giovedì, Settembre 16, 2021

La Giornata della Memoria: Una rassegna a Firenze e l’anteprima di Parce que j’étais peintre

Quelli della Compagnia, Fondazione Sistema Toscana, presentano una rassegna di film che si concluderà in occasione della Giornata della Memoria, la ricorrenza annuale e internazionale, celebrata il 27 gennaio, per ricordare le vittime dell’Olocausto.

La rassegna comincia oggi, 19 gennaio e proseguirà nelle date del 20 e del 27, conclusione affidata all’anteprima nazionale del film di Christophe Cognet, “Parce que j’étais peintre”, film sui dipinti clandestini realizzati nei campi di concentramento nazisti e presentato allo spazio Alfieri di Firenze alla presenza dello stesso Cognet.

L’inizio della rassegna è previsto per le 16 di oggi con Il grande dittatore di Charlie Chaplin, prosegue alle 18.30 con “Arrivederci Ragazzi” di Louis Malle, film Leone d’Oro al Festival di Venezia nel 1987.

La giornata di Martedi 20 Gennaio inizia alle 15.30, con “Notte e nebbia“, di Alain Resnais (leggi l’approfondimento su indie-eye) prosegue alle 16.30 con il film “Concorrenza sleale” di Ettore Scola, con Gerard Depardieu, Sergio Castellitto e Diego Abatantuono e si chiude alle 18.30 con “Train de vie” di Radu Mihaileanu.

Martedi 27, per la Giornata della Memoria, l’appuntamento da non perdere è quello con l’anteprima nazionale del film “Parce que j’étais peintre” di Christophe Cognet, presentato alla presenza del regista, alle 20:30 sempre presso lo Spazio Alfieri. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Institut Français Firenze e l’Università degli Studi di Firenze, Dipartimento SAGAS

Il film è un’inchiesta sulle opere d’arte realizzate clandestinamente da alcuni pittori nei campi di concentramento nazisti. Un dialogo con i rari artisti deportati ancora vivi, la scoperta di opere d’arte dimenticate e oggi rinvenute nei depositi in Francia, Polonia, Germania, Repubblica Ceca e Belgio, con tutto il carico di poesia e sofferenza che ancora comunicano. La documentazione delle immagini clandestine, raffiguranti persone e paesaggi, uccisioni e orrori, salvate dagli orrori dei campi, che oggi pongono nuovi interrogativi sul concetto di opera d’arte e di bellezza.

La rassegna è a INGRESSO LIBERO

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertismentspot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img