martedì, Settembre 29, 2020

It follows di David Robert Mitchell – Torino Film Festival 32, After Hours: la recensione

Jay, una giovane e attraente ragazza di un quartiere suburbano, dopo la prima notte d’amore con il suo fidanzato, viene narcotizzata e legata. Il ragazzo le rivela di averle trasmesso con quel rapporto carnale una maledizione. Un’entità misteriosa la seguirà fin quando non riuscirà ad ucciderla. L’unico modo per liberarsi è trasmettere la maledizione a qualcun altro. Avrà così inizio una catena senza fine.

L’opera prima di David Robert Mitchell potrebbe esser letta ad primo impatto come una metafora orrorifica. Il perverso gioco a rimpiattino, la catena senza fine a cui danno inizio i ragazzi, potrebbe alludere infatti alle spiacevoli conseguenze del sesso occasionale, all’AIDS e sottintendere la moraleggiante necessità della pratica del sesso sicuro. Se seguissimo questa linea interpretativa, l’espediente narrativo non sarebbe di certo una novità. Già celebri pellicole come Il bacio della pantera di Tourneur, secondo una, in parte discutibile, analisi di Scorsese, non sarebbe altro che una metafora in chiave horror per raccontare le complesse turbe mentali di una donna frigida; sull’onda della psicanalisi freudiana all’epoca sviscerata e stuprata da mille sceneggiature hollywoodiane.

Ma quello su cui sembra porre maggiormente l’attenzione il regista americano è quel senso di confinamento in un ambiente iper-protetto come quello della periferia americana ed il consecutivo bisogno di evasione da parte di una generazione sulla soglia dell’età adulta. Un’età che coincide non a caso con l’affiorare di paure e incertezze, per ciò che non si conosce, o che non gli si è voluto far conoscere. Così come al mare sconfinato, poco distante da casa, Jay predilige la sicura cornice di una piscina. È infatti in un contesto in cui si erigono delle invisibili pareti di cinta che si muovono i personaggi, pareti invisibili come le presenze arcane che ne minacciano la tranquillità, il futuro, la vita.

In quest’ottica, il sesso si inquadra come la soglia d’emancipazione e il principio del baratro verso cui andrà incontro la giovane generazione, con la progressiva presa di coscienza della realtà del mondo. Una fobia intangibile che si trasmuta in paranoiche manie di persecuzione.

Mitchell, come un folle entomologo, intrappola i ragazzi/insetti in un sistema chiuso dove fa irrompere una minaccia invisibile, scatenando una pandemia vampiresca. È un sistema labirintico quello popolato dai protagonisti, un percorso intrecciato, come i cieli del quartiere suburbano e come lo stesso labirinto della mente in cui non sembra esserci via d’uscita.

Andrea Schiavone
Andrea Schiavone
Andrea Schiavone, appassionato di cinema ha deciso di intraprendere studi universitari in ambito cinematografico. Laureatosi in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza di Roma ed attualmente studente magistrale in Cinema, Televisione e New Media alla IULM di Milano.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015