzo della porta accanto” è ospitato nella casa di Jason Blum, ma anche per la tendenza industriale del cinema statunitense degli ultimi anni che fagocita e rilancia vecchi modelli come se fossero parte di un vasto archivio digitalizzato e organizzato per tipologie. È il problema che sta certamente alla base del nuovo Poltergeist, piccolo prodotto senza forza come spiegava bene Michele Faggi e che non si pone al centro di alcun dibattito teorico, se non appunto quello strettamente funzionale all’industria, nonostante l’imprimatur di Raimi, la cui produzione forse cerca di stabilire contatto con una nuova fandom, votandosi al contrario all’inerzia più spinta, come nel pessimo La casa affidato a Fede Alvarez.

Converrebbe allora parlare di Obsessed – Passione fatale, il film diretto nel 2009 da Steve Shill, regista televisivo e autore di un buon numero di episodi della serie Dexter, dove Beyonce si trova nella stessa situazione di Anne Archer nel film di Lyne, in un corpo a corpo che ribalta il gioco delle parti e che trova il suo culmine con una lotta furibonda sul parapetto di una rampa di scale.

Il film di Cohen, almeno nell’esasperazione pop è più vicino a quello di Shill, con una Jennifer Lopez incredibilmente ignorata dal marito (John Corbett) e il nuovo vicino di casa (Ryan Guzman), giovane “barely legal” che ossessionato dalla sensibile e sexy professoressa di letteratura, entra di prepotenza nella sua vita con un’ossessiva tattica seduttiva ai limiti dello stalking.

Va da se che Cohen non sia minimamente interessato a tirar fuori dai suoi attori malessere emotivo, ma neanche sangue sudore e secrezioni, basta pensare alle sequenze in cui la Lopez si specchia provando un nuovo completino intimo per raccontarsi e raccontarci che dietro i classici della letteratura pulsa ancora l’anima di una lady del ghetto; c’è più “scontro” ed energia nel “duetto” con Iggy Azalea (tra l’altro con un paio di citazioni tamarre dal cinema di Lyne) che durante gli amplessi con Guzman, il primo per lo meno funzionale a restituirci in termini visivi l’ossessività martellante del dispositivo techno / R’n’b commerciale come una questione di ritmo e di corpi.

Questo per dire che lo spostamento nell’ambito scolastico, con la relazione allievo/professoressa è una tiepidissima variazione sul tema senza forza e che uno specialista di b-movies come Cohen avrebbe potuto forzare in una direzione estrema e furiosa, raccontando la deriva violenta che nidifica proprio negli ambienti formativi, senza usare lo scudo protettivo del buon gusto.

A poco serve il tentativo di esasperare i toni attraverso una parte conclusiva ultra-gore con occhi che schizzano fuori dalle orbite e il mostruoso Guzman che non muore mai. Anche “I ragazzi della porta accanto” di Penelope Spheeris mettevano a ferro e fuoco la suburbia statunitense evidenziando il declino di un intero sistema sociale, ma più di figurine ritagliate su uno sfondo di genere, nei loro eccessi erano ancora anime dolenti.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

ECONTENT AWARD 2015