mercoledì, Ottobre 21, 2020

La memoria del agua di Matías Bize – Venezia 72, Giornate degli autori

Una distrazione, questione di un attimo, e le vite di Javier e Amanda cambiano per sempre. Esistenze che ora si dividono tra un “prima” e un “dopo”, tra come sono andate le cose e come avrebbero dovuto. Tutto per un incidente che nessuno dei due poteva evitare. Ci vorrà molto tempo per elaborare la morte del figlio di quattro anni.
La morte corre sulle acque di una piscina nel quinto della filmografia di Matías Bize, e le tracce del suo passaggio imprimono il senso delle azioni di Javier e Amanda, esseri mutati, mai più come prima.
Dunque non risulta mai conciliatorio sul piano dei sentimenti, nonostante la delicatezza del registro che permette di cogliere le sfumature lievi del loro amore. Incatenato e reso impossibile dalla presenza di quell’ombra che offusca i loro cuori, ossessiona Amanda con l’idea che la felicità di coppia sia un delitto efferato: la colpa sarebbe quella di cancellare lo spazio occupato da quel vuoto, assenza che diviene presenza.

Javier tenta, rimane saldo al suo legame con la sua lei, tenta di riportarla a sé, anche offrendo la prospettiva di un futuro differente, ma insieme. Ma il freno rimane sempre tirato, precludendo il superamento del dolore per la perdita e la possibilità di impegnarsi ancora una volta, come quando erano fidanzati, dall’inizio.

“La memoria del agua” rende ancora più limpido il fatto che non esista un meccanicismo, un ingranaggio dei sentimenti, non un tasto che si possa premere per riavvolgere il nastro. Tutto segna, in un modo o nell’altro, tutto rimane impresso nell’acqua, elemento vitale di cui siamo fatti, specchio nel quale riflettere la nostra interiorità.

Rachele Pollastrini
Rachele Pollastrini
Rachele Pollastrini è curatrice della sezione corti per il Lucca Film Festival. Scrive di Cinema e Musica

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

ECONTENT AWARD 2015