sabato, Settembre 26, 2020

Lucca Film Festival 2017 – Ha! Terra di Ana Vaz: Concorso cortometraggi

La brasiliana Ana Vaz è una cineasta preziosa. Nel suo cinema la relazione tra identità, storia e mito ha una posizione centrale, tanto da spingerla ad utilizzare complesse tecniche di racconto dove l’assemblaggio, le diverse fonti aurali e visive, il found footage e il cinema tout court, contribuiscono a riconfigurare la retorica del documentario etnografico, virando in modo più specifico verso il cinema di poesia come accade per autori come Miguel Gomes.

Per la stessa Vaz Ha! Terra filma il movimento di un combattente, il suo occhio come sguardo diacronico sulla storia in divenire. La corsa tra predatore e preda nello slittamento della soggettiva tra figura umana e sfondo, quindi terra e personaggio, terra e identità in contrasto.

Filmato in 16mm e con il suono fuori campo disassemblato da alcuni frammenti di Francisca di Manoel de Oliveira, Ha! Terra segue la lotta giocosa di una nativa con la macchina da presa, mentre le parole di memoria coloniale “Terra! Terra!” vengono ripetute ossessivamente da una voce fuori campo.

L’entroterra brasiliano emerge come personificazione diretta del territorio attraverso la figura della ragazza e la sua corsa fuori dal “quadro”, come se fosse corpo inenarrabile, irregimentabile, inafferrabile, ininquadrabile anche dal fuoco della macchina da presa.

Il confronto rappresentativo, al contrario, è quello con le convenzioni dell’etnografia tradizionale rifiutata dalla Vaz e sintetizzata dalle pitture di Johann Moritz Rugendas che compaiono alla fine del film e che la cineasta brasiliana monta in modo quasi improvvisativo, per liberare quella stessa rappresentazione e renderla finalmente viva. Contro ogni forma di espropriazione quindi, perché è il nativo stesso per Ana Vaz ad assumere la qualità apolide dello sradicamento, l’idea rivoluzionaria del senza terra come qualcuno che non necessita di radici.
Cinema politico ma che rifiuta l’immaginario politico di un cinema ideologicamente predeterminato, come ha raccontato la Vaz in numerose interviste. È invece il materiale che le interessa, la territorialità,  la scrittura, il punto di vista.

Bellissimo film in concorso nella sezione corti dell’LFF 2017 curata da Rachele Pollastrini.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

ECONTENT AWARD 2015